Coopera con me: qual è la cantina sociale del cuore?

Coopera con me: qual è la cantina sociale del cuore?

di Antonio Tomacelli

Non tutte le cooperative vengono per nuocere e stilare una lista delle migliori cantine sociali italiane non è un’impresa impossibile. Secondo la rivista inglese Decanter sarebbero 9 quelle di cui fidarsi alla cieca per gli acquisti ma, secondo noi, non è poi così difficile arrivare alla cifra tonda e, col vostro aiuto, magari arrivare a numeri più interessanti. Vediamo i prescelti, intanto:

1. Cantina Tramin – Termeno, Alto Adige

2. Cantina Terlan – Terlano, Alto Adige

3. St. Michael Eppan – Appiano, Alto Adige

4. Kellerei Nals Magreid – Nalles, Alto Adige

5. Cantina Valle Isarco – Chiusa, Alto Adige

6. Cave Mont-Blanc de Morgex et de La Salle – Morgex, Valle d’Aosta

7. Produttori del Barbaresco – Barbaresco, Piemonte

8. Cantina Santadi – Santadi, Sardegna

9. Cantina Gallura – Tempio Pausania, Sardegna

Per la decima posizione sarei fortemente indeciso tra la Cantina Due Palme di Cellino San Marco (in Puglia, ovviamente), la cantina sociale di Venosa, nel cuore del Vulture, e Settesoli in Sicilia. Ottimi vini e belle realtà cooperative che creano ricchezza e badano alla qualità. Decreto un ex-aequo e non se parla più, ma adesso la parola passa a voi: la vostra coop preferita?

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

67 Commenti

avatar

Stefano

circa 3 anni fa - Link

La Chablisienne!

Rispondi
avatar

Maurizio Gily

circa 3 anni fa - Link

good choice

Rispondi
avatar

Daniele

circa 3 anni fa - Link

Per qualità dei prodotti (di nicchia) come non citare la Cantina Produttori Nebbiolo di Carema

Rispondi
avatar

Ale

circa 3 anni fa - Link

quoto, e a questo proposito (pochi km di distanza) citerei la Cave Cooperatives de Donnas

Rispondi
avatar

andrea jermol groppi

circa 3 anni fa - Link

Senza dubbio. Anche per il rapporto qualità prezzo

Rispondi
avatar

Alberto R.

circa 3 anni fa - Link

Per me Carema Produttori Etichetta Nera batte Donnas CC Etichetta Bianca con un secco 6-2 6-3. Tutta lì la differenza, tra un nebbiolo snello ed uno scheletrico... Sulle Riserve invece ho troppi pochi assaggi di Donnas per esprimermi.

Rispondi
avatar

Max Cochetti

circa 3 anni fa - Link

Valpantena Negrar

Rispondi
avatar

FabioC

circa 3 anni fa - Link

Rimango sul locale, realtà forse piccola rispetto alle altre ma una delle uniche ad essere sopravvissuta nel Lazio. Anzi ha saputo rinnovarsi e crescere in qualità, parlo di Cincinnato e dei suoi vini da vitigni autoctoni come Bellore (a bacca bianca) e "Nero Buono" di Cori (a bacca rossa). Si trova a Cori, in provincia di Latina ma a confine con i Castelli Romani, e continua a lavorare molto con i soci per il miglioramento delle produzioni a partire, appunto, dai vigneti.

Rispondi
avatar

Fabrizio

circa 3 anni fa - Link

cavoli, ma... mancano le Cantine Sociali dell'Oltrepo'.. come mai?

Rispondi
avatar

amedeo

circa 3 anni fa - Link

A FabioC, bellone, non bellore (probabilmente un refuso). Ne cito due, nord e sud, Erste+Neue e La Guardiense.

Rispondi
avatar

FabioC

circa 3 anni fa - Link

Sì Amedeo, refuso... Ovviamente è Bellone! Grazie

Rispondi
avatar

mariazzo

circa 3 anni fa - Link

ma anche la Cantina Sociale Valpolicella Negrar non è malaccio. Ottimi vini già dai "base"

Rispondi
avatar

Francesco Garzon

circa 3 anni fa - Link

Vecchia Torre di Leverano, ci passo davanti ogni estate per andare al mare, da quel di Copertino (dove anche li la canina sociale non è mica male) a Porto Cesareo. Ottimi prezzi buoni vini, dal Salento rosato al Salice Salentino, ma anche il Vermentino dice la sua.

Rispondi
avatar

Marco

circa 3 anni fa - Link

Antichi poderi di Jerzu Produttori di Carema

Rispondi
avatar

Alberto

circa 3 anni fa - Link

Ci sarebbero anche la Cantina di Soave che, almeno con la linea Rocca Sveva, produce vini interessanti, così come Cupertinum a Copertino (LE), in Puglia, che fra l'altro offre un rapporto q/p stratosferico...

Rispondi
avatar

Roberta

circa 3 anni fa - Link

Cantine Settesoli

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 3 anni fa - Link

Letto l'articolo....ed Erronemente il buon D'Agata aveva inserito la ARPEPE....che non e una coop

Rispondi
avatar

GiovanniP

circa 3 anni fa - Link

Sardus Pater

Rispondi
avatar

Emanuela

circa 3 anni fa - Link

Cantine Settesoli senza dubbio alcuno!

Rispondi
avatar

Augusto

circa 3 anni fa - Link

Cantine Settesoli nel magico Menfishire!

Rispondi
avatar

Ruggero Romani

circa 3 anni fa - Link

colonnara...

Rispondi
avatar

Samantha

circa 3 anni fa - Link

Cantine Colomba Bianca, il più grande produttore di vini biologici d'Italia

Rispondi
avatar

Totò P

circa 3 anni fa - Link

Cantine Colomba Bianca uber alles!

Rispondi
avatar

Giuseppe Clemente

circa 3 anni fa - Link

CANTINE SETTESOLI (per la qualità attestata dei vini).

Rispondi
avatar

Vanessa

circa 3 anni fa - Link

Senza dubbio Settesoli!! lo compro sempre, sia Settesoli al supermercato che Mandrarossa in enoteca...vini buonissimi! ;) e poi hanno una comunicazione social molto ben fatta. Grande e bellissima realtà, Vane

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 3 anni fa - Link

Sì certo, la comunicazione social. Tipo scatenare i fanboy nei commenti di un blog. Io vi avviso, almeno cambiate gli account mail, o variate gli IP, che non ci state facendo proprio una bellissima figura. E pensare che Settesoli era inclusa già nel post. Eh, ma voi ci avete la strategia social. [img]http://s8.postimg.org/4pwv976kl/sette.jpg[/img] Ah, tanto per risparmiarvi le ricerche, alcoscomunicazione indovina chi ha nel portfolio? Settesoli.

Rispondi
avatar

Ale

circa 3 anni fa - Link

aahahahahahahah

Rispondi
avatar

Sergio

circa 3 anni fa - Link

Settesoli è sicuramente la sorpresa, molto oltre quello che solitamente ci si aspetta da una ottima cantina Siciliana

Rispondi
avatar

Sergio

circa 3 anni fa - Link

Settesoli è sicuramente la sorpresa, molto oltre quello che solitamente ci si aspetta da una ottima cantina Siciliana

Rispondi
avatar

amedeo

circa 3 anni fa - Link

Grazie Fiorenzo, a dirla tutta mi era venuto un sospetto...

Rispondi
avatar

Maurizio Gily

circa 3 anni fa - Link

Senza offesa Tomax ma "non tutte le cooperative vengono per nuocere" non mi pare un incipit degno del tuo acume. Che ci siano cooperative che fanno vini di M.. non è un mistero per nessuno, ma non è che manchino esempi della tipologia M anche tra gli imbottigliatori, gli industriali e i vignaioli indipendenti (perché vignaioli senza aggettivi sono anche i soci delle coop), Cioè, scrivere nel 2016 un pezzo per dire che ci sono vini buoni ANCHE tra le cooperative e citarne ben 10 in Italia non è una visione della realtà che io possa condividere. Le cooperative sono, in teoria, le aziende che potrebbero fare i vini di selezione migliori in assoluto, avendo tutto quello che serve: patrimonio vigneti con ampia possibilità di scelta e variabile in funzione dell'annata, macchinari, enologi preparati etc. Sul perchè nella realtà questo non avvenga così spesso (ma nemmeno così raramente: dalle degustazioni cieche arrivano spesso mazzate a certi "benchmark" proprio dalle cooperative) si potrebbe discutere a lungo. Comunque io sotto il Rubicone voto Venosa e sopra voto per le Cantine di Negrar e di Soave (Rocca Sveva). In Piemonte e in Abruzzo non mi esprimo per conflitti di interesse, ma non c'è solo l'ottima Produttori del Barbaresco. Ciao

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 3 anni fa - Link

Mauri mi potresti illuminare un attimo sule coop. di Negrar e Soave? Dalle poche informazioni che ho non sono tutto 'sto splendore e l'uva vale una cippa proprio. Sul Piemonte, anzi nello specifico su Barbaresco, mi esprimo dicendo solo che di coop. ce ne potranno essere tante ma come qui nessuna. A parlare ineluttabilmente sono valore dei vini nel mondo, posizionamento del marchio, ruolo storico fondante per la denominazione e - last but not least - valore delle uve. Che non scrivo solo per rispetto delle altre cooperative che dovrebbero solo fare un tour annuale alla PdB per statuto.

Rispondi
avatar

Maurizio Gily

circa 3 anni fa - Link

Ti illumino subito: su Negrar e Soave hai delle informazioni di merda e chi te le ha date non sa o non capisce nulla. Come in tutte le cantine di una certa dimensione (tipo Colonnara, per parlare della tua regione) ci sono uve di qualità molto differenti, comprese partite molto scarse, ma ci sono anche uve eccezionali e la qualità media è più che dignitosa. Infatti nel post precedente ho parlato di vini selezione e non di tutta la produzione. Su PdB ti dò completamente ragione, ma PdB è una cantina sociale del tutto particolare, è focalizzata su un solo prodotto di prestigio e ha le dimensioni di un'azienda agricola. Non è confrontabile con altre.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 3 anni fa - Link

Ragazzi, solo Nord? Siete passati a Salvini e non dite niente, birboni birboni! Vabbé, passi la nord-filia ma almeno la Cantina Viticoltori del Morellino la dovevate mettere per forza; non soll fa ottimi vini, ma è anche da sempre il riferimento storico dell'intera Matemma. Scusate se è poco.

Rispondi
avatar

Maurizio Gily

circa 3 anni fa - Link

Fatemi aggiungere Cupertinum in Puglia. E anche alcune del trapanese dopo aver dormito per mezzo secolo si stanno svegliando. Ci saranno grandi sorprese nei prossimi anni.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 3 anni fa - Link

Però al Nord, in questo caso è un'altra cosa. Nel nord montagnardo ancora di più. Perché in quei luoghi impervi si tratta veramente di conferitori con un fazzoletto di terra, non un tovagliolo o una tovaglia. Proprio alla Prowein mi sono imbattuta nei vini prodotti da La Crotta di Vegneron - Chambave, Val d'Aosta. Poco più di 70 conferitori permettono di produrre appena 200.000 bottiglie. I vini, buonissimi, i prezzi dignitosi, le dimensioni - per una cooperativa - piccole. Non solo, c'è nel loro stare insieme lo sforzo di proporre vitigni autoctoni - personalmente mai sentiti nominare, ma questo non è affatto un deterrente considerando la mia ignoranza -. Voglio dire, se Decanter, una rivista a volte parruccona e conservatrice, considera tante cantine sociali di montagna e le mette in cima (!) alla classifica, ci sarà un motivo.

Rispondi
avatar

Ale

circa 3 anni fa - Link

quoto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ne cito in particolare 2 vini: Chambave Muscat Attente (bianco secco) e Chambave Muscat Passito Prieurè (passito dolce). Provateli ! e comunque anche il resto della produzione alla Crotta vale sicuramente l'assaggio

Rispondi
avatar

Ruggero Romani

circa 3 anni fa - Link

Belisario, che fa prodotti ottimi e ha tenuto a galla il Verdicchio di Matelica...

Rispondi
avatar

Paolo

circa 3 anni fa - Link

Cantine Settesoli, se la conosci, la ami.

Rispondi
avatar

Ignazio

circa 3 anni fa - Link

Cantine Settesoli. N.1

Rispondi
avatar

Daniele

circa 3 anni fa - Link

Oh, non mollano :-D

Rispondi
avatar

Franz

circa 3 anni fa - Link

Kellerei Meran

Rispondi
avatar

a.luigi

circa 3 anni fa - Link

Almeno una nella Caviroland la vogliamo salvare :D ? dico Le Rocche Malatestiane- Rimini. Straquoto la già citata cantina Produttori di Carema e aggiungo anche la cantina Viticoltori Ingauni- Ortovero (sv)

Rispondi
avatar

Johan1974

circa 3 anni fa - Link

http://www.cooptriasso.it/index.html# Cooperativa Agricola Triasso-Sassella-Sassi Solivi - Valtellina -

Rispondi
avatar

Mauceri I

circa 3 anni fa - Link

Cantine Settesoli

Rispondi
avatar

FabioC

circa 3 anni fa - Link

No basta, ve prego bloccateli!!! ma si', li lasciamo fare ancora un po' poi finiscono nell'umido. [F.]

Rispondi
avatar

Julio

circa 3 anni fa - Link

Cantine Settesoli in Sicilia, un'azienda e un territorio a dir poco meraviglioso

Rispondi
avatar

Ale

circa 3 anni fa - Link

www.cantinesettesoli.it

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 3 anni fa - Link

Tanto per continuare col mood comico/situazionista, i nostri Julio, Ale e Mauceri hanno lo stesso IP. Per una curiosa coincidenza inoltre due email su tre sono fasulle. Naturalmente ci stiamo divertendo moltissimo, da questa parte del monitor. [img]http://s16.postimg.org/4kp78luxh/ip_lol.jpg[/img]

Rispondi
avatar

elle

circa 3 anni fa - Link

a questo punto, sono loro naif o qualcuno li sta trollando?

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 3 anni fa - Link

ah, arrivati a sti punti tutto e' possibile, per quello parlavo di situazionismo, ormai siamo oltre, siamo all'avanspettacolo, al metalinguaggio, aspettando godot, dalla terra alla luna, gianni e pinotto.

Rispondi
avatar

gp

circa 3 anni fa - Link

Per essere precisi, la lista delle 9 coop è un po' arbitraria, come si può verificare leggendo l'articolo originario qui http://bodegaspatrocinio.com/blog/ In realtà, D'Agata su Decanter ne illustra più in dettaglio 8 (le 9 citate meno la CS Gallura). Nel box sugli 8 vini consigliati sono presenti anche la CS Gallura e ArPePe -- che notoriamente non è una coop (con buona pace del mitico giornalismo anglosassone...). Nel testo dell'articolo queste due aziende sono nominate in coda, tra quelle "degne di una menzione d'onore", insieme a Cantina Tollo, Cavicchioli, Chiarli 1860, Cantina di Mogoro e Cantina del Vermentino-Monti. L'articolo comunque dà l'impressione di essere stato scritto di fretta, dedicando molto spazio al Nord e in particolare all'Alto Adige e poi chiudendo bruscamente con un elenco frammentario in cui la Sardegna ha la parte del leone.

Rispondi
avatar

Sergio

circa 3 anni fa - Link

Esistono ancora i Produttori di Manduria? ci passai un tempo sulla strada per le vacanze, e ricordo un Primitivo dolce buonissimo, il "Madrigale" PS: non potete capire quanto mi sia scaduta "Settesoli"...!

Rispondi
avatar

bruno

circa 3 anni fa - Link

CPV di manduria esistono ancora e da quelle parti c'è anche la Cooperativa S.Marzano. P.S. Settesoli è scaduta anche a me

Rispondi
avatar

amedeo

circa 3 anni fa - Link

Per tutti quelli del Fan Club Settesoli...guardate che non si vince niente, eh!

Rispondi
avatar

Sergio

circa 3 anni fa - Link

sei sicuro?

Rispondi
avatar

Capex

circa 3 anni fa - Link

Solopaca...non solo per i vini.

Rispondi
avatar

Claudia

circa 3 anni fa - Link

Allora Madonna dei Miracoli in Abruzzo Dorgali e Trexenta in Sardegna Cantine Intesa a Modigliana Tollo ancora in Abruzzo Poi se volute vado avanti

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 3 anni fa - Link

Certo, vai avanti. Purché la qualità sia al livello di quelle menzionate in partenza.

Rispondi
avatar

bruno

circa 3 anni fa - Link

come dire in scioltezza cose scomode

Rispondi
avatar

silvio castagnone

circa 3 anni fa - Link

Vinchio e Vaglio Serra , grandi Barbera d' Asti

Rispondi
avatar

Daniele

circa 3 anni fa - Link

Cantina La Torre di Castel Rocchero: Barbera Asti, Cortese, Brachetto e Moscato d'Asti!

Rispondi
avatar

Sergio

circa 3 anni fa - Link

Forse sono condizionato favorevolmente dal prezzo basso, ma ho trovato in gdo Terre del Barolo. E' una cooperativa? ho davvero goduto della linea Le Terre Barbera d'Alba e Dolcetto di Diano d'Alba, e anche la Favorita (2015 però) non è male. davvero bottiglie da bere tutti i giorni mi sono parse. Ovviamente, nulla a che vedere con PdB...

Rispondi
avatar

Nicola

circa 3 anni fa - Link

Settesoli è già stata detta? Oggi no. [F]

Rispondi
avatar

Alberto R.

circa 3 anni fa - Link

Ma, scusate, 60 e passa post...Caldaro, Cortaccia anyone? Annamo bbene...proprio bbene...!

Rispondi
avatar

natasha

circa 3 anni fa - Link

Proporrei i Produttori del Barbaresco

Rispondi
avatar

Alberto R.

circa 3 anni fa - Link

1° Aprile...urca, mancano sette giorni a ViniVeri...pensateci, SETTE SOLI... ^.^

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.