Ciao, io sono Bruno, il cavallo che lavora per l’ES di Gianfranco Fino. Questa è la mia storia

di Alessandro Morichetti

Riceviamo e gentilmente pubblichiamo questa lettera autografa, a prova di zoccolo.

Ciao amici di Intravino, io sono Bruno e sono appena stato ingaggiato per lavorare le vecchie vigne di primitivo da cui nasce l’ES di Gianfranco e Simona Fino. Mi dicono che questo vino sia molto buonissimo e super-premiato ma io non è che l’ho mai provato. Il mio babbo Pasquale è molto felice perché lui non ha vigna ma ama me e i miei fratelli e quando Gianfranco gli ha fatto sapere che voleva lavorare con noi io sono stato molto contento.

Sì che questo Gianfranco mi sembra un tipo un po’ particolare. A 13 anni se ne è andato in collegio a Locorotondo per studiare enologia e racconta che dietro a dove viveva, nella campagna tarantina, c’erano alberelli di primitivo lavorati col cavallo. Lui se ne ricorda ancora, pensa te.

Che poi, quaggiù nel profondo sud dove siamo, del marketing ci interessa poco, perché a quanto mi dicono io sono bravo a fare tante cose: soprattutto, sono bravo a non compattare il terreno e preservo la fauna terricola.

Motozappa e fresoni triturano gli alleati dell’uomo mentre io ai lombrichi ci voglio bene e mi stanno pure simpatici. Ok, non siamo proprio compagni di gioco ma sono carini, quei birichini si infilano dappertutto e sbucano dove meno te li aspetti. Che poi non sono mica delle gran cime perché quando sentono il rumore della fresa invece che nascondersi loro salgono in superficie e ci lasciano le penne… Beh, sì, insomma, avete capito.

Ok ok, non siamo proprio velocissimi e ariamo in 5 giorni un ettaro, mentre con la motozappa ce ne vorrebbero solo 3. Ma volete mettere la differenza?

Comunque sia, cari amici di Intravino, devo dire che un po’ della mia fortuna è dovuta a quella terra che chiamano Borgogna. Lassù il mio Gianfranco è riuscito a parlare con l’amico del cavallo che ara le terre del Domaine de la Romanée-Conti, conoscete questo nome? Ebbene, questo signore lavora per varie aziende e parla benissimo in italiano: quando ha visto che erano curiosi, ha fermato i lavori e si è avvicinato per parlare a lungo, e per Gianfranco è scoccata una scintilla che covava da quando era piccolo. E così eccomi qui: dei 10 ettari in cui nasce l’ES da quest’anno mi occupo io. Ne sono molto felice ed orgoglioso, ci credete?

E sappiate che se qualcuno farà le vostre solite battutine da umani, tipo che il vino profuma di cavallo, io non sarò per niente felice, e soffrirò tantissimo. Ma Gianfranco e Simona sono tanto bravi e faranno un ottimo lavoro, come sempre. E io sarò contentissimo!

Adesso però lasciatemi andare. La pausa pranzo è finita e si lavora, capito? Ciaooooo!

Bruno, cavallo

[Foto: Federica Dinoi]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

8 Commenti

avatar

Flachi10

circa 5 anni fa - Link

Morikitty tu non stai bene...

Rispondi
avatar

Andrea D.

circa 5 anni fa - Link

Però quegli accessori fanno molto ...Bruna

Rispondi
avatar

Stefano Menti

circa 5 anni fa - Link

solo Alessandro poteva scrivere un articolo così. Bello, mi piace e diverte.

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 5 anni fa - Link

Bizzarro. Proprio stasera al cineforum dalle mie parti danno "Il cavallo di Torino". Copio/incollo da Mymovies : "Il film è liberamente ispirato a un episodio che ha segnato la fine della carriera del filosofo Friedrich Nietzsche. Il 3 gennaio 1889, in piazza Alberto a Torino, Nietzsche si gettò, piangendo, al collo di un cavallo brutalizzato dal suo cocchiere, poi perse conoscenza. Dopo questo episodio il filosofo non scrisse più e sprofondò nella follia e nel mutismo. Il regista afferma: 'Il film segue questa domanda: cosa accadde al cavallo?" Ora credo di sapere la risposta.

Rispondi
avatar

Lorenzo Corino

circa 5 anni fa - Link

Semplicente bravi , la terra e' il valore fondamentale,. Buon lavoro

Rispondi
avatar

Salvo Silvestro

circa 5 anni fa - Link

Complimenti a Gianfranco Fino e al suo Bruno! anche Salvo Foti sull'Etna utlizza un meno nobile asino per arare il terreno e i risultati sono straordinari....

Rispondi
avatar

Susanna

circa 5 anni fa - Link

I cavalli da vigna non sono di quella razza...

Rispondi
avatar

Rocco Catalano

circa 5 anni fa - Link

Ho contezza di un Cavallo in Puglia che fa vini strepitosi. Di nome fa Dario e l’azienda si chiama Milleuna. In fondo il nobile animale fatica solo la terra. E poi dire che non interessa il Marketing è di un retorico scadente, d'altronde questo articolo altro non è. Serenità.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.