Ci mancava solo BIG, il cavatappi di Campagnolo (quello delle bici)

di Alessandro Morichetti

Qualcuno mi aiuti a capire perché da solo non c’arrivo: sei Campagnolo e ti amiamo per ruote e cambio delle bici professionali. Sei la storia d’Italia del pedale e la mia Bianchi sol vecchio Centaur ancora tiene botta. Ora, che diamine c’entra il cavatappi BIG, pensato dal sor Tullio, evidentemente era più pratico di bici che di bottiglie?

Lo sanno pure i muri che l’omino col verme fa più danni che altro e io, che potrei essere al 100% il tuo target, dovrei comprarlo a soli 171 euro? Ok artigianalità, puro design italiano, Made in Vicenza e quant’altro, ma dàààài…

Uff! Per dispetto e solidarietà insieme niente cavatappi per me – che stappo per bere e non regalo per stappare – ma metto in agenda che coi primi tre spicci rinnovo il cambio alla bici. E sempre viva Tullio Campagnolo e la grande Italia che pedala.

PS: circola da 5 mesi ma me ne sono accorto oggi, rimane un oggetto davvero bello: per uno stress test, ad ogni modo, sono pronto a lasciarvi il recapito. Alla peggio ci addrizzo le manopoline del freno.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

10 Commenti

avatar

sensazioni di pasta

circa 4 anni fa - Link

Ma, a casa mia ne circola uno risalente almeno agli anni 60.... Era il cavatappi di mio nonno, guai a toccarlo!!!

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 anni fa - Link

Eh ma fagli una foto! Sarà certamente uno dei primi modelli disegnati, questo è la rivisitazione contemporanea deluxe :D

Rispondi
avatar

Sergio

circa 4 anni fa - Link

A parte che non ci hai scritto che "il cavatappi è concepito in modo da non forare mai la parte inferiore del tappo" (ma come farà?), non posso perdonarti di aver omesso che esiste sia la versione satinata che quella bronzata. Anche io ne ho a casa uno del nonno di foggia simile: pesa più di una moderna bicicletta da corsa. E fora regolarmente la parte inferiore del tappo.

Rispondi
avatar

Sandro Minella

circa 4 anni fa - Link

Non circola da 5 mesi, ma dal 1966... ed è il prodotto Campagnolo prodotto da più tempo. Invece un cavatappi moderno e realmente estremo (per non usare altri aggettivi) è il russo Sveid, dall'abbordabile costo di 50.000€, ovviamente nella versione base (www.sveid.com)

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 anni fa - Link

Se non ho capito male, il disegno è quello del 1966 in grossa parte mentre le due versioni Bronze e Satin sono del 2013, gli 80 anni di Campagnolo. Carino ma continuo a preferire la componentistica per bici :D

Rispondi
avatar

Armin

circa 4 anni fa - Link

Strano investire in una tecnologia obsoleta. ;-)

Rispondi
avatar

Gianpaolo Giacobbo

circa 4 anni fa - Link

Che ci crediate o no questo era un must negli anni settanta , io ne ho tre. Serviva a chi si imbottigliava il prosecco colfondo per attutire il rinculo della pressione sul tappo in sughero raso. Campagnolo ha inventato questo con una molla interna .

Rispondi
avatar

Marco

circa 3 anni fa - Link

Io ne ho uno bronzo da 35 anni e funziona perfettamente ancora oggi. Ha un brevetto unico. Ne ho preso anche uno satinato qualche anno fa.. è un oggetto unico. Un regalo da fare ad amici che tra quarant'anni si ricorderanno di voi.

Rispondi
avatar

Luigino

circa 9 mesi fa - Link

Se possibile vorrei sapere come pulire il mio big bronzato con 40 anni di età. Grazie, Luigino

Rispondi
avatar

roberto gaziello

circa 2 mesi fa - Link

Oggi ne ho trovato uno in un mercatino, lo cercavo da tempo in quanto uno uguale era sulla barca a vela dove lavoravo da ragazzo, anche questo trovato oggi e passato in mani famose, adesso e da sistemare, è stato pitturato e presenta proprio male....cercherò di farlo di nuovo anodizzare.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.