Barolo, Valpolicella e Marche: i primi 3 libri di Mauro Fermariello per Mondadori. La nostra pagella

di Alessandro Morichetti

Ci sono persone dei cui traguardi è impossibile non rallegrarsi e Mauro Fermariello (Winestories) è una di queste. È entrato nel mondo del vino in punta di piedi col suo talento fotografico e tutt’oggi conserva una caratteristica che lo contraddistingue da tutti coloro che parlano di vino: lui non ne capisce nulla e lo dice. Non parla di cose che non sa e conserva intatto quello spirito da reporter che non modifica la realtà in cui entra ma si premura di registrarla, nitida ed autentica as is.

Ho tra le mani da alcune settimane i primi 3 libri che Fermariello ha pubblicato con Mondadori, in edicola dal primo aprile. Inaugurano la serie Andar per Cantine partendo da Barolo, Valpolicella e Marche (224 pp., 18 euro cad.). Una denominazione che è anche comune, una regione vitivinicola che è anche denominazione e una regione intera, l’unica al plurale: geometria variabile che scontorna l’aggregato a seconda del peso specifico.

La struttura dei volumi è molto lineare. Dopo i brevi cenni sulla zona, 20 cantine per ogni volume* raccontate con uno stile molto riconoscibile: Fermariello lascia parlare gli interlocutori, li mette a proprio agio per coglierne il flusso di coscienza. La punteggiatura ricalca gli stacchi di montaggio dei video di cui i testi sono spesso fedele trascrizione (li trovate gratis su Winestories) e funge da metronomo, non intralcia o sovrasta. Le domande sono sussurrate, spesso non riportate, e la bellezza delle cantine raccontate dagli occhi di chi le vive non è scontata. Fermariello non provoca o incalza, vuol capire per raccontare, lascia parlare. Prendete Zeno Zignoli di Monte dei Ragni, ad esempio (ne parlammo qui): nel video esce esattamente la sua anima e il testo scritto è fedele trasposizione del registrato, con lievi intermezzi in cui l’autore mette accenti: “Mentre ascolto, mi viene da pensare a un capo indiano, alla saggezza dei nativi americani”. In generale, la documentazione video-fotografica è da 9 pieno. Non poteva essere altrimenti.

Scelta delle aziende: 20 cantine per volume è un numero sufficiente ma impossibile accontentare tutti. Tante le sorprese, questo sì, e pure qualche assenza. I nomi poco mainstream non mancano ed è un bene raccontare storie veraci e sincere che funzionano alla grande, narrativamente e commercialmente. Voto: 8Manca una cartina geografica riassuntiva di tutte le tappe (voto: 5) ma questa potrebbe essere un’indicazione per le prossime uscite. Le cartine nel risvolto della terza di copertina sono parecchio bruttine e poco fruibili, senza strade . Non sarebbe male perfezionarle (Voto: 6-).

I luoghi da visitare, le persone da conoscere è un sotto-titolo molto azzeccato. I vini bevuti, la setosità dei tannini e i descrittori sono sullo sfondo di un libro che non si addentra nel bicchiere ma gira intorno a chi lo produce. Rallegra gli animi constatare gli esiti sorprendentemente non banali cui può giungere uno sguardo felicemente avulso dalle interferenze narrative di matrice celolunghista.

Un libro da tenere sul comodino per fantasticare la prossima escursione enoica. Quanto all’utilità, non è difficile immaginare esiti imprevisti, del tipo: “È su quel libro che ho conosciuto Accomasso. Che poi lui è più burbero di me” (Flavio Roddolo, il cui capitolo è sottotitolato “Il burbero”).

[Foto: Mauro Fermariello]

* Andar per cantine – BAROLO: Accomasso, G.D. Vajra, Marcarini, Ratti, Marchesi di Barolo, Mascarello Bartolo, Chiara Boschis, Giuseppe Rinaldi, Luciano Sandrone, Conterno-Fantino, Ferdinando Principiano, Paolo Conterno, Flavio Roddolo, Paolo Scavino, Cavallotto, Ettore Germano, Massolino, Augusto Cappellano.

Andar per Cantine – MARCHE
: Fattoria Mancini, Alessandro Moroder, Malacari, Umani Ronchi, Gioacchino Garofoli, Stefano Mancinelli, Villa Bucci, Fattoria San Lorenzo, Pievalta, La Marca di San Michele, La Distesa, Fattoria Coroncino, La Monacesca, Collestefano, Alberto Quacquarini, Oasi degli Angeli, Poderi Capecci San Savino, Tenuta Cocci Grifoni, Aurora, Fiorano.

Andar per Cantine – VALPOLICELLA
: Giuseppe Quintarelli, Cantina Valpolicella Negrar, Monte dall’Ora, Villa Bellini, Lorenzo Begali, Speri, Tedeschi, Novaia, Albino Armani, Ca’ La Bionda, Antolini, Masi, Allegrini, Monte Santoccio, Monte dei Ragni, Bertani, Roccolo Grassi, Corte Sant’Alda, Romano Dal Forno.

 

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

8 Commenti

avatar

max cochetti

circa 5 anni fa - Link

Grande Mauro!!!

Rispondi
avatar

Eretico Enoico

circa 5 anni fa - Link

Tre recensioni che invitano a leggere questi primi tre volumi e per una volta credo che sarà apprezzata da tutti la giornata , domani 7 maggio,dedicata a "winestories" presso the Westin Palace Milano.Ais Milano farà gli onori di casa e tra banchi degustazione sarà possibile anche acquistare i volumi ... segnalo l'evento perché ho sempre condiviso da semplice appassionato ( non vorrei fare uno spot ) il blog di Fermariello,l'autore.

Rispondi
avatar

Luca Miraglia

circa 5 anni fa - Link

Qui a Napoli non c'è un edicolante che abbia sentito parlare di questi libri, eppure li pubblica Mondadori! Sarà anche questa una colpa di Genny 'a carogna?

Rispondi
avatar

mauro fermariello

circa 5 anni fa - Link

caro Luca, come potrai intuire dal mio cognome, non è stata fatta alcuna discriminazione territoriale. Semplicemente, è stata fatta una tiratura prudenziale, e la diffusione sta avvenendo principalmente nelle zone interessate. Ma qualsiasi libreria può prenotarli e riceverli in un paio di giorni. Oppure si possono cercare sul web. Come sicuramente starà facendo Genny. :)

Rispondi
avatar

Luca Miraglia

circa 5 anni fa - Link

Caro Mauro, i capelli bianchi e la mia formazione politico-culturale fanno sì che la mia memoria porti ben fisso il tuo cognome, che mi era noto sin dagli anni '70 del secolo scorso, nonchè l'evidente origine territoriale. Ho solo rimarcato l'aria basita degli edicolanti cui ho chiesto conto delle pubblicazioni, proprio perchè ero sicuro che fossero distribuite anche nella tua (e mia) città; è evidente che attiverò tutte le mie conoscenze (tra le quali, purtroppo, non posso annoverare Genny) per entrare in possesso dei libri. Ancora complimenti per il tuo appassionato/ante lavoro.

Rispondi
avatar

gian paolo

circa 5 anni fa - Link

miticoMauro!!!vedremo di comprarle tutte!!

Rispondi
avatar

Rondinella

circa 5 anni fa - Link

Presi! Letti tutti d'un fiato. Molto belli.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.