Barolo che diventa Borgogna? Livello dei prezzi in zone nobili e zone depresse a confronto

di Alessandro Morichetti

Partiamo da qui: “Se l’operaio che lavora la vigna non può permettersi il vino che lui stesso contribuisce a produrre, c’è qualcosa che non va” (Fabio Marchionni, Collestefano).

In realtà saremmo potuti partire da qui, da Henry Ford: “Perché strapago i miei operai? Perché devono essere in grado di acquistare le auto che producono”. Beh sì, lo stesso Ford che disse anche (1863 – 1947) qualcosa di proprio non del tutto affine all’idea di terroir: “Ogni cliente può ottenere un’auto colorata di qualunque colore desideri, purché sia nero”.

Barolo 2010 ieri e Brunello 2010 oggi hanno consacrato due zone top del vino italiano sui mercati internazionali: bottiglie contese e il dilemma dei prezzi che bussa. Cresceranno a dismisura come è accaduro in Borgogna a partire dalla vendemmia 2005? Tra mercato primario e secondario il nesso sembra ormai così stretto da poter prevedere una parabola imminente come ravvisa un osservatore privilegiato come Francesco Oddenino, collezionista albese, bevitore seriale, grandissimo esperto di Langa e Borgogna nonché – BREAKING NEWS – inviato di Intravino a Nebbiolo Prima:

Alba quest’estate mi ricordava molto Beaune quando uscirono i 2005. Secondo me avremo altre due annate di Barolo (2011 e 2012) a prezzi accessibili con iniziali difficoltà di piazzamento dei vini, poi con la 2013 si riproporrà lo stesso problema della Borgogna 2009 e i prezzi sul mercato secondario triplicheranno. A quel punto si adegueranno i produttori aumentando notevolmente i listini diminuendo di conseguenza la disponibilità per i clienti storici e vendendo tanto direttamente sul mercato secondario di nascosto.

Tutto probabilmente molto vero, e io di Francesco su queste dinamiche mi fido ciecamente. Noto però che, conseguentemente, si pone un problema di carattere generale: l’aumento dei prezzi con annessa ricchezza creata in una zona viticola è un plusvalore o un disvalore? Perché mentre parliamo di sostenuto prezzo medio per bottiglia in zone nobili, abbiamo parallelamente prezzi da fame in zone valide – diciamolo, spesso strepitose – ma trattate al prezzo delle ig-nobili. Staremo mica finendo – col perenne auspicio di prezzi “popolari” – per eccedere in isteria da consumatore tradito?

Spendiamo e spandiamo centinaia di euri per vini talvolta del cazzo e poi se Greco e Fiano di Avellino di Pietracupa (vini magnifici sui 15 euro in enoteca) arrivano a 30 euro da qui a 3-5 anni che facciamo? Al ladro al ladro o EVVIVA EVVIVA?

Parliamone. Fabio Marchionni fa una scelta che ritiene giusta per sé e così deve essere ma non sono per niente sicuro che scelte diverse siano criticabili. Ognuno fa i conti per le bottiglie che produce e per i mercati che si è saputo creare. E mentre sono felice di bere cose strepitose a poco, dall’altra mi girano allegramente le scatole sapendo che il prezzo basso è sinonimo di depressione, dove non di generalizzata e perdente svendita delle uve.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

4 Commenti

avatar

Alessandro

circa 4 anni fa - Link

Spero che il Barolo non miri a copiare la Borgogna, a livello di prezzi, un po' come la Franciacorta ha provato / sta provando a fare con lo Champagne, perchè volere copiare qualcuno non avendone, non dico le qualità, ma sicuramente l'immagine, si rischia di prendere legnate sui denti molto dolorose.

Rispondi
avatar

michele fino

circa 4 anni fa - Link

Ottima analisi, Morichetti! C'entrano e molto il fattore mito (io so' Barolo\Brunello e voi nun siete...) e anche un certo costo di produzione embedded: dal costo della terra agli obblighi di affinamento in legno. Chi si muove con altra libertà nel produrre i suoi vini (non a livello di cantina, ma di intera denominazione) ovviamente stenta maggiormente a recuperare certe spese. No?

Rispondi
avatar

Francesco

circa 4 anni fa - Link

Ciao, a montalcino ormai trovare un 2010 è difficile e i prezzi sono lievitati. Per il Barolo 2010 idem, spero rimangano con i piedini per terra altrimenti toccherà guardare altrove. E non tutte le annate sono eccezzionali, cosa farnnom con quelle così e così absseranno il prezzo? i consumi calano (siamo sotto i 40 lt) e il vino lo fanno da tante parti, devono stare attenti a non forzare la mano, vistomche anche a bordeaux stanno avendo i loro problemini

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 anni fa - Link

Sì ma diciamo anche che per arrivare ai livelli di Bordeaux ci vuole qualche annetto, forse decenni. A Montalcino è difficile trovare - non tutto - ma solo alcuni prezzi sono cresciuti, magari con preavviso antecedente punteggi vari. Che i consumi calino è dato da contestualizzare: è cambiata la società, vorremo mica solo incolpare qualche zona che magari è diventata un attimino più prospera?

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.