Autochtona non è la solita fiera del vino. Vi regaliamo tre biglietti per credere

Autochtona non è la solita fiera del vino. Vi regaliamo tre biglietti per credere

di Intravino

Se il vostro cuore batte solo per la corvina o il susumaniello, abbiamo la fiera che fa per voi. Il 20 e il 21 ottobre, infatti, ritorna Autochtona, il forum dei vini autoctoni che si tiene come ogni anno a Bolzano. Pensateci, un salone del vino interamente dedicato alle piccole realtà, spesso sconosciute, che rappresentano un patrimonio enologico unico al mondo, fatto di vigne preziose e vigneron la cui unica missione è preservare le tradizioni e l’identità di un territorio.

Più di 300 le etichette in assaggio nella due giorni bolzanina che avrà due interessanti appendici, Vinea Tirolensis, un’area dedicata ai vignaioli del Tirolo (22 Ottobre), e Tasting Lagrein,  la degustazione comparativa presieduta quest’anno da Christine Mayr, Presidente di AIS Alto Adige, che assegnerà i riconoscimenti per i migliori vini Lagrein (23 Ottobre).

Vi segnaliamo, inoltre, la presenza in fiera di una delle sette donne Master of Wine degli Stati Uniti, la giornalista statunitense Christy Canterbury, che presiederà la giuria di “Autoctoni che passione!”. A lei e agli altri componenti della giuria spetterà il compito di decretare i top wine dell’edizione 2014.

Dimentichiamo niente? Ah, si, i biglietti di ingresso: Autochtona ne regala tre ai più simpatici lettori di Intravino, quelli che dimostreranno una passione smodata per i vitigni autoctoni.

Fatevi sotto, il forum è vicino!

[Post sponsorizzato]

19 Commenti

avatar

EC

circa 6 anni fa - Link

Dalla Romagna, famoso, centesimino e soprattutto uva longanesi...per chi avesse voglia di conoscere il Burson!

Rispondi
avatar

carolain cats

circa 6 anni fa - Link

buonissimo vino che mi ha portato il mio prof di chimica una volta!!

Rispondi
avatar

EC

circa 6 anni fa - Link

Vero...purtroppo è ancora poco valorizzato (anche se è nato un consorzio per la sua tutela a Bagnacavallo) e pubblicizzato. Ma ha davvero un sacco di potenziale!

Rispondi
avatar

matteo

circa 6 anni fa - Link

Giusto per capire. .. basta commentare/rispondere al post??

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 6 anni fa - Link

Nella maniera più brillante e appassionata di vitigni autoctoni possibile :-). Poi l'Altissimo deciderà :D.

Rispondi
avatar

luca

circa 6 anni fa - Link

Nella vita ci vuole molto impigno, fortana e tanta sgavetta per chiavennasca una passerina!

Rispondi
avatar

EC

circa 6 anni fa - Link

Hai vinto.

Rispondi
avatar

massimo

circa 6 anni fa - Link

Ciao, sono un'uva rossa sfigatella, nata nel posto sbagliato e alcune carte dei vini di grandi ristoranti non sanno neanche che esisto. Inoltre i cari vignaioli che puntano su di me non ancora ben capito come mi devono trattare, se mi esprimo meglio da giovane o se posso maturare, se in legno o in acciaio, insomma ognuno dice la sua e intorno a me c'è grande confusione (tipico nella regione in cui vengo coltivata). Però vi giuro che qualcosa da dire ce l'ho pure io, profumo di fiori, viola in particolare, e di frutti rossi, come le marasche che crescono dalle mie parti, la ciociaria, terra ricchissima di tradizioni, chiusa dai monti e per questo poco conosciuta. Ma io, cesanese di Affile, qualcosa da dire vi assicuro di averla

Rispondi
avatar

antonio f.

circa 6 anni fa - Link

ahem.... l'anno scorso ero tra i vincitori.... e non fui ricontattato :)

Rispondi
avatar

Homo

circa 6 anni fa - Link

@Luca Bella...ci provo anche io, ma non temere, non sono in gara, non potrei andarci... Una PASSERINA marchigiana vide un FAMOSO NEGRETTO del posto passare vicino a una SCHIAVA che si beveva un whiskey TORBATO. Lo fermò e gli chiese se non si sentisse un PRIMITIVO a guardare la sfortunata fanciulla con quegli occhi da BELLONE. Lui, molto CORTESE, le rispose che se in realtà era un NERO BUONO, solo che da buon CALABRESE le piacevano molto le signore. Lei si voltò per andarsene, ma lui che era molto PIGNOLO, prima che lei si allontanasse, le chiese come si chiamava. MONICA le rispose e subito lui la invitò nel BOSCO. Lei cedette e lui la portò nella sua CASETTA. Appena entrati, sul tavolo, li aspettavano due fette di PECORINO, un DOLCETTO. Lei si commosse, le scese una LACRIMA sul viso e mentre un GRILLO fuori friniva, i due autoctoni si unirono in un cocktail rosè casalingo 

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 6 anni fa - Link

Autoctoni per sempre, il sangiovese la vincerà!

Rispondi
avatar

Josje

circa 6 anni fa - Link

E se una sta girando Italia gia piu di quattro mesi per scoprire tutti questi autochtoni e dove sono nati e cresciuti? Per poi scrivere un libro per il mercato Olandese.

Rispondi
avatar

maurix

circa 6 anni fa - Link

Bandiera Autochtona trionferà! evviva il pagadebit ed il sciacchetrà !

Rispondi
avatar

Giorgio

circa 6 anni fa - Link

αυτοχθων viene tradotto dal mio vecchio vocabolario Rocci come "nato nel suolo stesso", quindi è ovvio che uno desidera bere questi vini piuttosto che gli alloctoni, che a rigor di logica sono nati fuori dal suolo: merlot come vino idroponico?

Rispondi
avatar

giuseppe

circa 6 anni fa - Link

C'e' qualcosa che mi Ribolla in testa,un canto di Grillo inesorabile sotto un cielo di Muristellu...evidentemente sto pensando a quella bella Passerina,sai com'e' da buon Cesanese ci penso a certe cose non potrei vivere sempre Raboso e Pignoletto dedito al lavoro. Mettete i fiori nei vostri Cannonau e passeggiate nel Bosco dell'amore con la Corvina Monica...poi portatela nel vostro Piedirosso..sara' lusingata di cenare con voi...ma non fissatela troppo prima che vi venga un Cataratto...ammaliatela con un Salamino di Modena, un vassoio di Pecorino per poi passare alla vostra specialita' la Coda di Volpe alla Vaccinara concludete il tutto con la torta di Nosiola...Sarete cosi' il suo Re...fosco per una notte!!!!

Rispondi
avatar

Nicola

circa 6 anni fa - Link

Ovviamente anche io fui scelto, l'anno passato, per godere di nettari selvatici in quel dell'Alto Adige... poi, elegantemente, declinai l'invito per partecipare ad una cena in cui si bevvero solo internazionali, altro che sbrodolate italiche!!! Io ad Bolzano non vado nemmeno se mi scegliete anche quest'anno tra i vincitori dei tre biglietti... così, per essere coerente con le mie decisioni! W il Merlot!

Rispondi
avatar

EC

circa 6 anni fa - Link

Tranquillo, quest'anno non verrai scelto.

Rispondi
avatar

Daniele

circa 6 anni fa - Link

Dialogo surreale e un pò mascettiano tra un signore e me . ''Signore ! Mi scusi ...'' ''Dica.'' ''Per caso ha Intravino Mammolo che si Sgavetta e Spergola a sinistra come se fosse antani ?'' ''Come scusi ? Cosa devo aver visto io ?'' Cercavo Mammolo ma va bene anche il nano Ortrugo . Dov ' è ? Le sopracciglia del signore cominciano a farsi vicine , le narci e la voce più grandi'' ''Quale nano ? Non capisco ..'' ''Mah signore ! Ovviamente il nano Ortrugo che nel Bosco si Tintilia l' Ucelot e poi si perde .E' quasi cieco .'' Urla .'' Santa Maria ancora il nano ? '' Adesso le sopracciglia si toccano. Un attimo di silenzio poi sbotta .'' Ho capito le è comunista e si riferisce al presidente! ''No mai ! Non mi permetto ! .Auguro al presidente di essere a casa sua a fare il cacc' e mmitte con la Pelaverga Grossa e Piccola nella Durella Prunesta della Pascale .'' ''Si vergogni !!!! '' Il signore è andato via e io rimango solo con queste parole : ''Nasco parlo Abbuoto e mi sento Busanello ''

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 6 anni fa - Link

I biglietti d'ingresso se li aggiudicano i lettori: Josje Maurix Antonio F. (a titolo di risarcimento) Riceverete istruzioni per il ritiro nella vostra email. Grazie a tutti

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.