Anteprime Toscane. Il Chianti Classico Riserva 2012 e 2013

Anteprime Toscane. Il Chianti Classico Riserva 2012 e 2013

di Leonardo Romanelli

E’ sempre viva la menzione Riserva o è un nome che rischia la scomparsa? La Gran Selezione ha nuociuto a questa versione di Chianti Classico o le varie tipologie hanno modo di esprimersi secondo un contesto autonomo? Gli assaggi dimostrano che la Riserva è diversa dalla Gran Selezione anche se, ad onor del vero, è forse presto per marcare da un punto di vista gustativo e stilistico le due versioni: sembra quasi che la Gran Selezione abbia raccolto il testimone dell’innovazione, mentre nella Riserva si assiste ad una ricerca continua di eleganza, dosaggio del legno misurato, con vini molto più fini e sottili rispetto al passato. Da un punto di vista di mercato il nome Riserva è sempre trainante e quello che si è ottenuto oggi è indubbiamente una maggiore bevibilità, con una gestione dei tannini che, in generale, risulta più appropriata

CHIANTI CLASSICO DOCG RISERVA 2013

VILLA ANTINORI
Corretto nello svolgimento olfattivo, frutti piccoli, intenso, corpo morbido, freschezza bilanciata, poche emozioni ma ben costruito 83

BIBBIANO MONTORNELLO
Naso stimolante, dove si abbina la frutta matura ad elementi speziati come chiodi di garofano e pepe. In bocca è sapido, nervoso, pieno, gustoso e di bella lunghezza 90

CASTAGNOLI TERRAZZE
Bouquet non scontato, anche sentori terziari accennati di tabacco, poi frutto maturo e qualche cenno di spezia. Austero, tannini bilanciati 85

CASTELLARE DI CASTELLINA CASTELLARE
Mineralità come prima sensazione, con erbe aromatiche tipo alloro e salvia a contraltare, quindi frutta matura. Fresco, vigoroso e teso, in crescendo 90

CASTELLO DI GABBIANO
Integro nel bagaglio olfattivo, ordinato, con sentori di confettura di more e ribes, quindi un corpo bilanciato e dalla freschezza calibrata, tannini fusi, finale lieve 87

CASTELLO MONTERINALDI
Antico al naso, con funghi e sottobosco a prevalere su una base fruttata stramatura. Morbido all’impatto, poi non equilibrato tra tannini e acidità, termina veloce 79

CECCHI RISERVA DI FAMIGLIA
Il bouquet aromatico è composito, comprende frutti di bosco e spezie, quindi erbe aromatiche fresche come timo. Solido nel corpo, gustoso, sapido nel finale 88

DIEVOLE NOVECENTO
Buona la componente olfattiva, dove si ritrobvano sensazioni mature di frutti classici come ciliegie e prugne. Avvolgente in bocca, tannini ben inseriti, finale asciutto 86

FATTORIA DI CORSIGNANO L’IMPERATORE
Bilanciato il comparto aromatico, con buona alternanza tra confettura e frutti maturi, da ciliegia a ribes. In bocca è sostanzioso, caldo, avvolgente 85

FATTORIA LE FONTI (Campione di botte)
Da regolare nella parte degli aromi, ancora stramaturi, non pulitissimi, piccoli cenni speziati di chiodi di garofano. Corpo morbido, largo, di buona persistenza 80

FATTORIA SAN GIUSTO A RENTENNANO LE BARONCOLE  (Campione di botte)
Sentori di frutti di bosco, suddivisi tra lamponi, ribes e mirtilli. Lineare lo svolgimento gustativo, equilibrato, invitante, fresco 84

LE MICCINE (Campione da botte)
Ancora dominato dal legno come naso, con sentori di spezie prevalenti su base fruttata concentrata. Corpo strutturato da mettere in equilibrio 79

LUIANO
Stimolante al naso, dove le spezie tipo chiodi di garofano e cannella ancora prevalgono sul frutto. Teso in bocca, da trovare equilibrio e rilassamento 82

MONTE BERNARDI
Invitante il bouquet, che presenta sentori vegetali gradevoli, frutti piccoli, spezie alternate. In bocca è maturo, saldo, di bella tensione 87

MONTERAPONI IL CAMPITELLO
Bouquet sontuoso, dove in ordine regolare appaiono le note fruttate mature, la liquirizia, il caffè lieve, poi una bocca invitante, vivace persistente e gradevole 92

ORSUMELLA CORTE RINIERI
Ordinato al naso, con sentori di frutta matura, alternati a qualche cenno di erbe da macchia mediterranea. Corpo bilanciato e corretto, fresco nel finale 85

POGGERINO BUGIALLA
Intrigante il naso, dove tutto appare sfumato e lieve, dal frutto alla spezia passando alle erbe. Bocca avvincente, di progressione godibile e potente 91

POMONA BANDINI VILLA POMONA
Pulito e ben messo il naso, dove si alternano sentori di frutto maturo come mora, poi cannella e pepe. Corpo largo, di buona consistenza, dal finale rilassato 85

PRINCIPE CORSINI VILLA LE CORTI CORTEVECCHIA
Quasi scolastico il bouquet, con ordine preciso di frutto, spezie e vegetale. Corpo bilanciato tannini ben messi, finale asciutto e caldo 88

ROCCA DELLE MACIE RISERVA FAMIGLIA ZINGARELLI
Un naso integro, quasi spogliato, frutto vivace, ciliegia imperiosa, solo cenni di menta a chiudere. Grande bevibilità, fresco e invitante 91

SANTO STEFANO DRUGO
Un tuffo nel passato con frutti maturi, non troppo percepibili e spezie a rinforzare, ancora poco riconoscibili. In bocca è sodo, tannino evidente, finale contratto 79

TENUTA DI NOZZOLE NOZZOLE
Bella pulizia olfattiva, che mette in risalto il bouquet con frutti assortiti e sensazioni vegetali e balsamiche. Corpo lieve, gustoso, bevibile, in progressione positiva 89

TORCIBRENCOLI MARIA GIOCONDA
Al naso è di buona correttezza olfattiva, qualche cenno speziato su una bella base fruttata. Corpo corretto, senza fronzoli, appena corto sul finale 84

VAL DELLE CORTI
Integro il naso, bel bouquet composito dove si alternano il ribes alla ciliegia ed alle sensazioni vegetali di alloro e salvia. Piacevole il gusto, rilassato, fresco, vivace 90

VIGNAMAGGIO GHERARDINO
Buona la componente olfattiva, pulitissima, integra, con cenni di timo su ciliegia evidente. Corpo largo, non oppressivo, soffice, equilibrato 89

VILLA CERNA
Naso che ricorda i sentori del passato rivisti in chiave moderna, dalla prugna alla cannella. Buon equilibrio a livello gustativo, con sapidità finale avvincente 89

CHIANTI CLASSICO RISERVA 2012

AGRICOLTORI DEL CHIANTI GEOGRAFICO MONTEGIACHI (Campione da botte)
Non ancora assestato al naso, surmaturo e coprente sulla parte speziata. In bocca da registrare nella parte tannica 78

BANFI
Da manuale il comparto olfattivo, floreale e fruttato classico, con piccoli esempi di spezie. Corpo ben messo, lieve, finale saporito e pieno 85

BRANCAIA
Naso invitante dove il lampone e la ciliegia ben si fondono a qualche nota di pepe e noce moscata. Corpo rilassato, pieno, integro. Finale corretto 87

CANTALICI BARUFFO
Un bouquet che spazia dal floreale al fruttato, intenso, appena confuso nelle varie componenti. Al gusto risulta di buona consistenza, saporito, gradevole 84

CAPANNELLE
Ben svolto il bagaglio olfattivo, dove i sentori fruttati maturi di prugna si uniscono al tabacco e al cuoio. Docile il corpo, misurato, bella vena acida 90

CAPARSA CAPARSINO
Vivace la componente fruttata di mirtillo e ribes inserita su una base di ciliegia. Piacevole al gusto, equilibrato con bella progressione gustativa 89

CAPARSA DOCCIO A MATTEO
Intrigante al naso, dove la parte balsamica sposa quella fruttata nella giusta maniera. Avvincente in bocca, levigato, fresco, gustoso 92

CASALE DELLO SPARVIERO
Naso un po’ antico, basato su confettura di more  e prugne, con elementi speziati come ginepro a completare. Corretto lo svolgimento gustativo 84

CASTELLINUZZA E PIUCA
Fine e delicato nella componente olfattiva, frutti rossi ben distinti e qualche nota fresca mentolata. Lieve e gradevole in bocca, fresco senza eccessi 88

CASTELLO D’ALBOLA
Buona l’espressione olfattiva, dove il bagaglio aromatico si mostra bene nella componente fruttata. Corpo solido e gradevole, finale in crescendo 86

CASTELLO DELLA PANERETTA
Al naso diverte con buona varietà di sentori, che spaziano dalle note fruttate a spezie come pepe e ginepro. Bocca calda, tesa, invitante, ricca 88

CASTELLO DI BOSSI BERARDO
Bouquet aromatico composito, dove note di cioccolato e caffè si alternano a frutti maturi. In bocca è morbido, consistente, ampio 87

CASTELLO DI FONTERUTOLI SER LAPO RISERVA PRIVATA
Gentile ed elegante la componente fruttata al naso, cenni speziati e vegetali ben inseriti. Corpo lieve, giusta vena acida, finale in crescendo 90

CASTELLO DI MELETO VIGNA CASI
AL naso si presenta tradizionale, comparto fruttato maturo, cenni di tabacco e cuoio: in bocca è concreto, tannini definiti, finale medio 85

CASTELLO DI MONSANTO
Fresco al naso, con sentori balsamici e mentolati su frutti piccoli come ribes e mirtillo. Piacevole in bocca, lieve, succoso, sapido e lungo 92

CASTELLO DI QUERCETO
Austero al naso, sentori erbacei ben sposati alla componente fruttata. In bocca è ampio, verticale, tannini fini, buon finale appetitoso 87

CASTELLO DI RADDA
Elegante la componente olfattiva dove ancora le spezie sono ben presenti inserite su sentori fruttati di ribes e mirtillo. Il corpo è ampio, denso, docile. 85

CASTELLO DI SELVOLE
Marcato il frutto vivo e maturo, confettura di fragole e di ciliegia, appena distrubato da cenni di legno. Buon impatto in bocca, solo un po’ scoordinato 79

CASTELLO DI VERRAZZANO
Antico il naso, dove tabacco e cuoio si stagliano su fruttato sotto spirito di ciliegia e prugna. In bocca è caldo, armonico, dai tannini eleganti e lungo 88

CASTELLO DI VOLPAIA COLTASSALA
Nitido e fresco il bouquet aromatico, di erbe officinali con frutto gradevole e maturo. Avvolgente in bocca senza strafare, fresco e bilanciato 90

CASTELLO VICCHIOMAGGIO AGOSTINO PETRI
Fine ed equilibrato in bocca, sentori di tabacco e cuoio, ciliegia sotto spirito, erbe aromatiche variegate. Levigato in bocca, fresco in buon equilibrio, finale succoso 90

CINCIANO
Di buon impatto, grazie ad un fruttato semplice ma nitido. Piacevole l’ingresso in bocca, succoso, fresco, vivace 85

CONCADORO
Profumi bilanciati, di confettura mista a cenni di pelliccia e cuoio. Corpo solido, integro, poco sviluppato, corretto nel finale 80

FATTORIA DI VALIANO VALIANO (Campione di  botte )
Intrigante il naso, dove le spezie come i chiodi e la cannella si alternano al frutto vivo. Lineare e piacevole l’ingresso in bocca, tannini dosati, appena da registrare 86

FATTORIA SAN MICHELE A TORRI TENUTA LA GABBIOLA
Bouquet aromatico vecchio stile, con cenni terziari di pelliccia e tabacco su confettura di prugne, Buon equilibrio in bocca freschezza evidente, sapidità media. 83

FATTORIE MELINI VIGNETI LA SELVANELLA
Bagaglio aromatico dove la confettura di prugne si interseca alle spezie come ginepro ed erbe aromatiche varie. Lungo, morbido, fresco e gradevole in bocca 89

FELSINA RANCIA
Il naso è colpito da sentori  vivaci, di composta di frutta speziata, poi fresche note balsamiche Piacevole il corpo, ampio, levigato, in progressione positiva 90

FIETRI
Colpisce il naso il sentore di terra e sottobosco unito ad un fruttato maturo. Interessante l’equilibrio gustativo, di buona persistenza 85

I FABBRI
Minerale, nitido, vegetale con erbe aromatiche. In bocca si mostra succoso, vivace, levigato e appetitoso 90

ISTINE LE VIGNE
Bouquet appena maturo, molto antico, cenni di liquirizia e tabacco su base fruttata, Morbido in bocca tannino levigato, freschezza bilanciata 87

LA MADONNINA
Vecchio stile al naso, spezie ancora evidenti, poi cenni di frutto maturo. In bocca è corretto nel suo svolgimento, senza affanni, termina veloce 80

LA SALA
Un po’ confuso l’approccio al naso, molto fruttato ma non facile nella descrizione. Corpo solido, da registrare nella parte tannica 79

LAMOLE DI LAMOLE
Sentori balsamici e mentolati iniziali, frutto maturo, quindi cenni speziati. In bocca il corpo è ampio, regolare fresco , dai tannini eleganti 86

LE FONTI
Corretto l’impatto olfattivo, con bouquet fruttato e qualche elemento speziato. In bocca morbido e fresco, tannini fini, finale saporito 83

L’ORCIO A CA’ DI PESA
Invitante il naso, dove piccoli frutti ed erbe aromatiche si alternano gioiosamente. In bocca è vivace, sapido, di buona lena, finale in crescendo 86

LORNANO LE BANDITE
Elegante il bouquet, con note speziate di chiodi di garofano e cannella, fruttato di frutti di bosco. In bocca è caldo, denso, fresco. 89

MONTEFIORALLE
Profumo intenso, di erbe aromatiche e fruttato maturo di prugna, cenni speziati. Al gusto risulta largo, morbido, tannino integrato, appena corto 82

OLIVIERA
Bouquet di frutti misti, ciliegia, ribes e mora in particolare. Attacco in bocca lieve, prende vigore in progressione. Finale lungo 85

ORMANNI BORRO DEL DIAVOLO
Sentori freschi minerali, poi erbe aromatiche come salvia e alloro, quindi note di frutti di bosco. Morbido, levigato, fresco e sapido sul finale 91

PANZANELLO
Fruttato regolare, con spezie assortite, corretto il bouquet senza sbavature. In bocca appare bilanciato e caldo, con finale di buona tenuta 83

PODERE CASTELLINUZZA
Buoni sentori freschi, di frutti di bosco, conditi da erbe aromatiche. Corpo semplice, levigato, beverino, tannini piccoli 89

PODERE LA CAPPELLA QUERCIOLO
Bagaglio aromatico antico, note di frutti maturi, spezie assortite. In bocca si mostra saporito, dinamico, sapido, di buona persistenza 87

PODERE L’AJA
Buon impatto olfattivo, frutti di bosco come fragoline e ribes, cenni di spezie poi corpo bilanciato, fresco, di buon vigore 88

RENZO MARINAI
Comparto olfattivo da registrare, fruttato e sentori terziari mescolati, più convincente in bocca sapido, tannini ben inseriti, vivaci, finale lungo 85

RIGNANA
Classico bagaglio olfattivo di ciliegia e viola, con inserimenti di spezie assortite, equilibrato. In bocca ha vigore, fresca vena acida, buon finale 86

ROCCA DI CASTAGNOLI POGGIO A’ FRATI
Comparto olfattivo interessante, con note speziate di vaniglia e cannella, frutto potente e netto di prugna. In bocca è caldo, sapido, non troppo prolungato 87

RUFFINO DUCALE
Vivace e gradevole all’olfatto dove i frutti piccoli ben si sposano a note di sottobosco e mentolate. Intrigante in bocca, vivace e complesso, di buona tenuta 88

SAN FELICE IL GRIGIO DI SAN FELICE
Al naso si mostra di bella eleganza, suddiviso tra frutti, fiori essiccati e spezie. Buono l’impatto gustativo, regolare, morbido, succoso 88

SAN LEONINO MONSENESE
Al naso colpisce la componente fruttata spiccata evidente, poi cenni speziati. Bocca non troppo dinamica, corretta, regolare il finale 85

TENUTA DI CAPRAIA
Bouquet aromatico regolare con frutti maturi, cenni vegetali e floreali, piccoli cenni speziati. Bocca calda, corposa, dinamica, appena contratto sul finale 84

TERRA DI  SETA
Piacevole il comparto olfattivo, non troppo intenso ma regolare. In bocca è succoso, non lunghissimo, corretto 83

TORRACCIA DI PRESURA IL TAROCCO
Spezie come chiodi di garofano, pepe e ginepro, quindi fruttato maturo di more e prugne. In bocca è morbido, denso, fresco con tannini ben inseriti 85

VECCHIE TERRE DI MONTEFILI (Campione di botte)
Piacevole al naso, con sentori balsamici e mentolati, frutti piccoli, cenni di erbe aromatiche. In bocca è ancora da registrare ma pieno e succoso 88

VILLA GIULIA
Buona la componente olfattiva, non troppo esaltante, piena. Corpo succoso e regolare, pieno. Finale in crescendo 82

avatar

Leonardo Romanelli

“Una vita con le gambe sotto al tavolo”: critico gastronomico in pianta stabile, lascia una promettente carriera di marciatore per darsi all’enogastronomia in tutte le sfaccettature. Insegnante alla scuola alberghiera e all’università, sommelier, scrittore, commediografo, attore, si diletta nell’organizzazione di eventi gastronomici. Mescolare i generi fino a confonderli è lo sport che preferisce.

5 Commenti

avatar

Montosoli

circa 3 anni fa - Link

GRAZIE ! Parlerete anche del Nobile ...?? Quello che noto io e che diverse Aziende del Classico si stanno armando di troppe etichette...tra Chianti base, Riserva, Selezione, singola vigna, singolo uvaggio, assemblaggi... Tutto questo con la stessa vigna.....andando sempre piu a togliere material prima al CC base. Di questo passo si fa lo stesso di Bordeaux....dove tra Medoc, H. Medoc, B. Superior c'e ne un mare e non sanno piu dove metterlo.

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 3 anni fa - Link

Domani si parla di Nobile. Con una certa ampiezza, diciamo ;)

Rispondi
avatar

Lorenzo S.

circa 3 anni fa - Link

Una precisazione, dall'azienda Montefioralle abbiamo sbagliato l'invio dei vini alla manifestazione e per errore abbiamo mandato un cartone di Chianti Classico annata 2012 al posto della Riserva. Ce ne siamo accorti a fine manifestazione quando allo stand dei produttori abbiamo finito la Riserva e siamo andatio a prendere le bottiglie avanzate nella sezione dedicata alla stampa. Il vino assaggiato quindi dai giornalisti nei due giorni era il 2012 annata e non Riserva. Evidentemente nessun sommelier si è disturbato a leggere l'etichetta.

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 3 anni fa - Link

Come puo parlare un Sommelier....la frustazione di dover servire tanto bel vino ....e non poter bere....e talmente focosa....da far sparire la voce...

Rispondi
avatar

Podere l'AJA

circa 3 anni fa - Link

Grazie per aver apprezzato la nostra Riserva 2012.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.