Allegrini: “Diserbare rispettando la natura”. Indovinare le reazioni possibili è un gioco da ragazzi

di Alessandro Morichetti

Mi accorgo del video un anno dopo la pubblicazione ma le vie di YouTube sono infinite. Titolo: “Allegrini – Diserbare rispettando la natura”. Nel mio anno da contadino in vigna, quello del diserbo meccanico è stato un tentativo interessante su cui non ho elementi tecnici per pronunciarmi.

Svolgimento: “Nel percorso di sostenibilità aziendale iniziato 5 anni fa in casa Allegrini, un grande successo si è ottenuto grazie alla collaborazione con AgriBioMachine, azienda specializzata nelle tecnologie per l’acqua ad altissima pressione e nella gestione del diserbo senza l’utilizzo di agenti chimici”.

Chiaro, lineare, comprensibile. Con tanto di video esplicativo.

Mi accingo ora ad enucleare alcune reazioni-tipo al cospetto delle informazioni raccolte:
Tizio: “Bravi! Vorrei farlo anch’io”.
Caio: “Bleah! È marketing”.
Sempronio: “Interessante, vorrei approfondire. Io lo faccio diversamente ma così potrebbe funzionare”.
Ezechiele: “Tagliare le erbe infestanti, e perché? Io non taglio nulla, semmai cammino sull’erba senza recidere alcunché”.

Cavolo, quindi Allegrini diserba utilizzando solo l’acqua: urk, non ci capisco più niente io. Qui va a finire che le vie del vinoverismo in agricoltura sono più infinite del previsto.

 

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

9 Commenti

avatar

Sergio

circa 6 anni fa - Link

Ma l'acqua dove va a finire, si nebulizza?

Rispondi
avatar

Maurizio

circa 6 anni fa - Link

Il sistema è da mettere a punto però è estremamente interessante. Getti ad altissima pressione.

Rispondi
avatar

doxor

circa 6 anni fa - Link

L'avevo già visto (sulle Vie della rete) e comunque sia è interessante, non son esperto d'agronomia ma sto getto come fa a discernere radici buone da radici cattive? Se non altro non lascia i bellissimi filari a strisce verdi-arancioni di cui si parla in questi giorni

Rispondi
avatar

Sir Panzy

circa 6 anni fa - Link

e quali sarebbero le radici buone?

Rispondi
avatar

doxor

circa 6 anni fa - Link

Quelle della vitis vinifera, presumo...

Rispondi
avatar

carolaincats

circa 6 anni fa - Link

ne ho sentto parlare a grandi linee, praticamente è come se tu avessi attaccata l'idropulitrice e sparassi l'acqua ad una pressione grande. se poi sia esattamente così non lo so, nemmeno se funziona davvero. a me l'ha spiegata un tipo a cerea, uno che la studia.

Rispondi
avatar

Samuele

circa 6 anni fa - Link

Mooolto interessante! Praticamente è un tagliaerba ad acqua in pressione, sarebbe importante sapere dopo quanto tempo le malerbe ricominciano a crescere. Questo tempo può fare la differenza con il semplice sfalcio.

Rispondi
avatar

Tino

circa 6 anni fa - Link

Non sono agronomo, e non capisco un granché cosa esattamente sia l'ideale per una pianta come la vite. Perciò in prima linea mi interesserebbe perché si deve tagliare / eliminare l'erba vicino alla vite? Qualchuno di Voi professionisti mi potrebbe "illuminare"? Grazie!

Rispondi
avatar

Gianfranco

circa 6 anni fa - Link

Il vapore ad oggi è sicuramente il miglior diserbante bio esistente per abbandonare la chimica.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.