Ais e Bibenda: è divorzio o Grande Scisma?

di Antonio Tomacelli

È proprio vero: Today’s gossip is tomorrow’s news, ovvero, il gossip di oggi sono le notizie di domani. Martedì scorso avevamo preannunciato il divorzio tra l’Associazione Italiana Sommelier e il dominus Franco (Maria) Ricci e il divorzio, puntualmente, è arrivato.

Non si conoscono ancora tutti i particolari — alimenti, figli e divisione dei beni — ma di certo c’è che Bibenda, la guida vini dell’associazione edita da Ricci, non è più la guida ufficiale dei sommelier italiani. Il librone, infatti, rientrava nella quota associativa dei 30.000 sommelier iscritti. Fatti due conti, Ricci da oggi si ritrova con un tot di copie vendute in meno e un sacco di problemi in più.

Difficile prevedere, a questo punto, la reazione di Franco Ricci. In vita mia non ho mai visto un divorzio finito a tarallucci e vino e neanche questo, temo, farà eccezione. Restano diverse questioni sul tappeto e il Gran Rifiuto di Antonello Maietta potrebbe essere solo il primo atto di una querelle infinita nei confronti di quella che, da oggi, è solo la sede romana dell’Associazione Italiana Sommelier.

A meno che il Patriarca Ricci non si decida per l’ultimo, decisivo passo: il Grande Scisma di Roma.

(Foto credits: The Forum)

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

10 Commenti

avatar

Giovanni Solaroli

circa 7 anni fa - Link

Unbelievable! There's still hope in the wine world!

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 7 anni fa - Link

Scrive Paola Simonetti (Bibenda) al post di Doctor Wine su cui è comparsa la notizia. "Farei attenzione e verificherei l'attendibilità delle notizie, nonché l'attendibilità delle fonti, prima di procedere alla loro pubblicazione". Ma se la fonte diretta è Antonello Maietta, e se lui ha confermato la notizia, non capisco. Quindi la notizia è attendibile o no?

Rispondi
avatar

Giovanni Solaroli

circa 7 anni fa - Link

Sfrondando l'albero dai "si dice da fonte sicura" a me risulta che ci sia stato un netto rifiuto del contratto triennale proposto da Ricci. Questo non esclude che ci potrà essere un'altra forma di collaborazione. Sarebbe veramente rivoluzionario per il panorama italiano addivenire a delle rotture così repentine e visto che in ballo ci sono soldi e lavoro credo che saranno esperiti tutti i tentativi possibili per non sancire la rottura. Tuttavia non sono aggiornatissimo...

Rispondi
avatar

Giovanni Solaroli

circa 7 anni fa - Link

Mi piacerebbe aver ascoltato ogni singola parola in diretta de "la conferma".

Rispondi
avatar

Davide G.

circa 7 anni fa - Link

quindi la tessera AIS dovrebbe costare di meno ? Vi mando telepaticamente la mia risposta.....ecco vi è arrivata?

Rispondi
avatar

gian piero staffa

circa 7 anni fa - Link

Ma le altre Guide vanno bene? Si parla di crisi delle vendite per Veronelli, e se e' vero me ne dispiace. Su Doctorwine hanno recentemente parlato anche di crisi per la Guida di Luca Maroni. Bibenda 'vende' 30.000 copie ai Soci AIS e questo e' un fatto ma quante ne vende in edicola/libreria? Sempre Doctorwine rispondendo ad un mio post ha affermato ieri che la Guida del Gambero ha venduto nell'anno d'oro 70.000 copia. Era il 2007 e sono cambiati i tempi ed il modo di informarsi. Quante Guide vende oggi il Gambero e soprattutto quante ne vende Bibenda fuori dall'AIS? Quante sono le copie inviate come giustificativi che non generano utile? Secondo me non piu' di qualche migliaia. Se questo e' vero, all'AIS la Guida se la fanno da soli visto che i contatti e gli Assaggiatori professionisti li hanno. Ma se succede, si comprano il formato di Bibenda o magari si inventano un formato web?

Rispondi
avatar

Antonio

circa 7 anni fa - Link

Se confermata, la notizia sarebbe sicuramente molto positiva per l'AIS. Il connubio con Bibenda ha portato ad un'immagine dell'associazione piuttosto affaristico/***** che ha spinto molti soci (io in primis) a sospendere il pagamento della quota annuale. Mi auguro sinceramente che Maietta tenga duro su questa linea, il mio contributo sarà il rinnovo della tessera dopo 5 anni di "pausa". Antonio, non voglio spendere la tredicesima in querele e avvocati. Moderati da solo, grazie (AT)

Rispondi
avatar

Vincenzo Geminiani

circa 7 anni fa - Link

Penso e farò la stessa cosa di Antonio con la differenza che i miei anni di pausa sono di più.

Rispondi
avatar

Antonio

circa 7 anni fa - Link

Ok, comunque nel caso cercherò di contribuire secondo le mie possibilità alle eventuali spese legali!!

Rispondi
avatar

viussi

circa 7 anni fa - Link

Che bello, le Guide stanno morendo! Sono felice.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.