Abbinando Cooking Simo con l’entusiasmo che solo la misantropia sa darti

di Adriano Aiello

Sapevatelo: alle ore 14 del 30 aprile scorso la mia top 5 annuale delle notizie imprescindibile è mutata indissolubilmente. Esce – non senza poca inquietudine – Gerard Butler e il suo ghiaccio nelle mutande ed entra, grazie a Vanity Fair, la cucina nella famiglia Ventura.

Voi informati sarete a conoscenza che Antonella Clerici aka l’inventrice della cucina in televisione (sì, e Borghezio insegna Elementi di grammatica storica e dialettologia greca a Pisa) sta rivoluzionando il mondo arduo-visivo con il talent La terra dei cuochi. Le risponde la Ventura che la sfida con Cooking Simo, in cui Simona, Sara e la mamma Anna (la zia pareva avesse un virus intestinale) improvvisano un “minishow culinario per chi va di corsa” (su Cielo dal 6 maggio).

Ora, io che vado di corsa ma conservo sempre il tempo adeguato per pensare male del prossimo, mi imbatto nelle prime ricette e mi vedo costretto a pensare a degli abbinamenti, in piena par condicio con quanto fatto per Benedetta Parodi.

Lo strudel salato di Sara: funziona da antipasto o da secondo e piace ai bambini. Gli ingredienti mi sembrano un po’ incasinati: 100 gr di salmone affumicato, 1 rotolo di pasta sfoglia, 1 uovo, pesto alla genovese (basilico, pinoli, grana e pecorino, ma va bene anche quello pronto), pistacchi di bronte.
L’abbinamento low profile: Lambrusco di Sorbara secco Cavicchioli. Ben fatto, gran beva, democratico ma non dozzinale. Ci scende qualsiasi cibaria.
L’abbinamento anti-mattanza: Gewürztraminer Kastelaz 2011 Elena Walch. Bello, dorato, lungo, minerale e succoso. Perfetto se lo strudel diversamente sobrio piace solo ai bambini e gli adulti lo soffrono un po’.

Il “proverbiale” Tiramisù di Simona Ventura

Il Tiramisù di Simona. È il suo cavallo di battaglia e lei lo definisce «proverbiale» Ce lo dice Vanity Fair che aggiunge giustamente ingredienti e ricetta che sono quelli standard e vi risparmio.
L’abbinamento low profile: Moscato d’Asti Massolino. Reperibile, standard. Ha una sua finezza ma può piacere anche alla suocera che non beve, ma uno spumantino dolce quasi quasi…
L’abbinamento anti-mattanza: Malvasia delle Lipari Paola Lentieri. Un passito ricercato, vagamente hipster e altamente godurioso. Sa di mare e di nocciola ed è così lungo che se il tiramisù della Ventura non fosse indimenticabile ve lo dimenticherete lo stesso con grazia.

Foto: Vanity Fair

2 Commenti

avatar

Richie

circa 6 anni fa - Link

Magari la prossima volta l'incipit (od introitus) ad effetto lo si scelga con maggior cura: "Sappiatelo" (sic!). Articolo sincerico (crasi fra sincero ed ironico, nonché improbabile neologismo: "Lo sapevate?"). Si scherza, Adriano, si scherza

Rispondi
avatar

Adriano Aiello

circa 6 anni fa - Link

Incredibile! Qualcuno ha commentato l'articolo meno letto della storia di Intravino. Però Sapevatelo era una citazione della mitica Vulvia di Guzzanti...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.