7 buoni motivi per non amare il vino di Massimo D’Alema, vignaiolo in Umbria

di Antonio Tomacelli

Di quando in quando mi piace concedermi il lusso di un’antipatia a pelle, solo per il gusto di avere qualcuno su quei parallelepipedi in cartone di cui ora mi sfugge il nome (su consiglio del mio avvocato). Prendi Massimo D’Alema, per esempio. L’uomo fa di tutto per non apparire simpatico e, devo ammetterlo, ci riesce benissimo. Io, per dire, è dai tempi della Bicamerale che fatico a capire in che squadra gioca e la mancata legge sul conflitto di interesse non mi ha chiarito le idee. Peggio mi sento ad aprire il capitolo “privatizzazioni”, orribile neologismo che tradotto in italiano corrente suona più o meno “svendere ai privati per quattro soldi i beni pubblici” ma, tant’è, nessuno ha spiegato a Baffino che il termine giusto era “liberalizzazioni”. Ok, termino questa lunga premessa e vengo al dunque: oggi ha visto la luce il primo vino prodotto dalla cantina umbra di Massimo D’Alema e, c’è da ammetterlo, l’uomo non si smentisce mai.

Eccovi, allora, 7 buoni motivi per non amare il vino di Massimo D’Alema, vignaiolo in Umbria

1) Il vino si chiama “Sfide”. Alla nostra pazienza?
2) È fatto con vitigni alloctoni, cabernet franc per questa volta. Rive gauche, ça va sans dire….
3) L’enologo della cantina si chiama Riccardo Cotarella. What else?
4) La cantina aderisce al progetto Wine Research Team dell’enologo di cui sopra, per la produzione di vino senza solfiti. Chiamatelo “vino naturale” e metto mano alla pistola (cit.).
5) La presentazione del vino è avvenuta presso l’Ais-Bibenda di Roma di Franco (Maria) Ricci. Bruno Vespa, in compagnia del plastico della cantina, ha voluto complimentarsi con l’ex Presidente del Consiglio per la qualità del vino. Chi l’avrebbe detto, eh?
6) Il prossimo vino prodotto dalla cantina La Madeleine, sarà il top aziendale e si chiamerà “NarnOt”, il cui nome è una crasi tra Narni e Otricoli, le località tra le quali si trova la cantina dalemiana. Taglio bordolese, chettelodicoaffà.
7) La cantina ha ricevuto un finanziamento europeo di 57.000 euro. Lo stesso finanziamento negato ai precedenti proprietari. Ma và?

L’orgia del mainstream applicato al vino termina qui. Non male per un leader della sinistra. O del centro-sinistra. O del centro destra. Insomma, fate voi, tanto lui non si offende mica, eh!

P.s.: se Slowine visita la cantina, giuro, brucio il poster di Carlin Petrini che ho in cameretta.

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

58 Commenti

avatar

Eleutherius Grootjans

circa 6 anni fa - Link

Oddìo devo prendermi un Maalox®

Rispondi
avatar

Alessandro Bocchetti

circa 6 anni fa - Link

È siamo solo all'inizio... Poi non dire che nonveloavevodetto! :D Ciao A

Rispondi
avatar

Mario

circa 6 anni fa - Link

Puoi spiegare gentilmente perchè i punti 2, 3 e 4 sono dei motivi per non berlo?

Rispondi
avatar

marina

circa 6 anni fa - Link

Disgustata? e' troppo poco. Mattei sei un grande! e noi lasciamo che questo vino se lo beva Vespa....sono in perfetta sintonia lui e il nuovo "winemaker" no?

Rispondi
avatar

nico aka tenente Drogo

circa 6 anni fa - Link

sono anch'io un ammiratore di Mauro Mattei, ma diamo a Tomacelli quello che è di Tomacelli

Rispondi
avatar

Silvana

circa 6 anni fa - Link

Di venerdì diciassette.

Rispondi
avatar

Giovanni

circa 6 anni fa - Link

Come si fa a commentare senza essere volgari! Come si fa a mantenere un certo stile dopo aver letto cose del genere! Come si fa ad accettare che un personaggio del genere entri nel mondo del vino, auguro una vita di disgrazia a chiunque si metta in bocca quel liquido.

Rispondi
avatar

Silvana

circa 6 anni fa - Link

l'amaro calice della politica.

Rispondi
avatar

AG

circa 6 anni fa - Link

'Sto mondo è pieno di personaggi simili, se per quello....

Rispondi
avatar

Rossano Ferrazzano

circa 6 anni fa - Link

Ma non stiamo un po' esagerando?

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 6 anni fa - Link

un pò d'ironia - anche cattiva - non guasta.. da parte di cittadini che non hanno la scorta, non hanno subito lo stage per i figli a New York da Della Valle, non frequentano l'Aspen Institute, non hanno scarpe su misura..

Rispondi
avatar

Rossano Ferrazzano

circa 6 anni fa - Link

A me delle varie indignazioni quella più fuori luogo pare quella riguardante l'ingresso nel mondo del vino. Capisco (ma non condivido) la retorica contro la kasta, ma qui contemporaneamente (e questo mi interessa di più) mi pare che si pretenda di dare al vino una serietà che non gli compete. A mio avviso chiunque, anche i peggiori mafiosi, sono (moralmente) liberi di piantare vigna e fare vino, senza che questo possa essere ragione di scandalo per chicchessia. E penso di non dover raccontare quanto seriamente io prenda il vino, anche in chiave morale. Poi ovviamente ognuno potrà valutare se prenderà mai in considerazione l'ipotesi di comprare o assaggiare quel vino, e anche se si vuole prendere la libertà di non considerarlo a priori buono. Il vino diventa il luogo in cui vivono i valori morali e umani che è capace di accogliere quando qualcuno di degno coltiva le vigne e lavora i mosti, e quando qualcuno di sensibile se lo versa nel bicchiere. Diversamente, è solo succo di frutta fermentato, e non c'è niente di sacro che possa essere violato, in esso. E' solo un'occasione sprecata, ma ad un'uomo come D'Alema c'è ben altro da rinfacciare.

Rispondi
avatar

Rossano Ferrazzano

circa 6 anni fa - Link

e.c. dove è scritto "sono (moralmente) liberi" leggi invece "è (moralmente) libero" augh :-P

avatar

giacomo verzotti

circa 6 anni fa - Link

e a quanto è venduto questo nettare?

Rispondi
avatar

Alessandro Bandini

circa 6 anni fa - Link

Io mi auguro invece che si dedichi anima e corpo al vino, vino che siamo sempre liberi, per ora, di non bere: le conseguenze delle attività precedenti ricadono invece inevitabilmente su di noi e sulle generazioni a venire.

Rispondi
avatar

Patrizia

circa 6 anni fa - Link

Caspio! Non pensavo di doverlo mai ammettere! Ma comincio a comprendere l'astemio...

Rispondi
avatar

carlo tabarrini

circa 6 anni fa - Link

Intanto però è finito quì. certo non provo invidia per il post ;-) Giovanni e Jacopo, è arrivato il momento di una bella verticale di un vero vitigno Umbro, il Grechetto !

Rispondi
avatar

Jacopo Cossater

circa 6 anni fa - Link

presente!

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 6 anni fa - Link

venganchìo.

Rispondi
avatar

gabriele succi

circa 6 anni fa - Link

Per non parlare della Baraldini...e delle vittime del disastro della funivia del Cermis, del capitano Ashby... :twisted: :twisted: Che pena...

Rispondi
avatar

giuseppebarretta

circa 6 anni fa - Link

Caro Tomacelli la tua è una antipatia largamente condivisa, e giustificata dal dato di fatto che quanto più a sinistra vai, più baffetto è antipatico, mentre tanto più a destra ti sposti, tanto diventa un simpatico amicone. Ma voglio sperare che un paio di un prossimo vino lo chiami "arcobaleno" ed un altro paio le offra a Ciccio Cavallari.

Rispondi
avatar

Andrea Fontana

circa 6 anni fa - Link

Rincaro la dose: se Slowine la visita, smetto di collaborarci.

Rispondi
avatar

Alberto G. Tricolore

circa 6 anni fa - Link

Grazie per l'informazione, staro' molto attento a non acquistarlo,non berlo, non degustarlo e finanche ad impedire con ogni mezzo lecito ed illecito, che a qualcuno possa venir l'idea di farmi questo regalo. Che faccia di cu.. ooops, dicevo che faccia di bronzo, lui e Vespa il lecchino di tutti i cu.. parlamentari.

Rispondi
avatar

Alberto G. Tricolore

circa 6 anni fa - Link

E che schifezza e mo' non prendo sonno per qualche ora, e che schifo mi viene da vomitare.

Rispondi
avatar

luigi

circa 6 anni fa - Link

Massimo D'Alema come tanti altri politici ha acquistato della vigna e produce vino. Allora????? Beviamo a simpatia o a qualità? Quante Banche o Assicurazioni sono state o sono ancora proprietarie di eccellenti marchi di vini e spumanti? Per la simpatia che nutro su alcuni personaggi dovrei evitare di viaggiare con Italo, invece mi da un servizio e lo uso. Se ogni volta che mangio, bevo, lavoro devo pensare a chi faccio guadagnare sarei più vecchio di quello che sono. Il vino prodotto nelle cantine di D'Alema se merita o non merita a decretarlo come sempre sarà il pubblico che beve vino....tutto il resto è "noia".

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 6 anni fa - Link

Luigi, io ogni volta che mangio, bevo, lavoro cerco di sapere chi faccio guadagnare. A volte scopro di non gradire il beneficiario e cambio scelta. E non sono più vecchio di quel che sono. Anzi: mi sento più tranquillo e, se me lo concede, più libero. Non è antipatia, è libero mercato in una delle sue condizioni essenziali: disponibilità delle informazioni e loro utilizzo.

Rispondi
avatar

Arturo Terminiello

circa 6 anni fa - Link

Meglio il Sagrantino di Tabarrini!

Rispondi
avatar

Silvana

circa 6 anni fa - Link

D'alema in Umbria, Bertinotti in Maremma: un passato che ritorna.

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 6 anni fa - Link

Le giacche "bulgare" a quadrettoni sono come le bombe irlandesi ad orologeria..

Rispondi
avatar

maurizio gily

circa 6 anni fa - Link

noto che un'ondata di spontanea simpatia verso i protagonisti investe questo nuovo progetto di impresa.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 6 anni fa - Link

Roba da pazzi. Ma non per Baffino in sé, che un politico faccia vino, caffé o ponce al rum non mi fa né caldo né freddo, ma perché è un concentrato di banalità che più banalità non si può; uve alloctone (uffa), e tra quelle alloctone proprio il prezzemolino cabernet (riuffa), senza solfiti (triuffa), fatto dall'enologo ultrastar (quadriuffa), con un nome che più banale e narcistico non si può (quintiuffa) e potrei continuare. Un concentrato di banalità trite e ritrite come queste l'ho visto raramente, e dire che nel vino si vede davvero di tutto. Dai apprendista barbiere pugliese, puoi fare di meglio.

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 6 anni fa - Link

Se avesse intrapreso un'attività nel campo del ponce al rum quasi quasi gliel'avrei comprato.

Rispondi
avatar

Zakk

circa 6 anni fa - Link

Premesse: D'Alema mi sta sui cabasisi. Cotarella idem. L'alloctono ha rotto le palle. Detto questo, non ho assaggiato il vino in questione e devo dire che non credo lo cercherò in giro, se capitasse nel bicchiere lo berrò e ne darò una mia insindacabile valutazione, senza pensare a chi lo fa. Però devo ammettere che tra un cabernet e un sagrantino, in Umbria, mi incuriosisce di più il cab., Bea escluso naturalmente.

Rispondi
avatar

Francesco Santini

circa 6 anni fa - Link

Come posso reperirlo? Un cliente me lo ha chiesto...E non necessariamente non quello che bevo quello che vendo (tendenzialmente si....)

Rispondi
avatar

Elena

circa 6 anni fa - Link

Un vino ci si aspetta che sia espressione del territorio ed anche della personalità di chi lo produce.....

Rispondi
avatar

francesco

circa 6 anni fa - Link

La migliore maniera per non apprezzare questo vino ed il suo ideatore era quella di ignorarlo, in questo modo gli si è fatta pubblicità gratuita. Non condivido questo modo di ragionare, la penso come Luigi : se ogni volta che compro qualcosa, mangio, guardo la Tv o vado al cesso, devo pensare a chi faccio guadagnare con la carta igienica, non cagherei piu' ( anche perchè in moltissimi casi di mezzo ci sono i politici e le loro famiglie ed affini ) :)

Rispondi
avatar

gabriele succi

circa 6 anni fa - Link

@ Francesco e Luigi Quello che fa andare i maroni in giostra non è il fatto che il vino possa essere cattivo o meno solo perchè l'ha fatto il soggetto in questione, ritratto in fotografia... Fa andare su tutte le furie ad esempio che: punto 7) "La cantina ha ricevuto un finanziamento europeo di 57.000 euro. Lo stesso finanziamento negato ai precedenti proprietari." (Cit.) ...guarda caso eh... Perchè ai precedenti proprietari no e adesso si? "Fate rifletti" su questo...

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 6 anni fa - Link

Questo è il vero filone : i finanziamenti.. Perchè prima no ed all'ex premier si..? Solo chi conosce Foggy Bottom ha diritto ad avere aiuti..?? E chi controlla come vengono effettivamente impiegati..?? Qualche tempo fa ho avuto uno scambio, diciamo così.. "brillante" di battute con tal dr Pirrotta, capo.uff stampa del min. Agircoltura ( forse parente del craxiano Onofrio Pirrotta..? ) a loro interessa solo che la presentazione delle richieste di fianziamento sia formalmente inattaccabile.. il resto è solo Noia o Hdemia.. .. e chi lavora con passione ma non conosce nessuno.. può anche andare a cagare..!

Rispondi
avatar

Andrea Fontana

circa 6 anni fa - Link

La penso esattamente come Emanuele: io ogni volta che devo acquistare qualcosa cerco di capire chi faccio arricchire e se la persona o il gruppo che c'è dietro non mi piacciono cambio scelta. Perché è inutile votare Grillo per contrastare Berlusconi (giusto per fare un esempio) e poi comprare libri mondadori, vedere al cinema film medusa, ecc. È inutile associarsi a Slow Food, promuovere la biodiversità e poi bere acqua panna, mangiare gelati motta o cioccolato perugina (tutti marchi della multinazionale Nestlé). Si chiama, oltre che libertà di scelta, coerenza.

Rispondi
avatar

manilo

circa 6 anni fa - Link

Diciamo che io la penso un pò come Emanuele ed un pò come Luigi ed un pò come Rossano diciamo un 33% come un buon champagne (; Sono un pò contro la casta, anche se ne faccio parte, sono un pò talebano per il naturale, però se mi capita assaggio anche Cotarella & Company, magari il Montes nn è d'accordo. Se posso quando compro, cerco sempre di indirazzarmi su persone che conosco, poi però entra il fattore money, uno cerca di comprare in base al proprio redditto. Quanti di voi comprano da Ikea? Quanti di voi non rinunciano alla Nutella? Non finirei più di dire quanti di voi? E' normale che sullo scaffale di un enoteca, fra un vino di baffino ed un vino che mi piace euguale di Caio e Sempronio, la risposta viene da se.

Rispondi
avatar

Gianni Ruggiero

circa 6 anni fa - Link

Perché tutto questo veleno,capisco D'Agostino che come provocatore e'un fenomeno,dimostrate che i precedenti proprietari avessero i requisiti per accedere al finanziamento in primis e piantatela con il populismo da quattro soldi.Almeno i soldi lui li ha utilizzati per un fine e non per la fine.

Rispondi
avatar

Adriano Anglani

circa 6 anni fa - Link

Di certo sarebbe stato meglio non parlarne affatto! Tutti questi interventi hanno DI SICURO scatenato la curiosità di metà delle persone intervenute e, forse, di tutti quelli che hanno solo letto il post. Detto questo concordo con Tomacelli per il poster di Carlin Petrini che anch'io ho in cameretta e con Andrea Fontana e le sue cosiderazioni su Slowine..... ma ho il fondatissimo timore che l'anno prossimo ci potrebbero essere almeno due collaboratori in meno a raccontare Storie di Vita, Vigne e e Vini ;-)

Rispondi
avatar

nikkinikki

circa 6 anni fa - Link

Mi chiamo Nicola e sono un ex alcolista. Oltre alle buone motivazioni per smettere di bere che mi hanno aiutato 5 anni or sono quali il rispetto di sè, il migliorare la qualità della vita, la salute e ritrovare un rapporto armonico con gli altri ora si aggiunge una nuova, inaspettata e meravgliosa conquista. L'impossibilità per me per proseguire nella giusta strada intrapresa di poter assaggiare i vini delle cantine di Baffino & Co.

Rispondi
avatar

Tamara

circa 6 anni fa - Link

Nicola, pur non conoscendoti dico: sei un uomo saggio. Sommamente saggio. Continua così e prosit!

Rispondi
avatar

Max

circa 6 anni fa - Link

Non ci capisco un granchè di vini ma non posso che quotare tutto !!

Rispondi
avatar

Teibaldo

circa 6 anni fa - Link

Articolo stupido.

Rispondi
avatar

Alessandro Martinelli

circa 6 anni fa - Link

Se non sbaglio, il vitigno che usa D'Alema era stato vietato dalla regione umbria: sbaglio?

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 6 anni fa - Link

Che usava. Ha dovuto estirpare maeselan e tannat, vitigni vietati dalla regione umbria :-)

Rispondi
avatar

gabriele succi

circa 6 anni fa - Link

Tomax, chi aveva piantato tannat e marselan? Lui o i vecchi proprietari? Thanx in anticipo.

Rispondi
avatar

daniela mantellassi

circa 6 anni fa - Link

ma non se lo poteva fare dalle sue parti? L'Umbria è troppo vicina a noi e quindi sacra. Che Vespa se lo beva insieme al risottino fatto dal suo compare diversi anni fa. ma proprio quello lì, sarà di certo ancora buono......

Rispondi
avatar

Roberto Tempesti

circa 6 anni fa - Link

Interessa sapere se il vino e' buono o cattivo. Il resto sono idiozie.

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 6 anni fa - Link

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/il-brunello-di-montebaffino-il-mago-dalemix-con-i-figli-francesco-e-giulia-si-16638.htm

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 6 anni fa - Link

Solo qualche giorno fa durante una tavola rotonda era intervenuto da esperto e conoscitore dei segreti delle bottiglie: «La qualità crescerà dappertutto -aveva esordito -, basta pensare a come sta crescendo l'America Latina con il vino.

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 6 anni fa - Link

Massimo D'Alema arriverà a Otricoli per vedere di persona come procedono le operazioni che da qui a cinque anni metteranno in bottiglia il suo rosso doc... Roberta Catania per "Libero"

Rispondi
avatar

Gianni Morgan Usai

circa 6 anni fa - Link

l costo totale dell'operazione è di 191.357 euro, ai quali andrebbero tolti i 3.243 euro di Bonino. Così si arriva a una spesa di 188.114euro, che sommati ai 58.400 del 2008, danno il prezzo del regalo di papà D'Alema: 246.514 euro.

Rispondi
avatar

Sergio Picariello

circa 6 anni fa - Link

Il punto 7 è ampiamente sufficiente a bollare l'iniziativa per quello che è: una squallida operazione commerciale che sfrutta la forza mediatica dell'ultracasta, in barba ai tanti (veri) viticoltori che sudano e rischiano ogni giorno sulla propria pelle, in nome di una passione vera che raramente ammette compromessi. Da evitare con cura, fossero pure le ultime bocce rimaste sulla Terra.[img]http://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=d'alema&source=images&cd=&docid=eRVQUT2wnWqInM&tbnid=DiNqMTOsjOPaXM:&ved=&url=http%3A%2F%2Fwww.wilditaly.net%2Fi-politici-al-microscopio-massimo-dalema-11782%2F&ei=oKSbUczyJ8GmO7GCgaAB&bvm=bv.46751780,d.ZWU&psig=AFQjCNGYEvNnAa_23bSje7s4fHqfuEJvNA&ust=1369241120887719[/img]

Rispondi
avatar

andrea antolini

circa 6 anni fa - Link

e che sarà mia tanto casino per il vino del baffino....discutete del vino di chi ci mette passione,lavoro duro,ricerca del sublime edel lancio del suo territorio....jimmy

Rispondi
avatar

RiccardoFVS

circa 6 anni fa - Link

vignaiolo una bella sega!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.