L’applicazione My Sommelier per iPhone tra luci e ombre

di Andrea Gori

Presentata oggi una applicazione per iPhone che promette di abbinare il vino giusto alla cena che state cucinando, con tanto di approfondimento su alcune cantine. L’Aspi (Associazione Sommelier Professionisti Italiani, quella che fa parte dell’Asi) anticipa Ais e Bibenda grazie a Besanopoli (web agency con vari clieni altolocati). L’applicazione è “pesante” (100mb) ma una volta installata va come un fulmine, è pratica e veloce e ha delle animazioni, come il menu delle ricette, davvero fighissime e molto apple-style. Rapida e intuitiva, si adatta bene ad essere consultata al supermercato mentre si fa la spesa e in coda dal macellaio.

L’ampia scelta di ricette ben organizzate garantisce di trovare qualsiasi pietanza e un vino abbinabile con soddisfazione. Schede di vini semplici ma complete, leggibili, con etichette bene in vista e rese impeccabilmente dal punto di vista grafico. Peccato però che la parte su cantine, aziende e vini – che in effetti rappresenta uno sforzo editoriale molto impegnativo – lasci alquanto a desiderare. Ci sono lacune enormi con Lazio, Liguria, Sardegna, Calabria e Molise lasciate vuote senza nemmeno mezzo vino segnalato, Basilicata con tante cantine quando Toscane e Piemonte, Sicilia con due rappresentanti.  Al momento dell’abbinamento questo si traduce ovviamente  in piatti classici regionali con abbinamenti molto fantasiosi e generici (Maccarones sardi con Soave Classico?): capiamo la difficoltà di una mappatura più ampia ma ad esempio si poteva sfruttare di indicare la doc adatta per un certo piatto e non sempre e solo una etichetta specifica. Questo, insieme all’onnipresenza di Bormioli, che ci consiglia con ogni vino un bicchiere del proprio catalogo, fa capire come siano stati coperti i costi dell’applicazione, che viene resa disponibile gratuitamente, però dal punto di vista della completezza la lacuna è piuttosto grave.

Altri peccatucci, pensiamo di gioventù, in alcuni abbinamenti un po’ allegri come ad esempio la selva di vini piuttosto tannici e amarognoli che vengono proposti con il formaggio Stilton: di regola si va su un Porto o vino con dolcezze importanti, ma magari la scuola Ais qui differisce da quella Aspi, così come io ci andrei piano a consigliare un Chianti giovane su dei carciofi fritti e mai e poi mai servirei un Moscato d’Asti su dei biscotti di Prato!

Detto questo, l’applicazione è realizzata molto bene e se vengono aumentate le cantine presenti – al momento, la pretesa di farci da guida per scoprire nuove cantine è piuttosto velleitaria -, oltre ad essere introdotta una funzione di ricerca testuale per le ricette (con abbinamenti anche sulle Doc e non solo su aziende note) potrebbe diventare davvero una killer app per il vostro telefono. Tutto questo se siete anglofobi, perchè in inglese esiste già la mitica HelloVino!

Pregi

  • velocità di esecuzione e immediatezza delle risposte
  • gratis!
  • grafica etichette, completezza descrizione vini

Difetti

  • alcuni abbinamenti discutibili
  • copertura regionale non completa, poche etichette presenti nel database
  • mancanza di una funzione di ricerca tra le ricette

—————————————————————-

My Sommelier
Versione: 1.1 D Dimensioni: 99.4 MB
Sviluppatore: Arcastudio srl © Besanopoli
Requisiti: Compatibile con iPhone, iPod touch e iPad. Richiede l’iOS 4.2 o successive.

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

13 Commenti

avatar

armando trecaffé

circa 9 anni fa - Link

vise le pecche: abbinamenti discutibili cantine lacunose e ricette generiche mi sembra inutile e dannosa...L'ASPI (ma chi sono?) avrà una squola diversa ma il palato umano è universale.... tannico e stilton è da paura

Rispondi
avatar

Giovanni

circa 8 anni fa - Link

Prima di cavillare sul lavoro di altri, impara a scrivere in Italiano. SCUOLA SI SCRIVE CON L "C" E NON CON LA "Q"

Rispondi
avatar

Marossi

circa 9 anni fa - Link

Che tristezza. Adesso è il cellulare a consigliarci il vino. E' da tempo che medito di rinunciare al telefonino, questo mi convince sempre di più. Ma era d'altronde ovvio: tutto è cominciato con l'invenzione delle invenzioni, la quantificazione della qualità, cioè la schedatura del gusto. Di lì i voti, le guide, e giù a cascata fino a questa assurda applicazione. Anatema su chi la usa, o misericordia e pietà, devo ancora decidere.

Rispondi
avatar

armando trecaffé

circa 9 anni fa - Link

misericordia e pietà, senza alcun dubbio....

Rispondi
avatar

Massimo D'Alma

circa 9 anni fa - Link

scaricata e verificata. E' vero, tante pecche. Avrei pensato, almeno per ora di cambiare il nome all'App: Mai Sommelier (almeno con questa versione) :)

Rispondi
avatar

Francesco Annibali

circa 9 anni fa - Link

andrea xkè moscato no coi biscotti di prato?

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 9 anni fa - Link

Mi permetto di rispondere io visto che sono di Prato..... I Biscottini di Prato vanno inzuppati nel vin santo!!!! E' la regola....

Rispondi
avatar

Riccardo Francalancia Vivanti Siebzehner

circa 9 anni fa - Link

magari in un DOC Vin Santo di Montepulciano "Occhio di Pernice" di Avignonesi, o in un DOC Vin Santo del Chianti Riserva (notevole! e da agricoltura biologica) delle Sorelle Palazzi ! leccornie ! :-P

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 9 anni fa - Link

no un attimo, i biscotti di Prato di Mattonella (Biscottificio Mattei) non si inzuppano in un bel niente! sia per rispetto dei biscotti che per rispetto del Vin Santo! Da me è proibito e chiunque lo faccia viene sbeffeggiato e rimproverato. Rispetto al moscato, il Vin Santo sui biscotti ha più corrispondenze (nocciola, sentori di uovo e sensazioni "evolute") che con un moscato che con le sue note floreali e fruttate giovani si addice meglio a dolci con creme e frutta

Rispondi
avatar

Riccardo Francalancia Vivanti Siebzehner

circa 9 anni fa - Link

non posso che essere d'accordo. commenti di gola. perdonaci ;-)

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 9 anni fa - Link

Andrea, parlavo di tradizione.... Io non li inzuppo nel vinsanto, soprattutto se è un bel vin santo ( come Isole e Olena che ho bevuto da te x esempio... ). Concordo che i sentori dei biscotti di Prato sono troppo intensi per un moscato....

Rispondi
avatar

kenray

circa 9 anni fa - Link

con il vino si fa come con le donne. si rischia. lasciate stare i consigli telematici o di qualche volonteroso sommelier. l'abbinamento con il cibo poi è soggettivo gli ossi di morto di casalpusterlengo io li puccio in un ottimo vino rosso, possibiemente siculo. provare e ringraziare da parte vostra è doveroso.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.