Safe choice | L’etichetta per andare a colpo sicuro

di Alessandro Morichetti

Oggi vediamo di fare poco i fenomeni. Il primo che dice di portare rossi di Borgogna al pranzo domenicale coi parenti è un farabutto. Perché un conto sono le cene tra appassionati, in cui la corsa al rialzo celodurista ci sta pure (della serie: porterò la bottiglia migliore), ben altro le cene con amici, semplici conoscenti o compagni del corso di nuoto che se ne fottono beatamente di aromi terziari e qualità dei tannini.

E lì si distingue l’enostrippato, capace al contempo di tenere alto l’onore e gonfio il portafogli. Si che basta aver fatto una lezione del corso di degustazione parrocchiale per essere “esperto”. Gli esperti la chiamano “safe choice”, scelta sicura. Un vino accessibile, facilmente reperibile, piacevole senza essere impegnativo e costante di anno in anno: morbido ma non troppo, profumato ma non banale, abbinabile con quasi tutto senza problemi. Ad esempio, io non ho una mia bottiglia da colpo sicuro.

Prendo qualcosa in cantina e spero vada bene per l’occasione, ma debbo confessarmi: anni fa, quando pescavo a caso tra gli scaffali della GDO, ho avuto un debole per il Santa Cristina di Antinori, 5 euro, tiratura milionaria e successo garantito. Cosa consigliare oggi a chi cerca una bottiglia per andare a colpo sicuro in tutte le occasioni? Occhio al prezzo, mi raccomando.

[Immagine: Vinoingiardino]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

16 Commenti

avatar

Mario Crosta

circa 9 anni fa - Link

Sangre de Toro - TORRES

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

Senza un paio di domande non esiste il jolly universale. almeno devo sapere che mangiano e se si parla di cena seduti o in piedi. In assenza di questi minimi requisiti di solito suggerisco un prosecco Brut charmat lungo (es. "San Fermo" Bellenda)

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 9 anni fa - Link

Risposta: "Mi hanno invitato ma non so cosa si mangia. Seduti" :-)

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

Rossi: Narkè - Principe di Corleone (6 euri) Montepulciano d'Abruzzo "vigne nuove" - Valle Reale (6 euri) Barco reale di Carmignano - Contini Bonacossi (7euri) Bardolinio - Cecilia Beretta (7 euri) Barbera d'Asti "Ansisa" - Terre da vino (7 euri) Rosso Juannisolu (Carignano) - Vigne Surrau (8 euri) Rosso di montepulciano - Caterina Dei chiaramonte o etna Rosso - Firriato Rosso di montefalco - Napolini Lacrima Christi del Vesuvio - Vinosia Lacrima di morro d'alba - Mancinelli Morellino di Scansano "Heba" - Fattoria di Magliano St. Magdalener "Huck am bach" - Cant. pr. Bolzano (8,5 euri) Pinot Nero - Cantina Tramin (9 euri) Notturno in Fa Maggiore - Drei Donà la Palazza Qualche notizia in più dla cliente si ottiene sempre... diciamo che se fosse rosso cadrebbe sotto uno di questi

Rispondi
avatar

Gabriele Emme

circa 9 anni fa - Link

bianco: pecorino terre di chieti rosso ci devo pensare

Rispondi
avatar

Francesco Salvatore

circa 9 anni fa - Link

se non sbaglio si parla di una cena qualunque giusto? che senso ha in piedi o meno... un tipo che scelgo al supermercato è un merlot (cantina mezzacorona), fa sempre figura: 4,50 euro.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 9 anni fa - Link

Anche per i meno interessati, la differenza è sostanziale perchè, in piedi, il vino si beve con molto meno interesse. Seduti si ha la tendenza a dedicarci una frazione di secondo in più. Avere, nel caso, due parole due, in croce, da dire su quel vino che magari possaho anche apportare un altro argomento di discussione non è male come idea.

Rispondi
avatar

splash

circa 9 anni fa - Link

Anch'io vado di Mezzacorona. La bottiglia precisa la scelgo in base a quello che so della cena e dei commensali. Comunque non mi ha mai dato brutte sorprese. Prezzo medio 5-8 euro al super, dipende dalla bottiglia.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Per una cena con amici intanto si sta seduti, se no che cena é, e poi si deve prevedere almeno un paio di portate e un paio di ore, se no che amici sono. Quindi due vini, suvvia é il minimo Regaleali bianco (4.85 Euro alla Coop di Siena) Alto Adige Chardonnay St. Michael-Eppan annata corrente (fra i 4 e i 5 Euro sempre nelle Coop) Rapitalà rosso (stesso prezzo come sopra, forse meno) Chianti Geografico annata corrente (mi sembra più o meno lo stesso prezzo) Leopoldo III Rosso di Monteregio annata corrente (meno di 4 euro nelle Coop grossetane) Brusco dei Barbi IGT Toscana annata corrente (fra i 6 e i 7 Euro nelle varie Coop toscane) MI dispiace non poter citare enoteche o piccoli negozi, ma come ho fatto presente altre volte, nella mia area l'offerta è alta di prezzo e spesso monotematica. Ho cercato quindi di indicare vini forse più facili come reperibilità, altrimenti se si può conviene prendere una dama da 5 lt, per esempio il Morellino di Scansano della Cantina Sociale e per gli amici gaudenti ma più terra terra va benissimo.

Rispondi
avatar

TERROIR

circa 9 anni fa - Link

per reperibilità anche last minute elogio la magnum di morellino della cantina cooperativa adesso anche in offerta che accontenta gli amici ed anche il portafoglio... per cene da 4-6 persone non esperte ma attente dove divertirsi col menu vario tantissimo ,amo sempre aprire bottiglie acquistate direttamente dai produttori (ne giova prezzo e "divertimento") che aggiungono qualcosa in più...

Rispondi
avatar

Luca Cravanzola

circa 9 anni fa - Link

tra i miei acquisti durante il mio girovagare ogni tanto compro un paio di bottiglie qua e la per le serate senza pretese enofighette.... in tutti i casi sono sempre ottimi vini soprattutto con un rapporto qualità prezzo da record.. quindi: cremant de bourgogne brut rose di Parigot 8-9euri in cantina langhe bianco 100% nascetta Az. agricola La Tribuleira 6-7€ Langhe chard. meriggiare Az. agricola Ca' du Rabajà 8-9 euri freisa di Bebbe Citrico Rinaldi 10-12 euri Nebbiolo langhe Produttori del Barbaresco 8,5euri Bourgogne pinot noir Yves Chevallier 8 euri (e con questa spacchi tutto!!!!!) Pinot Nero s.michele 10euri? moscato D.o.c.g Az. Agricola Mustela 6-7 euri e con questi salvo il conto e bevo goduto!!!!

Rispondi
avatar

carolina

circa 9 anni fa - Link

io porto i miei :)

Rispondi
avatar

enrico togni viticoltore di montagna

circa 9 anni fa - Link

brava carolina, concordo! anch'io faccio così, forse è per questo che gli inviti si sono ridotti da un pò di tempo questa parte?

Rispondi
avatar

Sandro Pozzato

circa 9 anni fa - Link

@ Luca Cravanzola Dove posso trovare la Nascetta La Tribuleira ma sopratutto il Pinot noir borgognone a 8 euri? P.S. Abito a Torino e mi sa che anche tu non sei molto distante da qui.

Rispondi
avatar

Luca Cravanzola

circa 9 anni fa - Link

ciao, per la nascetta ti basta scollinare e venire in langa...e anche tutto il resto della gamma è fenomenale con prezzi competitivi al max. (vedi per esempio l'albarossa ed il moscato) Ogni tanto faccio qualche offerta sul forum del gambero rosso... anzi ne preparo una al volo così ci possiamo scambiare i dati. (sul forum sono Sir Panzy) Per i bourgogne base devi scollinare le alpi e andare a bussare alla porta delle cantine... conta che quello che ho preso quest'anno (yves chevallier) ha l'appezzamento del "base" nel comune di vosne romanee. La titolare mi ha detto che non sono importati quì da noi perchè la loro produzione totale è di 9-10 mila bottiglie...tra cui un vosne romanee 1er cru le suchot e les brules (non si scrivono così) a prezzi da urlo (35euri mi sembra) e se sai dove sono quei due appezzamenti ti metti a piangere....

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.