La vendemmia 2011 (prima che inizi la tiritera dei trombonismi da Consorzio)

di Alessandro Morichetti

Siamo a fine agosto e, questa estate, altro che sette camicie. Ho rispolverato canotte blu e grigie di gran classe per vincere una calura che non dava tregua. Qui sul mare delle Marche il sole ha picchiato seriamente ma vediamo di fare il punto sulla vendemmia 2011. Nella Barolo Valley delle Langhe piemontesi, la maturazione zuccherina è anticipata di 15 giorni rispetto al 2010 e di una settimana rispetto al 2003 (minchia!). Il raccolto di uve bianche perfettamente sane è già iniziato in più parti e per le uve rosse c’è solo da sperare in un drastico abbassamento delle temperature notturne che permetta alla maturità fenolica di raggiungere quella tecnologica.

In Calabria, vendemmia posticipata di una settimana rispetto alla stagione passata, nel comprensorio di Vittoria (Sicilia) la solita pioggia dei primi di settembre dovrebbe regolarizzare il ciclo produttivo rallentando il leggero anticipo. Il Verdicchio di Jesi è parecchio in anticipo (a Cupramontana, 3 settimane rispetto al solito) e in Maremma la vendemmia è già iniziata: due settimane di anticipo, uve sane ma ricche di acidità e zucchero fanno ben sperare. .

Adesso, prima che inizi la tiritera dei trombonismi da Consorzio, direi che ci vuole un sano briefing vendemmiale per l’annata 2011, da Valdobbiadene a Montalcino, passando per Abruzzo, Puglia, Franciacorta e ogni altro meandro del vigneto Italia, Valcamonica inclusa. Per quanto possa servire, ci sentiamo vicini a tutti i produttori in difficoltà, da nord a sud.
[Immagine: Bele Casel]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

37 Commenti

avatar

Sergio

circa 8 anni fa - Link

forse ricordo male, ma nel 2010 per le langhe si è parlato di 20 giorni di ritardo rispetto al 2003. Adesso sono diventati 7 giorni? Forse qualcosa non torna. Se il 2011 è in anticipo di 15 giorni sul 2010 sgnifica che è in ritardo di 5 gg sul 2003 e non in anticipo di una settimana. Oppure io ricordo male le date.

Rispondi
avatar

Alessandro Ceretto

circa 8 anni fa - Link

purtroppo le date di vendemmia sono diverse da azienda ad azienda e da varietà a varietà per svariati motivi ( esposizione, altitudine, organizzazione aziendale e scelte vendemmiali). le date che alessandro ha riportato sono esatte perchè si riferiscono alle uve bianche ( in questo caso l'arneis ) che in questi giorni stiamo vendemmiando. per l'esattezza, la vigna a cui fanno riferimento le date citate è stata raccolta il 28 agosto nel '03, il 09 settembre nel '10 ed il 21 agosto nel '11!!!! forse andava scritto roero valley e non barolo.... XD per le altre varietà magari queste differenze saranno diverse in quanto si potranno calcolare solo nel giorno della vendemmia e nessuno può prevedere come sarà il clima dei prossimi giorni. ciao e buona vendemmia a tutti!!!!

Rispondi
avatar

anonimo

circa 8 anni fa - Link

arneis? parliamone. compro

Rispondi
avatar

Paolo Cianferoni

circa 8 anni fa - Link

Qui a Radda in Chianti, le vigne soffrono sopratutto per chi ha Merlot, poi qualcuno interventista ha sfogliato i primi di agosto sbagliando completamente, perchè le foglie accanto al grappolo ombreggiano efficacemente. Il sangiovese è fantastico nelle zone basse e umide (alla faccia di chi crede che le migliori vigne sono quelle meglio esposte.... vedete come nella vita mai dire qualcosa di certo e definitivo!); il sangiovese comincia a soffrire nelle vigne a sud, ma basta un temporale a settembre per dire: ottima annata! Direi che anticipare troppo è uno sbaglio qui in Chianti, e a Radda in particolare dove l'altezza media delle vigne è a 400/500 metri, in quanto la maturazione non alcolica ha bisogno del tempo necessario e da sempre Settembre è il mese fondamentale per la qualità. Penso in generale che quest'anno l'interventismo non premia....

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 8 anni fa - Link

Notizie fresche dalla costa toscana (Bolgheri), i bianchi sono stati già tutti vendemmiati, il Merlot destinato ai vini meno blasonati anche, quello dei "pezzi da novanta" (euro, e oltre) probabilmente verrà raccolto sul finire di questa settimana. Massima attenzione a portare in cantina uve a temperature accettabili, non necessariamente vendemmiando di notte, ma magari all'alba e/o refrigerando brevemente le uve. E un po' tutti, dalle Alpi alle Piramidi, ringraziano il luglio fresco...

Rispondi
avatar

Annalisa Motta az. Guado al Melo

circa 8 anni fa - Link

Aggiungo la mia testimonianza dalla DOC Bolgheri: grazie al cielo il caldo africano è finito e da sabato abbiamo temperature molto più fresche. In fondo il gran caldo è durato poco più di una settimana e non sembra abbia sconvolto molto un'annata caratterizzata da un'estate fresca e poco piovosa, se non con una lieve accellerazione nella maturazione. Noi non abbiamo ancora iniziato a raccogliere, rispetto alle aziende vicine con varietà bianche più precoci (Sauvignon per esempio). Nei prossimi giorni inizieremo a raccogliere il Merlot (ma per noi non è una grande quantità) e poi si vedrà quando iniziare col Vermentino. Il grosso della vendemmia si profila per il 10 o la metà di settembre. Quindi, per definire l'annata, bisognerà vedere soprattutto cosa farà il tempo nelle prossime settimane.

Rispondi
avatar

Enrico Rivetto

circa 8 anni fa - Link

Non ho ancora iniziato anche se a breve lo farò senz'altro, complice il fatto di non avere bianchi precoci come l'arneis, ma ho la nascetta che normalmente matura a fine settembre. Nel 2003 l'annata è stata anticipata di moltissimo, ma era più logica nel senso che fu sempre costantemente calda e secca per tutta l'estate. Il 2011 sembra più altalenante e non così torrida se non a tratti. Il caldo di fine maggio e l'acqua venuta a giugno secondo me ha giocato un ruolo importantissimo sull'anticipo. Oggi faccio l'ultimo campionamento sui dolcetti e vedremo che succede. Buona vendemmia a tutti !

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Da fonte più che attendibile: A Montalcino giugno, luglio e la prima metà di agosto sono stati freschi, con giusta pioggia e soleggiati. Pochi giorni di scirocco a temperature folli hanno mandato in stress le viti, ma il Sangiovese si sta già riprendendo. Se il clima gira al fresco la vendemmia potrebbe essere buona. A Scansano primavera e metà estate sono state ideali, e l'anticipo naturale della zona ha fatto sì che i danni dello scirocco ci fossero, ma ormai l'uva era vicina al momento della raccolta. Gradi alti (anche da concentrazione) e colori belli, che indicano vini non cotti nonostante il "fuoco dal cielo". Le viti non indigene hanno sofferto parecchio.

Rispondi
avatar

Vinogodi

circa 8 anni fa - Link

...a Parma il Lambrusco sarà ottimo nelle qualità standard e Riserva , mentre le "Riserva Speciale" , quelle vinificate con batonnage e elevate in Barriques per almeno 36 mesi come da disciplinare , si attende almeno fine novembre per la vendemmia...

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link
avatar

anonimo

circa 8 anni fa - Link

echissenefrega ce lo mettiamo?

Rispondi
avatar

enrico togni viticolotre di montagna

circa 8 anni fa - Link

intravino chiama e valcamonica risposnde! vendemmia bianchi non ancora cominciata, ma credo che cominceranno col fine settimana. per i rossi c'è ancora da aspettare, al momento siamo sui 18° babo con un incremento zuccherino medio di 1,5° babo a settimana, ma dei gradi babo io me ne fotto. All'assaggio le bucce sono ancora un pò troppo astringenti, i vinaccioli non sono completamente lignificati mentre è già buona la cessione del colore. La polpa non si stacca anora con facilità, i pennelli non sono ancora rossi, il distacco dell'acino dal picciolo è abbastanza facile ma si rompe ancora "male"! Ma soprattutto io non ho ancora fatto ferie per cui per il momento non si parla di vendemmiare e se tempo e uve tengono comincio a metà ottobre con le uve per il base. Sabato un temporale ha ntevolmente rinfrescato la temperatura, adesso di notte sfiorimao i 13 gradi che è cosa buona e giusta, se le previsoni di inizio anno verranno manenute mi aspetto un settembre ed un ottobre con poca acqua e freddo di notte. vedremo, nel frattempo buon lavoro a chi ha cominciato o comincia.

Rispondi
avatar

Nicoletta Bocca

circa 8 anni fa - Link

A leggere prima avrei potuto fare un copia incolla per buona parte del pezzo. Sempre detto che i Camuni hanno una marcia in più.

Rispondi
avatar

Nicoletta Bocca

circa 8 anni fa - Link

Se chiedo a Orlando cosa pensa della vendemmia, la prima cosa che mi risponde è una smadonnata: "bisogna che ci decidiamo ad estirparlo tutto questo vitigno che fa girar le balle..." Il dolcetto sarà anche un vino di sinistra, ma è un uva di destra, conservatrice e reazionaria, che detesta sbalzi e cambiamenti repentini e che ama lo status quo climatico. Però possiede anche un passo di follia per cui uve che sembravano brutte hanno dato vini magnifici, come nel 2010. E' così delicato che è facile che le uve 'sembrino' brutte. Quindi fino all'ultimo non si parla, e l'ultimo non sono le uve in cantina, ma il vino in affinamento. Per il momento la situazione nel Doglianese è estremamente disomogenea. Grosse differenze da vigna a vigna gia assestatesi al momento dell'invaiatura date da altezze e clima. Si è partiti con un grande anticipo a maggio e le uve sono andate avanti perfettamente grazie alla disponibilità idrica dei mesi successivi. Sembrava ci potesse essere un anticipo intorno ai 20 giorni ma il caldo della fine d'agosto ha messo un po in crisi le creste e le zone meglio esposte, e ha comunque bloccato la maturazione in genere, incominciando un lavoro di disidratazione a maturità fenolica non perfettamente acquisita, dando gradazioni alte su uve che avrebbero dovuto maturare ancora un po'. Si va da vigneti con un alcol potenziale di 15,20 per consunzione delle uve, a quelli che stanno sui 12,50 per stato di blocco. Che significa quasi 10 giorni di differenza. Morale alcune uve da vendemmiare questa settimana ancor prima del 2003 e altre uve da vendemmiare la settimana prossima dopo una pioggia 'fatta con le mani',per quelle che ne possono ancora trarre beneficio perchè non troppo disidratate. Resta ancora da chiarire come funzioni la buccia e l'osmosi nel dolcetto. E' come se lo scambio di umidità a livello di acino fosse accelerato rispetto ad altre uve sia in acquisizione sia in perdita. Ma sopratutto eleviamo un pensiero al 1992 o 1994 e lamentumse nen.

Rispondi
avatar

stefano amerighi

circa 8 anni fa - Link

le piante sono belle a‎ncora... il problema è che non si vede acqua all'orizzonte fino ad almeno domenica...(toscana) le strade sono 2: tirare a vendemmiare presto e salvaguardare acidità e grado zuccherino contenuto , ma portare uve non adatte a grandi vini in cantina... o ...tenere fermo il polso ignorare le analisi, mettere in previsione una perdita di almeno il 30 % dei grappoli per appassimento, aspettare le pioggie che ritonifichino e a quel punto con quel che rimane impostare la vendemmia... ad ognuno il suo.. come dissero al colle di malamerenda (episodio che i senesi conoscono)... buona vendemmia a tutti

Rispondi
avatar

carolina

circa 8 anni fa - Link

moricchia, stiamo facendo la danza della pioggia noi gatti, ma qua il meteo dice che tra giovedì e venerdì verranno 4 goccine... uhm... dal fronte si dice che settimana scorsa: il pinot chardonnay è stato vendemmiato, babo 17 e 20 acidità 6.8; io volevo lasciarlo su un altro pò, il babbo ha detto che si vendemmi e vendemmia fu. il pinot bianco aveva 17 e 20 babo e 6 di acidità. sul fronte del tocai, che io reputo un uva del cazzo ma che fa un vino strepitoso, abbiamo fatto 16 e 50 di babo e 6.4 di acidità, ma i grappoli non erano perfettamente sani per colpa di un attacco di cicalina tardiva (do cojonz). questa settimana pausa al suono di " io non vendemmio finchè non piove" e sperem che piova, che il cabernet ed il merlot iniziano a batter la fiacca (astinenza la chiamano, ma no da droga, da acqua), mentre mr prosecco se la passa bene e non da segni di cedimento. il raboso è rosso già da 15 gg e prosegue maturazione senza grossi squilibri. il verduzzo è la sano e non parlo troppo che non si ammali con l'umidità. si prevede di rivendemmiare settimana prossima il prosecco, che come babo è ancora bassino e come acidità troppo alto ancora, poi vedremo come andrà coi rossi. io se appassiscono un pò e poi magari piove non è che mi dispero, perderò il 30 % ma almeno non vendemmio uva cruda. per capire come siamo in vigna si fanno assaggi mattina presto e sera tardi e si discute sul da farsi, provini uno alla settimana, di babo e acidità, per quel che contano i numeri. buona vendemmia a voi colleghi e dategli di tartarico solo per lavarvi via il nero dalle mani :) ps: non la reputo annata eccezzionale, fa troppo caldo.

Rispondi
avatar

anonimo

circa 8 anni fa - Link

carolina mi porti del prosecco quando vieni a fornovo? un paio di raboso grazie

Rispondi
avatar

carolina

circa 8 anni fa - Link

se non lo porto io, te lo mando con l'uomo. ma non usare intravino che il moricchia poi ci cazzia :)

Rispondi
avatar

Francesco Maule

circa 8 anni fa - Link

Qui abbiamo iniziato con il Merlot: http://www.flickr.com/photos/vininaturali/6069117212/in/photostream/ E stamattina con il Tocai Rosso, che in parte ha iniziato ad appassire in pianta, causa siccita'! La garganega e' bellissima e per il momento tiene, ma se a breve non piove siam messi male, ci sono le vigne che si stanno seccando, le foglie muoiono e cadono per terra. E cosi' fanno i roveri, i ciliegi, le acacie e il povero nocciolo sull'orto...incredibile!!!

Rispondi
avatar

Francesco Maule

circa 8 anni fa - Link

http://www.flickr.com/photos/vininaturali/6093548064/in/photostream/

Rispondi
avatar

Giovanni Arcari

circa 8 anni fa - Link

In Franciacorta siamo alle battute finali. Si è raccolto presto a est, iniziando il 7 agosto con il pinot nero e a seguire con lo chardonnay. Abbiamo ancora uva bianca da raccogliere a Paratico e Provaglio. Nel complesso un'annata da incorniciare, almeno da un punto di vista tecnico. Le acidità hanno tenuto oltre ogni previsione e il livello di ph si è mantenuto basso. Le elevate escursioni della seconda metà di luglio hanno contribuito ad arricchire di profumi i mosti. Adesso dobbiamo solo aspettare. I problemi sono altri, sempre legati all'uva ma di ben altra natura. Attendo la fine della vendemmia prima di vuotare il sacco. ;-) Per la Valcamonica ha già risposto perfettamente Enrico.

Rispondi
avatar

enrico togni viticoltore di montagna

circa 8 anni fa - Link

ma siete messi davvero così male per la siccità, qui le foglie sono verdissime, i grappoli pieni e le riserve idriche sono praticamente infinite.

Rispondi
avatar

carolina

circa 8 anni fa - Link

eh, nella bassa travigiana no, siamo quasi allo stato del franci maule.... siccità che avanza

Rispondi
avatar

Gabriele Succi

circa 8 anni fa - Link

Nella mia zona le piogge intense (tipo 2002) di giugno e luglio hanno creato una bella riserva d'H2O nel terreno; il problema è che con questo caldo delle 2 settimane precedenti le piante hanno elaborato zuccheri in quantità industriale. Il sangiovese della vigna migliore che ho ha già adesso un alcol potenziale di oltre 14° :twisted: ; il problema che ha ancora un'acidità totale a dir poco imbarazzante....

Rispondi
avatar

anonimo

circa 8 anni fa - Link

niente scherzi ok? le riserve auree stanno per finire

Rispondi
avatar

Gabriele Succi

circa 8 anni fa - Link

Io di scherzi non ne faccio :) Il problema è che il sangiovese della vigna migliore comincia a dare segni di cedimento....sta appassendo tutta; paradossalmente l'uva più bella quest'anno è nelle vigne più in basso.... Comunque stai tranquillo, se le riserve finiscono, si può sempre tornare a fare il pieno..... :D

Rispondi
avatar

Marossi

circa 8 anni fa - Link

Bello, bello, bello. Non il post di Morichetti, sennò pensa che con le vacanze mi sia rammollito. Ma la discusssione che ne è seguita dimostra l'efficacia di un sito come questo. E' molto piacevole 'sentire' la vendemmia e dintorni in presa diretta. Complimenti. Non sarebbe male un riepilogo post vendemmiale.

Rispondi
avatar

Enoteca Pitti Gola e Cantina - Firenze

circa 8 anni fa - Link

Bello davvero, sembra "tutto il calcio minuto per minuto" !

Rispondi
avatar

max

circa 8 anni fa - Link

Manduria, primitivo con quantitativi praticamente a picco, qualità eccelsa (sembra di mangiare fichi con miele). Non chiedete altro i risultati vi stupiranno.

Rispondi
avatar

Marco

circa 8 anni fa - Link

Ad Impruneta, dopo più di 40 giorni senza pioggie, abbiamo vendemmiato ieri il nostro Merlot, che, anche se esposto a Nord, iniziava ad appassire ma facendo un pò di selezione abbiamo ricavato un buon mosto. Per il Sangiovese siamo avanti, ma abbiamo ancora molto spazio di tempo, avendo una bella vegetazione e si spera che un pò di acqua arrivi.

Rispondi
avatar

Mauro ArdeCore

circa 8 anni fa - Link

Ho svolto la prestigiosa mansione di scarica-cassette in un'Azienda peso medio-massimo franciacortina, e ho potuto verificare live le condizioni delle uve in arrivo in cantina...premettendo che l'Azienda in questione acquista per la maggior parte le uve, e che i conferitori hanno appezzamenti più o meno in tutta la Franciacorta, salvo nelle zone più fredde (Ome, Monticelli,..), posso dire che ho visto arrivare "un po' di tutto". Risultati ovviamente influenzati dalla gestione del vigneto durante l'anno da parte dei conferitori...in cassetta si vede chi ha lavorato bene e chi un po' meno...e devo dire che non sempre "bigger is better", in termini di superfici e quantitativi trattati. Facendo i dovuti distinguo, Pinot nero sugli scudi, Chardonnay a volte bellissimo e a volte (molto) meno, Pinot Bianco ne ho visto pochino pochino, non mi pronuncio. In campo non ho girato molto, ma stando all'andamento climatico e al poco che ho potuto vedere in giro interpreterei l'annata come calda, ma non eccessivamente asciutta, le piogge sia primaverili che di giugno/luglio hanno consentito alle viti di sopportare lo stress idrico e termico di agosto. Solo sabato, per noi ultimo giorno di vendemmia, è arrivato un po' di Chardo scottato, ma poca roba. Non mi risultano grandi problemi fitopatologici, un po' di marciume acido per chi non ha lavorato bene in vigna o chi ha preso la pochissima grandine che è caduta. I dati analitici non li ho ancora potuti vedere..."sensorialmente", all'assaggio dello Chardonnay, acidità non altissime ma tutto sommato adeguate, grado zuccherino abbastanza sostenuto, potenziale aromatico così così. Pinot nero bella acidità, zucchero non eccessivo, potenziale aromatico promettente. Vendemmia iniziata il giorno 12/8 (c'è chi ha iniziato il 3/8!), terminata come detto sabato 27. PS: è il primo post "serio" che lascio su IV, spero non me ne vogliate per la lunghezza, o per eventuali imprecisioni.

Rispondi
avatar

armin kobler

circa 8 anni fa - Link

nella bassa atesina sudtirolese la maggiorparte delle cantine sociali, commerciali e di vignaioli hanno cominciato lunedì partendo con il pinot grigio. oggi ho visto le prime partite di chardonnay. uve sempre chardonnay della stessa zona sono state già vendemmiate dieci giorni fa, partendo però verso la spumantizzazione fuori provincia. per la nostra vinificazione cominceremo probabilmente solo la prossima settimana, le uve non mi piacciono ancora abbastanza. per fortuna finora abbiamo schivato la grandine, nel vicino oltradige (appiano, caldaro) devono in parte vendemmiare uve non ancora mature perfettamente perchè se no marcirebbero in pianta. come è la qualità? nessun problema, ve lo dirò nel giro dell'inverno.

Rispondi
avatar

Gianpaolo Paglia

circa 8 anni fa - Link

La vendemmia sembra anticipata ma non prematura. A fine luglio abbiamo avuto oltre 100 mm di pioggia in un paio di giorni, e poi solo sole. Il caldo africano e' durato solo una settimana, e le piante stanno bene, tranne qualche appezzamento. Il risultato e' che hanno messo ilmturbo e ora ci troviamo con delle gradazioni zuccherine intorno ai 21,5 - 22,0 babo, con acidita' buone, intorno ai 7 gr e 3,35 di pH. Siccome le piante stanno bene, verrebbe voglia di aspettare, pero' non vorrei avere una media di 15 alcolici in cantina. Noi abbiamo tolto il ciliegiolo piu' in sofferenza, ma bello da vini base, e qualche sangiovese di una vigna alta che ha problemi di stretta di calore in alcune annate. Adesso ripartiamo con il Sauvignon da Pitigliano. Prevedo che parecchio sangiovese sara colto nei prossimi giorni, vista la situazione da anticiclone stabile che abbiamo qui.

Rispondi
avatar

azienda agricola ASTI

circa 8 anni fa - Link

UVA DA VINO . Azienda agricola di cunico (asti) vende direttamente in vigneto uva barbera, freisa e bonarda durante la vendemmia a settembre. Ideale per produrre un ottimo vino risparmiando e nella quantità che si desidera. Il prezzo è quello all’ingrosso pagato dalle cantine in quel momento. Per gli appassionati del bere sano e tipico vendiamo anche il nostro VINO barbera d’asti in bottiglia o damigiane. Per informazioni chiamate al numero: 3385818874 faletti.winery@yahoo.it

Rispondi
avatar

Marossi

circa 8 anni fa - Link

AAA vendesi panda bianca

Rispondi
avatar

Armando Trecaffé

circa 8 anni fa - Link

marossiiiiiiiiii....come va? è da tempo K nn c'incrociamo? ma davvero la vendi?

Rispondi
avatar

ernesto

circa 8 anni fa - Link

ciao a tutti del blog io vivo in colombia e per me qui e ideale per luva mi piacerebbe trovare una persona interessata a progettare a un coltivo qui nn trovo piantine di uva se qualquno vorrebbe darmi una mano io sono qui grazie infinitamente ernesto

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.