I migliori assaggi del Vinitaly tutti insieme

di Alessandro Morichetti

Sai che novità snocciolare minuto per minuto gli assaggi del Vinitaly. Il mio ego sopravvive anche senza. Ho sotto mano la mappa della fiera e il numero di padiglioni e produttori mi eccita al pensiero dell’infinità di percorsi possibili. Però qui ci è richiesto un compito: scremare il meglio, il supertop, l’eccellenza degli assaggi di ciascuno. Freguntubo sapere che avete sputato 896 vini, mi interessano i migliori, gli imperdibili, i best buy, le etichette che ogni normodotato dovrebbe bancomattizare al volo.

La cosa più bella che porto a casa io? Un viaggio con Mauro Erro nella Campania bianchista che conoscevo poco: un magnifico Greco di Tufo 2009 di Cantine dell’Angelo, letteralmente tufaceo e sulfureo, l’ottimo Fiano di Avellino 2009 di Cantine del Barone, avventura del giovane Luigi Sarno, la conferma che il Fiano 2008 di Ciro Picariello non è buono ma mostruoso, il premio a Vadiaperti come cantina più affidabile sul fronte fiano-greco-coda di volpe e, piccola escursione rossista, il Sabbie di sopra il bosco 2009 di Nanni Copè, alias Giovanni Ascione, che supera in finezza e armonia la prima uscita aziendale del 2008.

Ora, dunque, mano al taccuino e sintesi estrema. Collezioniamo vini che ci hanno emozionato, quelli che al ricordo ti s’illumina anche una piovosa giornata di primavera. No fannulloni, no marchettari, no perditempo.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

57 Commenti

avatar

Marco Lugli

circa 8 anni fa - Link

-Azienda Rocca d'Api: etna bianco (cataratto) e rosso (N.mascalese e N.cappuccio) vini molto sinceri, territoriali, tanta mineralità e profili ruvidi per vini poco ruffiani. -Renato Kober: Chardonnay e Pinot Grigio 2007 ad alti livelli, profumi eleganti, tanta acidità, sapidità e materia. Quando è la terra che parla. -Cà d'Gal: Moscato d'Asti VignaVecchia 2005 e 2003, per chi crede che il Moscato sia un vinello da donne e di pronta beva. Sentori balsamici, minerali, terrosi e idrocarburi. Freschezza e sapidità per sfidare i Riesling tedeschi e giocare a tavola con abbinamenti gourmet. (Rischio la marchetta poichè Sandro è un caro amico) -Mastrojanni schiena d'asino 2006: Il sangiovese nella sua più bella espressione: eleganza e finezza, mai potenza e opulenza. Vino da bere in ogni occasione (ad avercene). -Stella di Campalto 2005: ottimo Brunello, tanta pulizia nei profumi e complessità in bocca.

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Kober o Keber?

Rispondi
avatar

Marco Lugli

circa 8 anni fa - Link

Keber Keber.. errore

Rispondi
avatar

armando trecaffé

circa 8 anni fa - Link

Stella di Campalto 2005: ottimo Brunello, tanta pulizia nei profumi e complessità in bocca....e un profilo ruvido e caratteriale....

Rispondi
avatar

alessandro bocchetti

circa 8 anni fa - Link

io invece ho un ego ipertrofico :P e per fortuna è il mio lavoro e per l'ennesimo anno (circa dieci) l'ho dovuto fare... le cose migliori? come ho scritto... Montepulciano 2008 pepe, immenso Fiano vigna la congregazione 2009, profuma di come spero profumi l'inferno, dove mi toccherà andare visto ;) Brunello di montalcino 2007 Pietroso, affilato come ci si aspetta da un sangiovese Grattamacco 2008, quello che mi aspetto di buono da Bolgheri Ciro Picariello Fiano 2005, che spettacolo ancora in viaggio... Gewurtztraminer 2010 GumpHof l'aromatico che non ti aspetti Ciao A

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Circa dieci? Vuol dire che io, con 12, ho fatto più vinitaly di te? Ricordo ancora il vecchio padiglione lombardo, e quello della Ferrari. Che tempi. E pure la sala stampa in uno dei Centri Servizi situato tra due padiglioni. Piccolissima.

Rispondi
avatar

alessandro bocchetti

circa 8 anni fa - Link

eh si... ma io parlavo di quelli professionali, per quanto scrivere di vino e cibo possa essere una professione, per me è un privilegio ;) Ho iniziato nel 1971 con la cantina di mio nonno a miglianico, az agricola ing filippo masci... Trebbiano e Montepulciano da sballo, portavano i nomi dei venti adriatici, Maestrale e Garbino ;)

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

A saperlo prima sigh...

Rispondi
avatar

alessandro bocchetti

circa 8 anni fa - Link

ma prima, prima... Mi sa che portavi i pantaloni corti, come me. L'azienda ora è un campo da golf. πάντα ῥεῖ ὡς ποταμός... :-( ciao A

avatar

Lorenzo

circa 8 anni fa - Link

Anch'io ho avuto la fortuna di sentire il Brunello 2007 di Pietroso. Già avevo trovato il 2006 tra i migliori dell'annata. Il 2007 ha un che di... infinito! Di gran lunga il miglior assaggio del mio Vinitaly

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Quale Brunello 2007 di Pietroso? Quest'anno é uscita l'annata 2006. Se Pietroso ha portato qualche bottiglia campione "atto a divenire" 2007 é un'altra cosa, e in questo caso ti credo che é "affilato" :)

Rispondi
avatar

Mauro Rainieri

circa 8 anni fa - Link

bella selezione. Quest'anno dopo 22 anni consecutivi ho saltato il Vinitaly scegliendo Cerea(abbastanza bene) e Vinnatur(male), ma con qualche dubbio sul Grattamacco, per il resto concordo.

Rispondi
avatar

Daniele

circa 8 anni fa - Link

Fiano 2005 Ciro Picariello Franciacorta Dosaggio Zero 2006 Faccoli Poi dalla spettacolare degustazione dell' Union de Gens de Metier ((http://terroirs-ugm.blogspot.com/), alla facciaccia del vinITALY, mi porto via quasi tutti i vini degustati, tranne alcuni punti bassi.. e tra i tanti: Clos Rougeard Les Poyeux 2008 (vado a memoria sull'anno) Domaine Jacques Selosse Blanc De Blanc Domaine DAGUENEAU Pur Sang 2008

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Eccomi. -Pinot Grigio e Traminer Aromatico di Armin Kobler -Cré Fiano Minutolo Vendemmia Tardiva Vetrere -Tutta la gamma da fine pasto di Vignalta -Il Vino di Visciole di Angela Velenosi -Lambrusco Leclisse Paltrinieri, sempre meglio ogni anno che passa -Vin Santo di Gambellara Sordato -Brunello di Montalcino Sanlorenzo (Luciano Ciolfi) -Nero Buono Pietra Pinta -Prosecco Colfòndo Belecasel -Greco Zero (senza solfiti) Valentina Passalacqua, altra pugliese Se dovessi fare un bilancio, direi che le maggiori sorprese le ho avute in Puglia. Cosa che mi capita da qualche anno. Svariati altri.

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Il Pinot Grigio di Armin ti vien voglia di chiedere se l'ha fatto al mare, tanto è sapido e pieno di vitalità al confronto di troppi vini tratti da questo vitigno.

Rispondi
avatar

Luciano Ciolfi

circa 8 anni fa - Link

grazie Tommaso.....allora ti è piaciuto sul serio :-)

Rispondi
avatar

mrignazio

circa 8 anni fa - Link

è bello leggere questi commenti sulla mia regione e sopratutto è importante che capiti da più anni e non sia qualcosa di sporadico!

Rispondi

luca ferraro

circa 8 anni fa - Link

onorato :)

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Ecco, così va meglio... ;)

Rispondi
avatar

Daniele Sala

circa 8 anni fa - Link

GIANFRANCO FINO Primitivo di Manduria Doc 2008 “Es” DINO ILLUMINATI Montepulciano d'Abruzzo C. Teramane Docg Riserva 2007 “Zanna” Montepulciano d'Abruzzo C. Teramane Docg Riserva 2007 “Pieluni” SERGIO MOTTURA Igt Civitella d'Agliano Grechetto Muffato 2007 “Muffo” TENUTA LENZINI Igt Toscana Rosso Alicante 2009 “Insieme” Igt Toscana Rosso Syrah 2008

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Mottura = BIG.

Rispondi
avatar

michele malavasi

circa 8 anni fa - Link

I miei preferiti sono stati: BOLLE FACCOLI: millesimato 2001 (purtroppo ne ha fatte 70 bottiglie), non teme il confronto con i cugini d'oltralpe extra brut non millesimato(2008 fresco di sboccatura), secondo me il miglior extrabrut franciacortino ARICI: il nuovo dosaggio zero non millesimato con permanenza 30 mesi in bottiglia, salino,lungo, sorretto da un' acidità vibrante MONSUPELLO: che batteria di bolle da paura: brut nature, rosè e riserva brut Cà de Tava, chapeau. BIANCHI FATTORIA SAN LORENZO: verdicchi tutti eccellenti su cui svetta il San Lorenzo 1998, la prova tangibile che quando i vini "naturali" sono fatti come si deve, non ce n'è per nessuno; GINI: ovvero il Soave, da strapparsi i capelli il recioto Renobilis 2004 ZYME: il grande celestino Gaspari in terra di Valpolicella, ha tirato fuori un bianco From Black to White che ad un naso aromatico, corrisponde al palato una straordinaria freschezza e mineralità. ROSSI: DETTORI: tutta la gamma è strepitosa: bravissimo Alessandro! Serve però assolutamente lo stesso post per vino vino vino, perchè in termini di emozioni gustative non si è scherzato affatto.

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Faccoli è un piccolo grandissimo. La vendemmia l'ha sempre fatta coi suoi familiari e basta. Non so se da qualche anno chiami anche personale avventizio, ma la sua resta comunque una piccola e pregevole realtà di famiglia. Bravo Michele.

Rispondi
avatar

francesco piantoni

circa 8 anni fa - Link

Faccoli e' sul podio dei mie tre franciacorta preferiti e con il loro millesimato 1997 ho scoperto le vere bolle. Visite in cantina sempre piacevolissime, grande ospitalita' e cordialita': consigliatissimi!!

Rispondi
avatar

enzopiet

circa 8 anni fa - Link

I vini campani hanno colpito anche il sottoscritto. Sarà per quel padiglione che faceva molto suk marocchino, sarà che i vini e il cibo campano tengono alto il nome di una Terra troppo spesso tradita, martoriata e bistrattata resta il fatto che li ho bevuto roba da sballo. I nomi e le etichette. Antonio Caggiano: la Falanghina 2010, il Fiano Bèchar 2010, il Greco Devon 2010 e l'immenso Taurasi Macchia dei Goti. Vini eccezionali anche se, dopo l'assaggio, non sono del tutto convinto che il Bèchar non faccia legno come mi hanno giurato allo stand! Ciro Picariello e la sua simpaticissima signora. Posso non nominarli? Gente umile e pronta a raccontarti tutto di sè e del suo Fiano fantastico che abbiamo assaggiato in diverse annate. Moricchia ha ragione, il 2008 è mostruoso ma anche il 2009 con le sue spiccate mineralità ed una strepitosa lunghezza è un piccolo "enfant prodige". 12 euro circa per godere! Bello il restyling grafico dell'etichetta. Terredora. Il Greco di Tufo "Terre degli Angeli" 2009 è una figata pazzesca. Io lo berrei pure alla canna e a Bari, in enoteca, si trova a meno di 10 euro. Ammesso e concesso che riusciate a trovarne qualche altra boccia. Montevetrano. Stringere la mano a questa dolcissima signora di nome Silvia Imparato non ha prezzo. E il suo vino, checchenediciate, è davvero tanta, tanta roba. Cotarella vi starà pure sulle biglie ma il Montevetrano è sempre un fuoriclasse. Ho assaggiato al Vinitaly la 2009 e la 2006. Certo la prima va decisamente "aspettata" anche se io l'ho paragonata ai baresissimi "allievi di n'der la lanz". Cosa sono gli allievi di nder la lanz? Piccole, piccolissime seppioline che andrebbero fatte crescere ma che NOI veraci galletti biancorossi mangiamo in quel che era il vecchio porto cittadino, ovvero nder la lanz, rigorosamente crudi, la domenica mattina come aperitivo :) E' il nostro streetfood per antonomasia, altrochè sushi-bar ! Il Montevetrano 09 era così. Un bambinello gia perfettamente godibile che darà il meglio di sè nei prossimi anni. Il 2006 invece pieno ed elengantissimo. Due vinoni, piaccia o no il taglo bordolese (in questo caso con un pò d'aglianico). E poi ancora Sicilia con i vini di Benanti, il Centopassi Sirah "Marne di Saladino" della Coperativa Placido Rizzotto presentato al Vinitaly e dedicato al Capitato dei Carabinieri Emanuele Basile ucciso dalla mafia; il "Sassicaia siciliano" Serramarrocco 2006 prodotto dal vulcanico Barrrrrone Marco Serramarrocco, l'Etna Rosso Fondo Filara 2008 di Nicosia e tanti altri di cui mi riservo di parlare prossimamente. Adesso sono stanco e devo andare. Alla Snai pagano lo 0 a 4 degli interisti 55 volte la posta. Ci metto "un deca" e se ci piglio con 550 euri invito uno di Intravino a cena da Bottura! Escluso Tomacelli perchè quello mangia troppo! nb. perdonati i sicuri errori di ogni sorta ma vado di fretta e non ho alcuna voglia di rileggere sto caxxo di messaggio. Au revoir. E forza Shalke 05 !

Rispondi
avatar

ivan

circa 8 anni fa - Link

"Primitivo di Manduria Es di Gianfranco Fino"...perchè sapeva di INTRAVINO..

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Mi permetto di aggiungere anche i vini di Pieve Vecchia, zona Montecucco.

Rispondi
avatar

salva

circa 8 anni fa - Link

Pinot Gris Soleil Cuchant Coop de l'Enfer '08 G.Traminer Armin Kobler '09 Riesling Kaiton Kuenhof '09 Sylvaner Manni Noessing '09 M.Thurgau Palai Pojer&Sandri '08 Fiano Ciro Picariello '08 Pinot Nero Mazzon Gottardi '07 Cannonau Tuderi Dettori '08 Sassella Rocce Rosse ARPEPE '99 Etna Rosso Quota 600 Graci '07 Brunello M. Fattoi Ris.'05 Nobile M. Poderi Sanguineto '07 Boca 1987 Cantine del Castello Barolo Bricco Boschis V.San Giuseppe Cavallotto Ris.'04

Rispondi
avatar

dipetten

circa 8 anni fa - Link

Hausmanoff '02 - Haderburg Prapò '07 - Schiavenza Rabajà '06 e ris. '04 - Cortese Collio - Keber Edy Colfondo - Bele Casel

Rispondi

luca ferraro

circa 8 anni fa - Link

onorato

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Ehi a me non l'hai scritto! ;)

Rispondi

luca ferraro

circa 8 anni fa - Link

il lambrusco rifermentato in bottiglia di podere il saliceto. Un pò tutti i vini del buon Armin aka "Gewurztraminer uber alles"

Rispondi
avatar

Alessandro Bandini

circa 8 anni fa - Link

Al Vinitaly non c'ero, ma a forza di menarmela con Kobler di qui, Kobler di là, non ho resistito e, mentre la famiglia dorme, ho tirato fuori dal frigo una bottiglia di Traminer, arrivato giusto ieri. Mannaggia a voi, tentatori.

Rispondi
avatar

gian paolo

circa 8 anni fa - Link

"Grassie" Luca..non diciamolo forte ma ieri ho provato quello che mi hai detto -agitare prima di bere...- devo dire che molto interessante! Mi sa che ti devo venire a trovare. Ciao GP I miei preferiti: Chardo e P. Grigio di Armin Col Fondo in Magnum -a cena Giovedì sera!- Calisto Sangio 2008 di Stefano Berti Succi's wines I Lambri di Sorbara del Paltro- Paltrinieri- e quelli di Cantina la Volta Pignoletto Badianum di Erioli MITICO Aggiornerò la memoria...

Rispondi
avatar

Daniele Marziali

circa 8 anni fa - Link

sè, sti due maroni! io avevo mille progetti e poi mi sono saltati tutti! sono rimasto fisso per 3 giorni interi allo stand della Doc di Rimini, dato che era la mia base e non ce l'ho mai fatta a mettermi a sedere!! Logicamente perchè le mie due Degustazioni enorotiche a dita ciucciate... hanno preso il sopravvento e hanno creato scompiglio e godimento e mucchi di femmine col dito pronto!!! però un salto dall'Anna Mattioli ce l'ho fatta a forlo e mi sono sparato un favoloso Recioto bianco passito che era una poesia.. vi farò sapere l'etichetta perchè non me la ricordo!! Voi vi siete degustati dei grandi vini, io però ho compensato il tutto con alcune ciucciate della mia crema nocciole, cioccolato e sangiovese colate sopra qualche decoltè aperto!! che roba da spatacco alto!!

Rispondi
avatar

andrea

circa 8 anni fa - Link

Vernaccia di San Gimignano Fattoria San Donato annata 2010, ottima freschezza e mineralità veramente piacevole la migliore vernaccia provata a verona

Rispondi
avatar

Alessandro Bandini

circa 8 anni fa - Link

Certo Ken che potevi farle anche un pochino più grandi quelle scritte...c'è gente di una certa età

Rispondi
avatar

Jacopo Cossater

circa 8 anni fa - Link

Al volo: positivamente impressionato dai vini di Camillo Favaro (erbaluce e syrah in testa). Puliti, espressivi, profondi, una gran sorpresa.

Rispondi
avatar

JOHANNANTON

circa 8 anni fa - Link

GIANFRANCO FINO Primitivo di Manduria "ES" TENUTA SANT'ANTONIO Amarone Campo dei Gigli 2006 POGGIO DI SOTTO Rosso di Montalcino 2008 Brunello di Montalcino 2006 NANNI COPE' Sabbie di sopra il bosco 2009 ARMIN KOBLER Gewürztraminer 2009 GRIFALCO Gricos 2008 per l'eccezionale rapporto qualità prezzo Sarebbe interessante sapere i vini che vi sono piaciuti di meno e vi hanno deluso di più.

Rispondi
avatar

Marco Lugli

circa 8 anni fa - Link

POGGIO DI SOTTO Rosso di Montalcino 2008 Brunello di Montalcino 2006 Palmucci non ne sbaglia uno eh, mai, neanche volendo.

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 8 anni fa - Link

Se avete la possibilità assaggiate anche la riserva 2005!!!! E' uno spettacolo!!!!!

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 8 anni fa - Link

Io ordine sparso : Vin santo 1986 Montemercurio Pinot Grigio Armin Kober 1998 Chardonnay Terlan Sangioveto Badia a Coltibuono Ch. Rufina Bucerchiale Selvapiana Pinot Nero Gumphof Les Aibelles Moscato Passito Les Cretes Moscata Vigna Vecchia 2003 Ca d'gal Filare 18 Casadei Poi tenti altri ottimi assaggi.....

Rispondi
avatar

Massimo D'Alma

circa 8 anni fa - Link

Ti do i miei campani: Vigne di Raito, Ragis 07 e 08 "Giggino" Reale, Getis 10 Alfonso Rotolo, Fiano 10 I Favati, greco etichetta bianca 09 Mila Vuolo, fiano 08 Su tutti: Picariello, fiano 05

Rispondi
avatar

salvuccio

circa 8 anni fa - Link

Da neofita ne segnalo giusto un paio: Manene Cerasuolo di Vittoria 2008 di Paolo Calì Koinè Etna Rosso 2007 Antichi Vinai Recioto 2006 Doc Valpolicella Nicolis Friulano 2009 Casa Zuliani Brunello di Manachiara 2006 Tenute Silvio Nardi

Rispondi
avatar

maurizio rusconi

circa 8 anni fa - Link

Barbera d'Asti - Erede di Chiappone Armando Gattinara - Iaretti Chianti Cl. e Ris. - Monteraponi Le Ragnaie Vernaccia - Le Calcinaie Nob. Montepulciano - Crociani

Rispondi
avatar

maurizio rusconi

circa 8 anni fa - Link

partito in anticipo per errore.... Rossese - Maccario Dringenberg Gwt e Chardonnay - Armin Lessona e Bramaterra - Tenute Sella

Rispondi
avatar

mrignazio

circa 8 anni fa - Link

POLVANERA 16 e 17 su tutti GRADIS'CIUTTA Collio ZUANI Collio DONATELLA CINELLI COLOMBINI Brunello Prime Donne su tutti CAPRAI Sagrantino di Montefalco 25 anni su tutti KELLEREI BOZEN POGGIO DI SOTTO TERRE DI LEONE su tutti il Valpolicella Superiore MILLEUNA su tutti Capitolo Laureto 2008 PICARIELLO RADIKON una esperienza strana, ma da provare DETTORI ARGIOLAS ELENA FUCCI SARTARELLI Verdicchio Superiore Tralivio questi per sommi capi i miei migliori assaggi

Rispondi
avatar

GIAMPIERO PEZZUTI

circa 8 anni fa - Link

Ehh?? Donatella Cinelli Colombini?? Sei sicuro che non ti abbiano cambiato il bicchiere?

Rispondi
avatar

mrignazio

circa 8 anni fa - Link

Ma lei è sicuro di aver assaggiato i loro vini?! Io penso che sia improbabile se dice così, oppure non conoscendo i suoi gusti può essere che non incrocino il suo, forse preferisce vini più facili, certo la botte grande richiede tempo e non è per tutti i palati, il Prime Donne 2004, 2005 e 2006 sono fantastici. Di recente ho avuto il piacere e la fortuna di assaggiare il 1994 ed era veramente perfetto, ma pronto a durare ancora tanti tanti anni.

Rispondi
avatar

kenray

circa 8 anni fa - Link

2 vini hanno entusiasmato su tutti gli ottimi che ho assaggiato . milleunanotte 2006 . batar 2009 di armin non parlo più nemmeno sotto tortura è risaputo che sono koblerdipendente siccome io bevo e non sputo i miei assaggi sono sempre entrro la dozzina causa autovelox nessun vino pessimo da segnalare. nemmeno il lambrusco rifermentato di gianpaolo che mi ha riportato allla mia giovinezza di scavezzazollo della via emilia. a dio piacendo quando e se organizzeremo la fiera del vino di parma che provvisoriamente chiameremo "intavinosull'appennino" sarete tutti invitati gratis

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

DEllo stile del Batar e del Milleunanotte, stile che molti talebani trattano con sufficienza quando non con derisione, era rimarchevole il Cerviolo 2007 di San Fabiano Calcinaia. Decisamente. Equilibrato, ricco, fresco.

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 8 anni fa - Link

Il batar è uno spettacolo, ma lo preferisco con qualche anno sulle spalle..... Il 2009 è particolarmente in forma, però!!!!

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 8 anni fa - Link

Voglio essere particolarmente enosnob e premio le 300 bottiglie di etna rosso della vostra vecchia conoscenza Federico Graziani

Rispondi
avatar

marco monaci

circa 8 anni fa - Link

Grazie mille tommaso ci fa davvero piacere che i nostri vini ti siano rimasti impressi. significa molto per noi. A presto.

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 8 anni fa - Link

Dovere!

Rispondi
avatar

attoadivenire

circa 8 anni fa - Link

Purtroppo quest'anno non ho potuto partecipare al Vinitaly.....Chiedo gentilmente un consiglio sui Migliori Bianchi friulani, veneti o alto adige....Grazie

Rispondi
avatar

Rinaldo Marcaccio

circa 8 anni fa - Link

Una sintesi approssimata per difetto di due giornate fitte di degustazioni: http://www.vinix.com/myDocDetail.php?ID=5138

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.