Grandi bottiglie che deludono. Mai capitato?

di Alessandro Morichetti

etichettabiondisantiCapita a tutti. Sei inesperto, ti viene voglia di una grande etichetta e la compri nonostante il prezzo – devi pur entrare nel mondo di chi beve bene senza badare a spese, prima o poi. Trovi l’enoteca e la bottiglia giusta ma dimentichi un dettaglio: la maledetta annata. “Tanto una varrà l’altra, no?” pensi fiducioso. Beh, purtroppo no, per le etichette serie il millesimo conta eccome.

A me accadde con un Brunello di Montalcino 2000 di Biondi Santi, cioé la storia del Brunello. 60 euro o giù di lì, ricordo ancora le mani che mi tremavano alla cassa e il classico conflitto interiore: “fallo-non farlo-ma sì, fallo-no, sei matto, cheffai“. Insomma, va a finire che lo fai, paghi e te ne vai a casa, abbandoni la boccia nel frigo-cantina e la tiri fuori 4 anni dopo soddisfatto e fiducioso: sarà memorabile. Invece, il sogno che diventa incubo. Il vino non è come speravi, scipito, scarico e  deludente come solo un vitigno nobile in annata pessima può essere. E così ripensi ai soldi spesi, alla delusione cocente e alla necessità di evitare altri affari poco soddisfacenti.

A voi è mai capitato di rimanere terribilmente delusi da una bottiglia costosa? Orsù, bando alla delusione, quale? E quanto v’è costata?

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

7 Commenti

avatar

andrea petrini

circa 11 anni fa - Link

Spesso mi è successo con delle bottiglie di Montepulciano Valentini, vini che hanno una grande variabilità per bottiglia. Stessa cosa per i vini di Emidio Pepe e, in generale, per i vini artigianali

Rispondi
avatar

Ganascia

circa 11 anni fa - Link

Per me Trebbiano d'Abruzzo sempre di Valentini: sembrava limonata.

Rispondi
avatar

Mauro Mattei

circa 11 anni fa - Link

...Morey St. Denis 1er Cru '96 Clos de Lambrays: na ciofeca :-( ancora maledico l'enotecario in questione ! (non è morichetti..)

Rispondi
avatar

roberto gatti

circa 11 anni fa - Link

Capita ed è capitato a tutti , a volte una bottiglia sbagliata non conservata bene, altre volte vini superpompati a dismisura dalla critica. A me è capitato già in diverse occasioni, in degustazioni " alla cieca " ( anteprime e non ) di molti campioni della stessa tipologia, che non sempre i piu' buoni da bere fossero i piu' costosi ed i piu' famosi. Ma non è un problema, almeno per me, tanto alla fine riporto sempre i giudizi personali con tanto di voto.....e sono certo che i lettori/appassionati " piu' scaltri " ne trarranno le dovute conseguenze, perchè NON sempre : costo elevato e fama elevata corrisponde a GRANDe vino ! Ciao

Rispondi
avatar

La linea dell'inutile (Mauro)

circa 11 anni fa - Link

Capomartino Jermann del 1999 al Grand Hotel (che e' un risto sui Navigli, mica l'hotel) ... zero personalita' ...

Rispondi
avatar

Vinogodi

circa 10 anni fa - Link

... no , non mi è capitato in oltre trent'anni di bevute . Per un solo motivo , distinguo le "grandi bottiglie" dalle "sole" . Chiaro , per difetti di conservazione o tappo , bottiglie sotto le aspettative ci possono essere , ma allora c'è qualche variabile indipendente da poter dare una prova d'appello .

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.