Massimiliano Ferrari

Lucio Rossi, un jukebox di storie da ascoltare rapiti

Lucio Rossi, un jukebox di storie da ascoltare rapiti

COME UNA NAVE IN BOTTIGLIA
Mi hanno sempre colpito quelle bottiglie contenenti piccole ed esatte riproduzioni di navi in miniatura. L’idea stessa che copie esatte di galeoni, fregate e velieri, abituate a solcare i mari, possano essere racchiuse in un … continua »

Aliquantum, il meraviglioso dilettante in cucina

Aliquantum, il meraviglioso dilettante in cucina

Chi è il dilettante? Cosa definisce un amatore?

Secondo il dizionario Treccani il dilettante è “chi coltiva un’arte, una scienza, uno sport non per professione, né per lucro, ma per piacere proprio”. Si tratta in sostanza di qualcuno che pratica … continua »

La storia delle lavoratrici rumene arrivate col charter spiegata bene

La storia delle lavoratrici rumene arrivate col charter spiegata bene

In alcuni romanzi di John Steinbeck, penso a Furore o Uomini e topi, lo sfondo delle vicende narrate è quello di una California molto meno appariscente e tecnologica di quella attuale. Polvere, sudore e fatica il pane quotidiano, un’America con … continua »

Romanée-Conti: quando l’assassino si nasconde tra le vigne

Romanée-Conti: quando l’assassino si nasconde tra le vigne

47°09’41.9″N 4°57’02.4”E.

Ogni buon specialista dei vini e dei luoghi di Borgogna dovrebbe mandare a memoria le coordinate qui sopra.

Digitandole su Google Maps vi ritroverete, senza muovervi dalla poltrona, catapultati all’interno dell’area vitata più famosa al mondo.

Il vigneto … continua »

Coronavirus: regolarizzare gli immigrati per salvare la vendemmia?

Coronavirus: regolarizzare gli immigrati per salvare la vendemmia?

Più della pandemia fece la mancanza di manodopera. Sembra questo lo scenario prossimo venturo che potrebbe verificarsi nelle campagne e di conseguenza anche nei vigneti italiani. Da più parti arriva l’allarme di una mancanza di braccia e mani per far … continua »

L’anarchico Luigi Veronelli e il vino

L’anarchico Luigi Veronelli e il vino

Vino e anarchia, tema tosto mi dico. Si rivelerà una brutta bestia da affrontare, farfalla che danza il vino e ape che punge l’anarchia, ma ormai sono salito sul ring e non posso più tirarmi indietro.

Come un pugile alle … continua »

La schiava della memoria e quella che bevo ora

La schiava della memoria e quella che bevo ora

Scrivere della schiava è un pungolo che mi premeva da giorni, settimane, anni forse.

Un amore malinconico, di quelli che si tengono nascosti, di cui forse ci si vergogna anche un po’. Sedotta e abbandonata, ripresa e poi dimenticata, la … continua »

Il mio rifugio

Il mio rifugio

Scrivo da un avamposto di resistenza, da un anfratto umido e celato in cui cerco di trovare conforto. Quel santuario improvvisato è la mia cantina. In questi giorni di pensieri funesti, di resistenza alle mille ovvietà che si leggono e … continua »

A vin di bene, il vino per i bambini di suor Donatella

A vin di bene, il vino per i bambini di suor Donatella

Questa è una storia che racconta di una vigna lillipuziana racchiusa fra ringhiere, balconi e grigi cortili di un edificio cittadino, dell’aiuto inaspettato che i frutti di quella vigna possono portare a quasi 4.000 chilometri di distanza e di come … continua »

“I conti con l’oste” è un libro che mette fame

“I conti con l’oste” è un libro che mette fame

IL PERSUASORE OCCULTO

Mentre leggevo “I conti con l’oste“, primo libro in italiano di Tommaso Melilli, una sensazione sotto pelle, insinuante, che a fatica mi abbandonava, era quella di una continua e impellente fame.

Ma non perché si … continua »

Come vignaioli alla fine dell’estate: la recensione

Come vignaioli alla fine dell’estate: la recensione

Una cosa che non faccio mai quando leggo un libro, qualsiasi esso sia, è quello di farlo con una matita in mano. Mi spiego meglio. Mi sono dato un principio assoluto, quello di non sottolineare, scribacchiare, mettere note, fare le … continua »

Tutto sul Sidro italiano e del perché dovremmo berlo

Tutto sul Sidro italiano e del perché dovremmo berlo

Il mio primo contatto con il sidro avviene, in maniera casuale e involontaria, durante una vacanza di qualche anno fa nelle Asturie, aspra terra di mele divisa fra rilievi montuosi e affaccio sul mare. È a Oviedo che scopro come … continua »