Potrei svenire di piacere ma mi astengo

di Alessandro Morichetti

Come fumare a tutto pasto – anzi, a tutto vino- il Toscano Extravecchio. Ce lo racconta Terry Nesti (Club Amici della Toscana).

sigaro-e-vinoAmo il vino e le contaminazioni. Credo che di vini abbinabili ai sigari ce ne siano molti, lo scrittore buongustaio Mario Soldati sarebbe d’accordo. Sperimento in buona compagnia l’abbinamento di un Toscano Extravecchio, probabilmente il miglior sigaro-da-vino del mondo, con tre importanti vini italiani*. Giusto per non farci mancare nulla, iniziamo scaraffando il Sassicaia 2006 mentre verso nel bicchiere la Ribolla 2004 di Josko Gravner. Il sigaro è già acceso, lo fumiamo rigorosamente alla maremmana, cioè per intero. Arrivata a temperatura, la Ribolla libera sentori di frutta secca cera d’api cui il sigaro aggiunge note di cacao e castagne: in bocca il vino è impegnativo, secco ma docile. Dà il meglio alla temperatura di un vino rosso giovane, che è un fatto curioso per un bianco, e convince anche chi aveva dubbi. Inizio col botto, non c’è che dire.

Arrivati al secondo terzo del sigaro, versiamo il Sassicaia, colto nella fase del giovane che cresce pieno di promesse. Impenetrabile, al naso ribes, frutta rossa (susine) e grafite, avvicinato al sigaro diventa un formidabile vino da meditazione. Gli aromi dei due grandi toscani si armonizzano perfettamente. Il sigaro prolunga la persistenza del vino che conquista il palato senza stancarlo. Potrei svenire per il piacere ma evito.

L’ultimo vino è un passito ma fuori dagli schemi. La Lacrima di Morro di Mancinelli (mia passione assoluta) è un rosso intenso che profuma di frutta sotto spirito e visciole, ingentilite da note di pepe e chiodi di garofano. Per spezzare, l’abbiniamo con una cioccolata 70% di Cuorenero. Il toscano regala note mandorlate al vino che restituisce una dolce morbidezza. Dalla grande degustazione la bocca esce perfetta, con un aroma simile a quello lasciato da tazzina di buon caffè, interminabile.

Per finire un prodotto border line del mondo dei passiti la Lacrima di Morro passita di Mancinelli (una mia passione assoluta), un passito in rosso con profumi sono molto intensi, frutta rossa sotto spirito e visciole con punte di chiodo di garofano e pepe. Lo accompagniamo anche con una cioccolata 70% di Cuorenero (qualcuno deve guidare). Il sigaro regala note mandorlate al passito e il vino dona equilibrio al palato bilanciando la sapidità avanzata del nostro toscano. La chiusura perfetta di una grande degustazione difficilmente (purtroppo per noi) ripetibile.
La bocca ne esce perfetta, il retrogusto in bocca assomiglia a quello donato dalla classica tazzina di caffè, vorremmo che durasse e lungo e lui ci accontenta pienamente: è un bel modo di andare a letto.

Convenite con me che sia un ottimo modo per chiudere la giornata? Voi che ne dite dell’abbinamento vino-sigari? Qualche suggerimento?

*Ribolla e Sassicaia sono stati reperiti grazie a Filippo Polidori

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

17 Commenti

avatar

Andrea Gori

circa 10 anni fa - Link

spettacolo morichè! la prossima volta però chiamami!!! e cmq io fumo solo l'antico toscano, ormai è una tradizione di famiglia e non posso sgarrare!

Rispondi
avatar

fabrizio scarpato

circa 10 anni fa - Link

Commosso. Per un paio d'anni ho fumato il toscano: non sono capace, o si spegne o si inumidisce troppo, o vai in iperventilazione o biascichi. Svenivo quasi per davvero. Idem la pipa. Ma per una degustazione del genere sarei bello pimpante ;-))

Rispondi
avatar

Lorenzo

circa 10 anni fa - Link

La Lacrima è in rinascita: http://www.bloomberg.com/apps/news?pid=newsarchive&sid=ac57eoOSmWxg

Rispondi
avatar

Ruggero Romani

circa 10 anni fa - Link

che annata del re sole era? e il breg pari annata potrebbe sostituire la ribolla?

Rispondi
avatar

VignereiMaNonPosso

circa 10 anni fa - Link

a me non resta che accendermi una sigaretta ale, questo ho in casa!

Rispondi
avatar

michele

circa 10 anni fa - Link

andrea ma icche' tu dici...in famiglia tua semmai e' tuo zio che fumava il sigaro tutte le volte che vengo a pranzo da voi da burde... me lo rammenta ....!!!!!!!!

Rispondi
avatar

Capric

circa 10 anni fa - Link

Sono Toscano ma fumo Cubano! Un D4 della Partagas, e se volete qualcosa di più tosto il Cazadores di Romeo&Giulietta. Scusate, ma per me il Toscano sa di scarpe! :-) E più è "maschio" il sigaro e più dev'essere "maschio" il bere. Per intenderci: io il Sassicaia lo accompagnerei più volentieri con un piatto di cinghiale (da Burde...) e col sigaro andrei di Rum. Caroni 1982.

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 10 anni fa - Link

Ehm, uhm, ohm, well.. beh, pensavo fosse chiaro: l'autore è Terry Nesti e questo ha comportato anche l'assaggio (suo e di pochi eletti) di tutto 'sto ben di Dio in terra toscana. Io - come voi - non ho fumato né bevuto proprio una bella cippa di tutto quanto scritto :-( Grazie per il sostegno morale, comunque ;-)

Rispondi
avatar

Il Fermentatore

circa 10 anni fa - Link

avevo invitato il buon Alessandro, ma dalle marche a Pistoia la via è troppo lunga!

Rispondi
avatar

Il Fermentatore

circa 10 anni fa - Link

La lacrima era 2005

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 anni fa - Link

e ovviamente visto che sapeva che SAREI venuto a Terry non è passato di mente di chiamare me che abito a 20 minuti da lui...male molto male, BANNATO a vita da INtravinoooooooooooo

Rispondi
avatar

Il Fermentatore

circa 10 anni fa - Link

Ma sei sempre impegnatissimo, sapevo che non ce l'avresti mai fatta! La prossima volta provvederò, prometto.

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 anni fa - Link

se vale la pena, mi sposto di sicuro! potrei sorprenderti...;-)

Rispondi
avatar

Sergio

circa 10 anni fa - Link

no dai, così non vale! l'idea di fumarci il toscano con la ribolla di Gravner mi è passata per la testa anche a me lunedì sera, quando ce l'ha fatta assaggiare (la 2005, come regalo finale) Gigi Brozzoni alla degustazione della Ribolla 2008. Ora prendo une dei miei toscano selected umidicci e me lo fumo, e adesso che mi ci fai pensare ho una seconda bottiglia di Olmaia 2001 che se non ricordo male aveva una liquirizia stupenda... ciao

Rispondi
avatar

Luca

circa 10 anni fa - Link

Dico che invidio chi ha scritto il post...ho giusto ora un toscano (classico...sigh...) tra le labbra parte della mia piccola scorta che si fa di settimana in settimana più piccola...provate a trovarlo voi un toscano a Pechino!!! Bottiglie di quel genere poi ci vuole un mutuo qua! In genere abbino con quel poco che ho e mi posso permettere col mio stipendiuccio da stagista (doppio sigh...) ovvero Yamazaki 10 anni e grappa trentina barricata selezione crai (triplo sigh...) Qualche buonanima che ha voglia di spedirmi qualcosa??? :)

Rispondi
avatar

Il Fermentatore

circa 10 anni fa - Link

Per abbinamento consiglio suntori, per spedizioni qualche tabaccaio che spedisce all'estero (non si potrebbe) c'è cerca in rete

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.