Relax | Rum Caroni heavy 1983 e Antico Toscano

di Terry Nesti

Giovane, trendy, facile, dolce: bevuto nei migliori (e peggiori) bar del Sud America come nei nostri ristoranti e locali notturni. Di cosa sto parlando? Ma naturalmente del Rum! Forse perché non sono più così giovane (né molto trendy) io certe alchimie melassose non riesco a mandarle giù. Se devo bere per riempire il bicchiere e l’attesa, preferisco astenermi. Ma non tutti i rum sono indistintamente delle porcate, il problema è che la qualità si concede solo ad un prezzo elevato.

Uno dei miei distillati preferiti proviene (o purtroppo dovrei dire proveniva) da Trinidad, in Italia è importato da Velier (santi subito!). Venuta a conoscenza che la Distilleria Caroni, di proprietà dello stato, era stata messa in liquidazione, acquistava tutte le botti di rum degli anni ’80 (che normalmente venivano usate per tagliare i rum più giovani). Il contenuto è stato messo in vendità così com’è, senza nemmeno tagliarlo: ecco come nasce il prodotto che ho sottomano, il Caroni Heavy 83.

Non è un prodotto facile, stiamo comunque parlando di 52 gradi, la sensazione alcolica al naso è forte e pungente e richiede un sigaro che possa tenergli testa. Io da italiano sono di parte, non se l’avranno a male gli amanti del puros, ma qui un Antico Toscano è perfetto. Questo, sigaro nato nel 1973 a Lucca, è l’emblema dell’italico fumo, forte, maschio e vigoroso che regala sensazioni intense e mai banali.

Nell’abbinamento con il rum esalta note di torba e un mix di spezie dolci e pungenti. La forza è intensa ma non sovrasta mai il gusto e il corpo del rum (52 gradi non scherzano), la cenere è bella compatta, scura e consistente e raggiunge facilmente i due – tre centimetri di lunghezza, preservando la combustione e raffreddando il fumo. Arrivati alla metà dello stortignaccolo, il rum diventa praticamente una necessità, la sapidità avvolge la bocca e la sensazione di astringenza si fa molto intensa, le note sensoriali evolvono verso il pepe e le tostature a cui il Caroni dona sentori di fava di cacao. Insomma un bell’abbinamento, non certo economico. In enoteca circa 80 euro per il Caroni 83.

7 Commenti

avatar

Ganascia

circa 9 anni fa - Link

Non fumando alcunché, mi godo a testa bassa i cazzottoni del Caroni Heavy 83, ché oggettivamente è bevuta maschia, non da miscelatori discotecari avvezzi alle mollezze. Io ci accompagno il cioccolato delle cru di Amedei, e mi godo la musica che si sprigiona, un po' come Remy di Ratatuille :)

Rispondi
avatar

nicola a.

circa 9 anni fa - Link

Santi subito, quelli della Velier, ma lenti...a consegnare, e spesso, tiratina, non arriva sempre tutta la merce ordinata.

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 9 anni fa - Link

Che sia collegato a problemi di crescita? Ho partecipato in novembre ad una loro degustazione e parlavano di un mercato del whisky passato praticamente nelle loro mani da un giorno all'altro, ma non hanno spiegato i motivi. Qualcuno è più informato di me?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 9 anni fa - Link

io ho sentito dire che la Velier distribuisce Samaroli che prima andava con moon import credo. Whisky abbastanza fighetti e cari (e favolosi, va da sè) e pure diffusissimi

Rispondi
avatar

Sara

circa 9 anni fa - Link

No, in realtà Samaroli ora si distribuisce da solo insieme a Casa Bleve che ha acquistato parte delle sue quote. Moon import invece non lo tratta più, salvo esaurire le scorte in magazzino.

Rispondi
avatar

Luca

circa 2 mesi fa - Link

Ciao a tutti, sto cercando una scatola per una bottiglia di Caroni 1983

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 4 giorni fa - Link

Ciao Luca, Ho appena visto il tuo annuncio e controllando a casa ho trovato una scatola di caroni 1983 heavy Trinidad rum intatta, con anche la bottiglia vuota al suo interno. Contattami se ancora interessato, grazie.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.