Raccontare il Fiano 2008 di Ciro Picariello è un’impresa che neanche Reinhold Messner

di Alessandro Morichetti

Un assaggio così debordante non mi capitava da un po’. Nella scala dei vini bianchi italiani più riconoscibili, il Fiano di Avellino 2008 di Ciro Picariello va diretto sul podio e sfido a trovare avversari degni. Prodotto dal carattere contagioso, basta un assaggio per stamparlo in memoria e mi chiedo come collocarlo nel panorama dei grandi Fiano. Vino di un giallo paglierino carico, ha un naso fantastico e ricco: limone, pancetta, salvia e olive verdi disegnano un profilo che sbaraglia ogni banalità, prepotente e articolato. Antitesi pura del vino ben confezionato e timido che offre fruttini di ogni salsa e niente più.

L’ingresso in bocca è importante, voluminoso ma secco e tenace. Il finale salino emerge su toni affumicati che riempiono la bocca: esitare piacevolmente tra rimandi da whisky torbato, birra affumicata (penso alle Rauchbier di Bamberga) e mandorla dolce è una dote per pochi o forse per nessun altro. Inserire il Fiano 2008 di Ciro Picariello tra le 10 etichette che hanno cambiato il vino italiano del Nuovo Millennio è qualcosa tra l’immediato e il doveroso. La struttura prestante e nobile racconta un vino che aggredisce il futuro e ricavo da Slow Wine altre informazioni interessanti: 5 dei 7 ha aziendali sono a fiano, nessun consulente esterno, gestione familiare – Ciro e sua moglie Rita con i figli Emma e Bruno – e piante di 15 anni (per questo vino, blend di uve da Summonte e Montefredane). Poco più di 13.000 bottiglie e 12 euro in enoteca. Acquisto clamoroso.

ps: è uscito giusto qualche minuto fa un racconto simpatico e ben documentato con annessa verticale del Fiano di Ciro Picariello, ad opera di Paolo De Cristofaro (Gambero Rosso).

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

50 Commenti

avatar

armando treccaffé

circa 8 anni fa - Link

grande Morica....hai trovato la luce ed io te rendo onore... è stato il mio vino dell'estate 2010... aggiungerei che è un vino da bere tra 12° e 14° e che ha anche molto idrocarburo e mineralità nel corredo aromatico.... P.S. nel caso risucissi mai a trovarlo (ma tu forse puoi grazie a qualche rappresentante) da provare è il Pallagrello bianco di Angela Posillipo...lancio anche un appello a chiunque l'avesse assaggiato o sapesse dirmi come trovarlo di scrivere qualche riga sul blog....grazie

Rispondi
avatar

Carmine Capacchione

circa 8 anni fa - Link

E di quest'ultimo quante bottiglie se ne producono??

Rispondi
avatar

Mtt

circa 8 anni fa - Link

un vino straordinario, il rapporto qualità prezzo ti fa sentire un ladro !! Unica pecca : INTROVABILE...

Rispondi
avatar

armando treccaffé

circa 8 anni fa - Link

@ Mtt.... verissimo... o te lo rivende un ristoratore amico oppure anche in provincia di Avellino lo trovi solo in cantina...ad astra per aspera (cit.)

Rispondi
avatar

Massimo D'Alma

circa 8 anni fa - Link

Al momento bevo con molta soddisfazione il 2005, ed ogni volta mi sorprende sempre di più. Peccato che prima o poi finirà...

Rispondi
avatar

Les Caves de Pyrene

circa 8 anni fa - Link

Il 2004 al momento è fantastico... Peccato che ci siano solamente pochissime bottiglie rimaste che Ciro custodisce gelosamente... Il 29 Marzo a Viareggio ci saranno 2005 , 2006 , 2007 e 2008 in degustazione.

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 8 anni fa - Link

Posso chiedere cosa ci sarà il 29 marzo a Viareggio???? Non trovo notizie e mi piacerebbe....

Rispondi
avatar

Les Caves de Pyrene

circa 8 anni fa - Link

Può leggerne qui... http://lescavesdepyrene.blogspot.com/2011/03/degustazione-vini-di-territirio.html

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 8 anni fa - Link

Grazie!

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 8 anni fa - Link

Bella!!!! Peccato che è di martedì e non potrò partecipare...

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

"Inserire il Fiano 2008 di Ciro Picariello tra le 10 etichette che hanno cambiato il vino italiano del Nuovo Millennio è qualcosa tra l’immediato e il doveroso"... Ah Morichè! e basta co' sti toni apocalittici!!! Se non l'avevi bevuto prima capisco l'interesse, ma per chi lo conosce da un 3-4 anni (da tanto lo conosco io)sembra che tutta quella carica fenolica e quel tono fumè siano eccessivi (e prima non erano così marcati nda). Se poi parliamo di gusto accetto tutto, ti dirò di più, preferisco l'essenzialità scarna di Guido Marsella '06 e '08.... ma da qui a dire che il suo (di marsella) fiano ha cambiato il vino italiano.....

Rispondi
avatar

gp

circa 8 anni fa - Link

“Essenzialità scarna” è un’espressione che non assocerei mai a una versione riuscita di quel vino espressivo che è il Fiano di Avellino, semmai (in negativo) a una delle versioni commerciali-diluite di quei produttori che fanno grandi numeri. Il Fiano 2006 di Marsella poi, ribevuto 4 mesi fa, tutto all’opposto è un vino di grande carattere, con un’irruenza fuligginosa e idrocarburica che mi sembra difficile apprezzare se si trova “eccessivo” il tono fumé dell’ottimo Fiano 2008 di Picariello (Marsella 2008 non l’ho ancora sentito). Se non si amano le note fumé forse è meglio girare alla larga da Summonte (Marsella, all’inizio il 100% e ora il 50% delle uve del Fiano di Picariello – vedi link citato da Morichetti) e ancor più da Montefredane (Pietracupa, ora il 50% delle uve del Fiano di Picariello), spostandosi per esempio a Lapio (Colli di Lapio).

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

Forse se avssi scritto "cruda essenzialità" sarebbe stato meglio? Quindi mi vuoi dire che l'estrazione quasi al limite della sovraestrazione di Picariello è paragonabile all'acidità quasi renana di Marsella? Che il suo fiano sia di gran carattere, non ci piove. I toni fumè sono gestiti in maniera estremamente contenuta, sono percepibilissimi eppure offerti al naso con gentilezza su un corredo di richiami delicatamente balsamici, l'agrume è nitido e in esso si integra una nota di idrocarburo nobile ben distante da quel concetto di "carica" che hai delineato nella tua decrizione e che molto più si attiene alla gestione del vino di Picariello. Se poi assaggi il 2008 capisci ancora di più la distanza siderale che separa questi due fiano, prima di tutto concettualmente. Credo però che nel tuo volerti "attaccare" al mio commento a tutti i costi hai perso di vista il senso del mio commento. Lo ribadisco e te lo riassumo: 1 a GUSTO PERSONALE preferisco Marsella 2 non ritengo nemmeno questo il vino che "cambierà le magnifiche sorti e progressive" dell'enomondo 3 sul 2008 mi sento di condividere le "fesserie2 che dice quel "fannullone" di Luciano Pignataro "Se la 2007 può ricordare i funghi sott’olio, questa (2008 nda) ricorda gli ovuli serviti crudi con una spruzzata di limone tanto in voga negli anni ‘80. Insomma, l’acidità è sicuramente un po’ scissa, ma questo per noi è un grande pregio, promessa di matrimonio con il tempo. Il primo impatto è dunque agrumato, di pere acerbe appena colte, poi il filo leggero del fumé tipico di Marsella, e, con molti sforzi, poi arriva il sottobosco di Summonte, l’essenza di foglie di castagmo cadute, i funghi, la legna bruciata. In bocca il vino è un capolavoro(...)Parlo di capolavoro anzitutto perché la beva è elastica, dinamica: non hai cioé la sensazione di dover mandare giù qualcosa che hai messo in bocca, ma la materia scivola da sola, rapidamente e con faciltà(...)In bocca i toni agrumati sono ancora più marcati, ripeto: cedro e limone soprattutto, nessuno sconto dolce, neanche un cenno nell’attacco." http://www.lucianopignataro.it/a/fiano-di-avellino-2008-docg-marsella/8627/

Rispondi
avatar

gp

circa 8 anni fa - Link

Ho cercato di allargare un po’ gli orizzonti, citando oltre a Picariello e Marsella altri stili di Fiano di Avellino e connettendoli alle zone di provenienza. Trovo molto più distanziati tra di loro Colli di Lapio e Pietracupa rispetto ai due citati. Altro dettaglio concreto che non mi sembra trascurabile: Marsella (e altri, in particolare Villa Diamante citato in un altro intervento) fa vini molto diversi a seconda dell’annata, diciamo che ci mette del suo oltre alla naturale differenza delle singole annate (all’opposto di Pietracupa, eccezionale nella sua costanza). Il suo 2006 che hai associato al 2008 come vino di “scarna essenzialità” non lo è affatto, il 2008 oggi non so (la descrizione di Pignataro è di oltre un anno fa, sarebbe bene verificarla). PS: “acidità quasi renana” in un Fiano non l’ho mai sentita, nella zona notoriamente la palma dell’acidità va di gran lunga al Greco di Tufo.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

oddiiiiiiiiiiiio, ancora con questa sottiletizzazione? Il tema centrale è chi "ce l'ha più lungo" tra me e te? o Morichetti che, nonostante la sua verve, a volte scrive articoli che la fanno un po' fuori dal vasino se pur simpaticamente? A tutti capita di prendere una toppa per eccesso di sicurezza (io sono il primo).... almeno però, se me lo fanno notare, come si dice a Roma, "ce sto". p.s. Tanto per tornare sull'argomento centrale della discussione: per te il fiano di Picariello è uno dei vini che ha cambiato l'enomondo del terzo millennio??? o suggeriresti all'autore più prudenza???

avatar

gp

circa 8 anni fa - Link

No, in effetti quella di Morichetti mi sembra un'iperbole. Però è un fatto che il Fiano di Avellino 2008 di Picariello ha ricevuto "il plauso (quasi) unanime della critica", per quel che vale (compresa la nuova guida Slowfood), quindi il nostro non è così isolato.

avatar

Lido Vannucchi

circa 8 anni fa - Link

Francesco ti capisco e condivido pure io bevo da oltre 4 anni Picariello, ma Picariello si è mantenuto e sinceramente in degustazione entusiasma, sempre rapporto qualità prezzo e non solo!!!, Ma Marsella ok per 06-08 e dopo il vuoto assoluto. ciao Lido

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Morricchia, ti sei esaltato per un vino che puoi bere tu e pochi altri, visto che la maggior parte l'ha bevuto Armando l'estate scorsa! Se per cambiare il vino italiano nel nuovo millennio dobbiamo contare su una produzione di 13.000 bottiglie, per quanto eccellente, stiamo freschi. Mi piacerebbe che il cambiamento epocale fosse operato da etichette che possano contare su una produzione più vasta, disponibile per un mercato di consumatori italiani ed esteri che va al di là di "io, mammate e tu".

Rispondi
avatar

corrado dottori

circa 8 anni fa - Link

Premesso che trovo il tono "esuberante" del Morichetti più che altro un piacevole stile di scrittura, non vedo davvero perché non si possa portare cambiamenti epocali con "sole" 13.000 bottiglie. Dopotutto Picasso ha cambiato la storia dell'arte moderna con 1 solo quadro... Voglio dire: riusciremo mai a liberarci dalla dittatura dei numeri? Con immutata stima.

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Stima ricambiata. A voler fare le pulci il cambiamento epocale provocato da Picasso é dovuto a più quadri. Comunque fosse anche uno, questo é tuttora visibile e ammirabile, mentre una volta bevute le 13.000 bottiglie, saluti e grazie. Le masse rimangono a bocca asciutta e non possono essere educate ad un'evoluzione del gusto, rimangono nell'ignoranza atavica. Certo che lo stile del Morricchia é piacevole e credo che lui sia il primo a non prendersi molto sul serio riguardo a certe esagerazioni, e così cerco di fare anch'io per quello che scrivo. Qualcuno che ogni tanto fa la "ficosina ignorantella" ci vuole in questo blog testo-eno-iperspecializzato che per essere seguito a volte richiede il dizionario e l'atlante geografico (scherzoooo....) Ps ma le ragazze sono sempre a bazzicare su Spigoloso?

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

cara NN, tu cosa pensi di quel paracXXo di moricchia? le opzioni sono due: 1-ancora deve consumarsi un bel po' lingua per parlare con cognizione 2-è uno pseudonimo dietro cui si cela Jancis Robinson che in italiano fluente si diverte ad attizzarci, farci scaXXare, e ci prende per i fondelli

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Fabbrettone oggi sei in forma più che mai! In realtà tu e il Morricchia vi amate platonicamente a distanza, ma ancora non volete ammetterlo, altro che Elisa di Rivombrosa. E questo fa il pari con l'insinuazione che NN sia un trans e che Ken esista solo come fidanzato di Barbie. Intravino é un blog scoppiettante in cui si esprime l'esuberanza della gioventù. Certe recensioni iperboliche danno spazio a commenti reprimendatori che altrove non sarebbero possibili, come si dice a Roma "rimettere in tazza". Così almeno i comuni mortali si sentono più rappresentati e riescono ad imparare qualcosa senza sentirsi mortificati. A me piace.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

infatti io propendo per l'ipotesi 2 :-)

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 8 anni fa - Link

Alla sola idea di una relazione tra Fab e Morikante preferisco l'edizione integrale di Elisa di Rivombrosa in tedesco con i sottotitoli in cecoslovacco.

avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

questa ipotesi sussisterebbe solo nel caso dietro la faccia di Motrix si celassero le volubili e leggiadre vesti di una..... aspetta.... come le chiama Kenray?.... Ah si! STRAGNOCCA

avatar

armando treccaffé

circa 8 anni fa - Link

Cara NN concordo, ma credo che il Moricchia avesse in mente il paradigma dell'elite della produzione quando ha parlato di cambiamenti epocali... ovvio che questo Fiano lo trovi quasi solo in Campania...ma credimi la prov. d Avellino è spopolata le vigne sono piccolissime i grandi produttori, alla Feudo del Concistorio,(nome d fantasia), comprano tutti le uve nella provincia di Benevento che ha rese mooolto più alte, più popolazione più ettari vitati e semplicemente più contadini...ovvio che cosi' va a farsi benedire tutto: DOCG menzione geografica aggiuntiva ecc. ecc. ecc. Eccellenza vera e bottiglie a milionate per ora sono incompatibili.....

Rispondi
avatar

Palazzo Paladino Vineria

circa 8 anni fa - Link

Giusto per dire io ho tutte le annate di Fiano dal 2004 al 2008 e forse anche qualche bottiglia di Pallagrello bianco 2006 di A. Posillipo

Rispondi
avatar

armando treccaffé

circa 8 anni fa - Link

grazie T faro' visita a Pasqua....

Rispondi
avatar

Signora

circa 8 anni fa - Link

Assolutamente non concordo con l'entusiasmo dell'articolista, è un fiano come tanti in Irpinia, scoprite gente, scoprite. Se vi attaccate per così poco, stiamo freschi. Un nome su tutti. Antoine Gaita Vigna della Congregazione (su quasi tutte le annate prodotte)

Rispondi
avatar

mrignazio

circa 8 anni fa - Link

E' stata una esperienza sublime poter assaggiare le annate dal 2008 al 2004 di questo incredibile fiano! Fotto con cura estremamente attenta, con una mineralità piacevolissima. Le annate 2008 2006 e 2004 eran fantastiche! Complimenti al produttore!

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 8 anni fa - Link

Attento a dire quello che "fai" con cura estremamente attenta...potresti intasare il blog di avances. Grazie per la mia prima risata mattutina.

Rispondi
avatar

antonio tomacelli

circa 8 anni fa - Link

Non te ne perdi una, eh?

Rispondi
avatar

mrignazio

circa 8 anni fa - Link

Scusate era semplicemente "fatto"... con cura! Anche per me tante risate di tarda mattina!

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 8 anni fa - Link

Tranquillo Ignazio, abbiam visto di peggio. Ora scusami ma vado a scegliere la cornice adatta per la tua frase ;-)

Rispondi
avatar

Raro Umore

circa 8 anni fa - Link

Morichetti, ECCESSIVO, davvero ECCESSIVO, capisco quell'enotecaro napoletano polemico, che beve paraocchiato, ma mi sembra tutto davvero eccessivo. Lunga vita al More Maiorum 2001. Aziende che fanno e che sanno fare.

Rispondi
avatar

Vinogodi

circa 8 anni fa - Link

... è un buon vino , non si scopre certo ora( sul GR se ne parla da almeno 3 anni e viene pure venduto)... perchè tante inutili iperbole?

Rispondi
avatar

Raro Umore

circa 8 anni fa - Link

Bravo Vinogodi.....non capisco, ma sti signori un giro anche molto largo in Irpinia se lo sono mai fatti?. Dire che il Fiano di tal dei tali è ottimo equivale a dire NIENTE, non è il produttore di turno ad essere bravo (mi sembra anche poco invasivo il nostro eroe e non per filosofia, ma perchè probabilmente non ha capacità LuigiMoiane o similari) ma è il vitigno ASSOLUTAMENTE STRAORDINARIO (e solo in Irpinia). Diciamolo una buona volta, ad Avellino gente che lavora meglio esiste. Penso ai Lonardo, che non si sono mai cimentani sul Fiano. Questa si che è gente. Hanno capacità, cognizione, scienza e mezzi.

Rispondi
avatar

antonio tomacelli

circa 8 anni fa - Link

Stai cercando la rissa? Su, raroumore, datti una calmata e leggiti la recensione del Grecomusc che ti rilassa. http://www.intravino.com/assaggi/piccoli-miracoli-il-grecomusc-di-cantine-lonardo/ @Vinogodi Al netto dell'iperbole mi tocca sempre richiamarti all'ordine: Intravino non è una setta né un forum. Abbiamo l'ambizione di "servire il popolo" per cui non diamo mai nulla per scontato: Picariello non è famoso come il tavernello.

Rispondi
avatar

mrignazio

circa 8 anni fa - Link

Per me che son pugliese, e di fiani ne avrò bevuti certamente meno di voi, questo è sembrato degno di qualsiasi iperbole. Trovare in forma smagliante l'annata 2004 mi ha veramente impressionato, soprattutto perchè era ancora un vino freschissimo.

Rispondi
avatar

Vinogodi

circa 8 anni fa - Link

antonio tomacelli risponde: 16 marzo 2011 alle 17:26 (link) @Vinogodi "Al netto dell’iperbole mi tocca sempre richiamarti all’ordine: Intravino non è una setta né un forum. Abbiamo l’ambizione di “servire il popolo” per cui non diamo mai nulla per scontato: Picariello non è famoso come il tavernello". Rispondo pacatamente : caro Antonio Tomaccelli , all'ordine ci riporti Tua sorella , se mai ne avessi una e fosse appassionata di vino . Voi avrete pure l'ambizione di "servire il popolo" , ma il popolo non è asino come pensate . Una volta bevuto l'ottimo vino di Picariello , si accorge subito che non è Montrachet e che quindi avete "iperbolato" per motivi che solo voi conoscete ...

Rispondi
avatar

Signora

circa 8 anni fa - Link

Calma.....calma, toni bassi per favore. Diciamo che è pure buono, sto vino, ma ce ne sono tantissimi di Fiano e credetemi tutti della stessa qualità.

avatar

Franco Ziliani

circa 8 anni fa - Link

questo commento mi dà l'impressione di essere stato scritto da qualcuno che pensa di detenere il monopolio per dire cosa sia buono e cosa non sia buono, quale aziende siano grandi e quali no, nelle terre dei Borboni... Ma se così fosse, perché impedire al buon Morichetti di esprimere, con l'entusiasmo che lo contraddistingue, il bene che pensa di quel vino? Forse che questo "monopolio" viene in qualche modo intaccato o messo in discussione? Suvvia...

Rispondi
avatar

armando treccaffé

circa 8 anni fa - Link

Avete presente quelli che visitano la prima volta New York e la raccontano facendoci du palle? (cit. quot. ecc.) Ecco... proprio quello

Rispondi
avatar

mrignazio

circa 8 anni fa - Link

Pensandoci però New York è una grandissima città conosciuta da tutti, o per sentito dire, o per presa diretta, o da servizi in tv e via dicendo. Invece qui si parla di qualcosa di molto poco conosciuto come può essere un piccolo paese, si parla di un produttore piccolo viste le sole 13.000 bottiglie e se qualcuno non tesse le lodi di grandi prodotti poco noti come si fa a conoscerli?

avatar

armando treccaffé

circa 8 anni fa - Link

Caro mrignazio, certo hai ragione, la mia era una battuta :-)....

avatar

attoadivenire

circa 8 anni fa - Link

Se uno volesse farsi una verticale di Ciro Picariello....sono a vostra disposizione....o giovedi 28 aprile a Montelupo Fiorentino o su ww.attoadivenire.com ;) Grande Ciro onore di una Campania quasi dimenticata...Quella "contadina"

Rispondi
avatar

attoadivenire

circa 8 anni fa - Link

Potrete trovare le info sulla serata di giovedi 28 aprile su Facebook-attoadivenire....

Rispondi
avatar

Valentina

circa 7 anni fa - Link

La nuova trovata di Ciro, leggete leggete!!! http://thekinoreview.wordpress.com/2012/04/17/ciro-picariello-al-kino-mani-callose-finezza-danimo-e-uno-splendido-spumante-di-fiano/

Rispondi
avatar

vocativo

circa 5 anni fa - Link

Morichetti è iperbolico nello stile e nel racconto, non nell'inquadramento di un vino. Su questo convengo con Dottori. E poi lo sa benissimo anche lui di non essere stato il primo a scrivere del 2008 di Picariello. Ma come si dice, repetita juvant. Picariello non avrà cambiato il vino italiano, ma gli va dato atto di produrre grandi fiano fin dalla prima annata, il 2004. E uno che produce grandi fiano viene iscritto automaticamente nell'elite dei migliori bianchisti italiani. E poi parlare ora di Picariello, dopo il caso del brut contadino, potrebbe fare audience ;)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.