Nebbiolo Prima | Barolo 2006, impressioni a caldo

di Alessandro Morichetti

Mica roba da sbevazzoni, le anteprime. Nelle Langhe trovi nebbiolo pure nel rubinetto ma se vuoi capire l’annata ti tocca sputare tutto. Barolo 2006, per l’occasione. Il bello dello stare in poltrona è farsi dire dagli esperti come vanno le cose. La lista dei degustatori intercettati non necessita presentazione. Carlo Macchi (Winesurf) in versione torero si commenta da solo e Tiziana Gallo (Porthos) sembra uscita dalla Dolce Vita più che da una stanza di assaggiatori invasati. Due indizi fanno una prova: quanto ti dicono che un’annata è “classica”, significa che non è super. Vale per i Borgogna 2008 quanto per questi Barolo. Onore a Veronika Crecelius (Weinwirshaft) per la schiettezza.

Qualche nota di colore. La polo di Gianni Fabrizio (Gambero Rosso) è una botta di vita che la metà basta. Certo, gli stranieri ci mandano fior di giornaliste, noi gli mandiamo Giampaolo Gravina (L’Espresso Vini) con quella barba: roba da matti. Una cosa interessante però l’ho sentita: i degustatori riuniti qualche perplessità l’hanno espressa eppure l’annata 2006 era stata presentata come importante. Mi domando, possiamo ancora fidarci dei consigli “interessati”? [interviste di Francesca Ciancio, che cura tutti video della manifestazione Nebbiolo Prima]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

3 Commenti

avatar

francesca ciancio

circa 10 anni fa - Link

va fatta una precisazione importante le interviste sono state fatte dopo gli assaggi dei Barolo di Barolo e Novello, quindi non si parla dell'intera annata nè delle sue declinazioni per tutti i comuni

Rispondi
avatar

TERROIR

circa 10 anni fa - Link

si parla di "annata" ...pour parler...confido anch'io nei "tori" di Serralunga ma ammettere che non è come le aspettative anche se da uno spettro ridotto non mi sembra cattiva informazione.Da qui ad etichettarla ce ne corre...purtroppo ci toccherà bere...ribere...riribere...ririribere...che brutta vita...

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 10 anni fa - Link

Parlando esclusivamente della 2006 a Barolo (e Novello) dei produttori presenti a NP: nei Cannubi è stata una bella annata, classica, non stratosferica ma buona. Altrove, a mio avviso, solo discreta. Anch'io come un paio dei soggetti intervistati mi aspettavo più polpa, invece anche i campioni migliori erano spesso vini austeri e ben più verticali che orizzontali. Non c'entra nulla con la 2004, annata molto più aperta fin dall'inizio, della quale uno dei fili conduttori è un'alcolicità più o meno marcata presente in tutti i vini, anche nelle riserve assaggiate quest'anno, che però nei casi più felici riescono comunque a raggiungere un buon equilibrio. Col senno di poi, in ogni caso, trovo che Barolo sia il comune in cui il 2006 è stato migliore.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.