Montepulciano | Una verticale del Vino Nobile di Boscarelli è un viaggio in Toscana niente male

di Jacopo Cossater

Una verticale del Vino Nobile di Montepulciano di Boscarelli è un viaggio nella memoria, della denominazione ma anche del modo di intendere il vino in Toscana. Era il 1962 quando Egidio Corradi, padre di Paola, acquistò la tenuta il cui nome deriva dai Poderi Boscarelli, luogo di Cervognano dove ha sede la cantina con il primo nucleo di vigneti. Tempo due generazioni ed oggi la produzione è portata avanti dai due nipoti. Luca De Ferrari si occupa degli aspetti commerciali, Nicolò di vigne e cantina. La sfida è sempre la stessa, rendere grande il prugnolo gentile, altrimenti detto il sangiovese a Montepulciano.

Spaziare tra i millesimi 1983 e 2001 offre una prospettiva su più vendemmie che raccontano modi differenti di vinificare. Partiti con grandi vasche di cemento, dalla fine degli anni ottanta si è passati all’acciaio per convertirsi infine al legno a fine novanta. Quanto alla fermentazione, l’utilizzo di lieviti selezionati ha caratterizzato solamente il periodo più modernista della Toscana, attorno agli anni 1997/1998.

Veniamo alle uve. Anche bianche all’inizio di questa avventura, da sempre infatti il sangiovese – in particolare nel Chianti – veniva tagliato con malvasia e/o trebbiano. Poi si passò ad un uvaggio più classico, forse snaturato in certi periodi da piccole percentuali (fino all’otto per cento) di merlot. Infine, a partire dal 2001, ecco di nuovo un’interpretazione più tradizionale a base di prugnolo, colorino, mammolo e canaiolo. Eccoci arrivati alla verticale.

1983 | Frutto passito, quasi sotto spirito, affiancato da un terziario di grande eleganza. Ha grinta grazie ad una tannicità mai doma ed una spalla acida di spessore, forse a prevaricare leggermente sull’armonia generale dell’assaggio. ***+
1988 | Splendido. Finissimo nel raccontare sentori iodati, fragranti, anche di sottobosco. E poi è coerente, sottile, integrato in ogni sua componente. Di grande persistenza, di quelle indimenticabili. *****
1991 | Ha grande espressività, specialmente in bocca, dove tutte le componenti sono così perfettamente integrate. Freschezza, acidità, un tannino lieve. Paga qualcosa in chiusura, ma rimane il ricordo di un Nobile estremamente definito. ****
1995 | Si ammorbidisce un po’ (ecco il merlot) e sembra non avere quell’aristocrazia trovata in precedenza. ****
1997 | Profilo olfattivo bellissimo, mai troppo intenso, esprime una parte floreale di grande eleganza ed un frutto appena più croccante. Dinamico, mai domo nell’esprimersi e particolarmente pulito sul finale. ****+
1999 | Giocato su toni piuttosto soffici ma ugualmente austeri. Ha grande freschezza, tannicità non troppo invadente e bel finale. ****+
2001 | In grande forma, tradizionale e contemporaneo. Esprime grande piacevolezza in ogni suo aspetto. Il naso è fresco, profondo, espressivo. In bocca poi è articolato, vitale, ricco di elementi che piano piano sfumano verso un finale di grande eleganza. *****

“La prima produzione – ricorda Paola Corradi De Ferrari – era di 2.000 bottiglie. Abbiamo raddoppiato nell’anno successivo ma siamo arrivati a 30.000 solo nei primi anni settanta”. Oggi sono circa 80.000 ma l’obiettivo è rimasto invariato: produrre grandi vini a Montepulciano.

Jacopo Cossater

Comunicazione digitale ed e-commerce, è tutta una questione di vino, di birra e di trail running. Vive in Umbria, a Perugia, per motivi diversi ha un debole per NYC e per Stoccolma ma non potrebbe mai fare a meno dei ritmi dell'Italia Centrale. Su Intravino dal 2009.

4 Commenti

avatar

antonio boco

circa 8 anni fa - Link

L'88 piace molto anche a me e... alla mia cantina che ne conserva una Magnum...

Rispondi
avatar

Jacopo Cossater

circa 8 anni fa - Link

stappare! :D

Rispondi
avatar

amalia Perna

circa 7 anni fa - Link

Non ho assaggiato il vino dell'88 ma posso assicurare che il vino nobile della tenuta Boscarelli che ho bevuto pochi giorni fa era"" DIVINO"" e sto parlando di una riserva dell'anno 1976. Non me lo sarei aspettato ma era un elisir. Ricordo che lo acquistai direttamente dai proprietari coi quali facemmo merenda a base di pecorino e vino...altri tempi !! Comunque il vino l'ho bevuto adesso ed era sempre eccellente

Rispondi
avatar

gionni1979

circa 8 anni fa - Link

Bella verticale.... Boscarelli è uno dei produttori di nobile che mi piacciono di più!!!!!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.