I Barolo di Cavallotto e il rotomaceratore al servizio del bene

di Andrea Gori

Come si fa a gestire in maniera artigianale un cru storico come il Bricco Boschis in Langa? Per esempio lavorando senza dogmi e preconcetti. Con il continuo confronto, interrogandosi sui mezzi possibili che la tecnologia mette a disposizione, senza precludere nessuna via che consenta di lavorare in maniera umana, e di governare 24 ettari come se fossero mezzo: ovvero con il cuore. L’ingresso di casa Cavallotto sta su un piccolo tornante proprio di fronte al Castello di Falletto, e il Bricco Boschis si allarga abbracciando una collina bellissima ed un anfiteatro su cui si affacciano cru rinomati e affascinanti. Il cuore del Bricco sta quasi a metà con il cru San Giuseppe. Vigne storiche (40 anni e oltre), capaci di impeti straordinari, circondate da altro nebbiolo, freisa, dolcetto e barbera. Tutti parlano la lingua comune, che è quella del Bricco Boschis. Dall’altra parte vedo, lontano, a sorpresa una vigna di pinot nero, nata per l’Alta Langa (il metodo classico locale) e ora destionata ad un bianco sorprendente. Sotto il Bricco, in cantina, botti spettacolari anziane e quasi senzienti, da foreste di Slavonia appositamente scelte, incutono riverenza. Sotto ancora, il terreno, fatto di varie argille; arancione, rossa, gialla (quelle migliori) molto povere in elementi poi quella blu molto in profondità. Sabbia e marna stratificate, per una complessità difficile da ritrovare: la sabbia è importante per gli aromi. L’andamento climatico premia con la piogga i terreni più sabbiosi, mentre l’argilla richiede meno acqua.

Senso di riverenza e soggezione. Fortuna che Alfio, esperto e sensibile nel coltivare la terra in maniera naturale senza dogmatismi esagerati, passeggia in mezzo a tutto questo con naturalezza e confidenza e ti permette di scioglierti dopo un impatto iniziale forte e quasi religioso. La cosa che più sorprende sono i rotomaceratori, pietra della scandalo dalla generazione dei Barolo Boys. Qui piegati (con brevetto personale) al servizio del nebbiolo e capaci di effettuare una macerazione lunga e completa come una assistita manuale ma su volumi più importanti. Le macerazioni lunghe, tipiche di Langa, impongono una gestione complessa del cappello delle vinacce la cui rottura è fondamentale, perché le bucce del nebbiolo tendono a fondersi e lasciarsi attraversare dal mosto solo in certi canali, riducendo di molto l’estrazione. Ecco che la pala del rotomaceratore, finemente manovrata e non utilizzata a manetta per forti estrazioni in breve tempo, diviene una grande mano dell’artigiano, capace di assecondare il nebbiolo e coccolarlo quanto basta. Ed ecco i risultati:

Langhe Bianco 2009
Pinot nero vinificato in bianco, quasi rosato, vigneti del 1975, est nordest dai 220 ai 340 mt slm. Lieviti francesi, come per lo chardonnay. Naso bianco floreale e fragola accennata, corbezzolo e nocciola, sapido; tantissimo. 83

Freisa Langhe Rosso 2009
Fruttato pieno molta ciliegia, bergamotto, verde molto poco, appena di talco, bocca freschissima con note verdi più marcate, speziature fine e tipica. Bella complessità e godibilità per la tipologia. 80

Barbera d’Alba Vigna Cuculo 2007
Affilata ma sempre Barbera, la Langa l’asciuga ma il frutto è interessante: molto ribes nero e prugna, accenno di gomma, bocca asciuttissima con tannino vivace, grande sapidità e acidità, finale agrumato. 83

Barolo Bricco Boschis 2007
Floreale, ampio, fruttato, pasta di mandorla e coccoina, ribes rosso e mora, glicine e lavanda. Bocca elegante, dritta, di soddisfazione, ritorna tanto in bocca anche se ovviamente tra un annetto in bottiglia sarà molto più godibile. 88

Barolo Bricco Boschis 2006
Fruttato e aperto, fragola e lampone, solare e ricco, la bocca è già godibilissima e splendida, ariosa e appagante. Un equilibrio notevole. 92

Barolo Bricco Boschis Riserva 2005 Vigna San Giuseppe
Uscito a settembre; lavanda, glicine, lacca, mentolato fine. Bocca ricca di rivoli e sfumature solo in parte espresse, in nuce. Finale sontuoso, balsamico torrenziale, un vero vino godimento. 95

Barolo  Riserva Vignolo 2005
Carattere più etereo e meno fruttato, liquirizia e ginepro, bocca più equilibrata, più secco; concede meno alla voluttà ma ha un carattere particolare che invita alla scoperta continua. 90

Barolo Riserva San Giuseppe 2004
Appuntito, balsamico e glicine, appena canforato con frutta sottospirito fantastica, mandorla, terriccio, bocca sontuosa e felpata, integra e compatta. Allunga e appaga anche se è in una fase di chiusura momentanea. Non. Abbiamo. Fretta. 93+

[Qui altre immagini della visita a Cavallotto]

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

5 Commenti

avatar

alvaro pavan

circa 8 anni fa - Link

molto ribes nero nella barbera?! Ma è Barbera o cabernet sauvignon... un profilo aromatico che mi lascia alquanto perplesso... lieviti francesi anche qui... mah Saluti, Alvaro Pavan

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

anche se la mia esperienza di Barbera è molto limitata, io direi che il ribes nero è un sentore parecchio comune, ma non credo sia dovuto al taglio con altri vitigni, solo una grande concentrazione

Rispondi
avatar

Gianpaolo Paglia

circa 8 anni fa - Link

scusa la domanda ovviamente scema, perche' ribes nero? quale altro ribes esiste?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 8 anni fa - Link

almeno anche ribes bianco e rosso! http://www.agraria.org/coltivazioniarboree/ribesnero.htm

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

Bevuti proprio oggi, ad una manifestazione fiorentina, i Baroli confermano quello che tu hai scritto. Vivo è ancora il ricordo dei meravigliosi etteri, di proprietà e conduzione Cavallotto, dall'enorme e intuibile equilibrio dell'ecosistema. Una delle mie aziende preferite, complice anche la signorilità di Alfio Cavallotto.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.