Gli stili della birra | Se bevi vino devi conoscere i barleywine

di Marco Pion

Secondo me il 2012 sarà l’anno dei barleywine, uno stile che ha tutto per piacere: complessità, personalità, calore ed un certo distacco dall’idea tradizionale di “birra”. Ma come sono queste birre? Con barleywine intendiamo un particolare stile di birre di stampo anglosassone e di alto tenore alcolico, di solito intorno a 10 gradi e più. Tradizionalmente, è la birra a più alta gradazione prodotta dal birrificio e necessita una lunga maturazione per essere messa sul mercato all’inizio dell’inverno. Nobile, complessa e costosa, probabilmente ha questo nome – letteralmente “vino d’orzo” – per il suo essere “come un vino”. E’ uno stile particolarmente adatto all’invecchiamento e spesso esprime il meglio di sé dopo aver riposato qualche anno in cantina. I barleywine, dopo un periodo di oblio, stanno vivendo una seconda giovinezza anche grazie alla nuova spinta allo stile proveniente da oltreoceano.

Questa tipologia raggruppa una gran varietà di birre abbastanza eterogenee quindi non c’è una vera e propria linea-guida per riconoscerle. In generale, i barleywine inglesi sono caratterizzati da un aroma fortemente maltato con note di frutta secca. Le note alcooliche non sono mai pungenti al naso. Con l’invecchiamento le note di melassa e toffee si arricchiscono di un buquet quasi da sherry, con note ossidative e vinose. In bocca è presente una certa dolcezza di base ed un corpo pieno con caratteristiche tipicamente vinose e vellutate. L’alcolicità è presente, ma non dovrebbe essere ruvida o troppo “calda” ma quasi nascosta. L’utilizzo di luppolo è di solito generoso, ma in amaro e non in aroma e con l’invecchiamento tende a scemare; in bocca, ben supportato dal malto, tende a dare una piacevole lunghezza alla birra.

Negli Stati Uniti veniva chiamata “barleywine” qualsiasi birra ad alta gradazione alcolica (indicativamente sopra il 10%) per il semplice fatto che non si sapeva (ancora) come catalogare queste birre. I barleywine americani, a differenza di quelli inglesi, sono caratterizzati da una forte presenza del luppolo, spesso anch’esso statunitense, anche in aroma; con le sue note agrumate o/e resinose “stampa” questo stile rendendolo inconfondibile mantenendo comunque una grande enfasi anche sulla parte maltata, ricca e complessa, che dona alla birra un gran persistenza in bocca.

Bene, la teoria è questa, ora facciamo i nomi. Alcuni esempi di barleywine inglese sono la Thomas Hardy’s Ale (ormai non più in produzione ma non introvabile ed ottimo esempio di invecchiamento) , la J. W. Lee’s Harvest Ale, brassata come tributo al raccolto e messa in vendita il primo dicembre e la Fuller’s Golden Pride.

Sull’altro lato dell’oceano come esempi dello stile abbiamo, tra le altre, Sierra Nevada Bigfoot, Great Divide Old Ruffian, Avery Hog Heaven Barleywine, Anchor Old Foghorn e Flying Dog Horn Dog.

E in Italia? Tra le molte produzioni artigianali sono buoni esempi dello stile La Prima Luna e l’Ultima Luna (Prima Luna con ulteriore maturazione in botte) del Ducato e la SediciGradi del Borgo. Esempi “border line” dello stile ma da provare sono anche la Torbata di Almond 22 e la O.G. 1111 del Carrobiolo; due birre che hanno in comune l’utilizzo di malti torbati e la capacità di sorprendere. Gli esempi possono essere molti e sono curioso di capire chi tra i lettori ha già avuto modo di farsi un’idea su queste birre.

27 Commenti

avatar

Schigi

circa 9 anni fa - Link

Come si può dimenticare la Xyauyù?(nelle sue varie versioni...la mia preferita l'introvabile Fumé.) Come sono Mussiano, in questo periodo... ;-)

Rispondi
avatar

Fr@

circa 9 anni fa - Link

E come dimenticare la mia chestnut barleywine?! Quasi quasi la porto in crociera quest'anno. E cmq se bevi vino devi conoscere loverbeer, panil e cantillon ancor più che i barleywine

Rispondi
avatar

Schigi

circa 9 anni fa - Link

Se bevi vini andati a male...

Rispondi
avatar

Tyrser

circa 9 anni fa - Link

Non ho dimenticato, Non l'ho messa apposta per stimolare i commenti :-) E perchè nel prossimo post... La Fumè l'ho avvistata e comprata recentemente a Roma, insieme a qualche lamina d'oro.

Rispondi
avatar

Schigi

circa 9 anni fa - Link

Diventi agricolo pure tu??

Rispondi
avatar

Jade

circa 9 anni fa - Link

lo dico da ragazza e da beer-dummie: i barleywine sono la mia nuova religione. carezze di velluto che arrivano all'anima. roba che al confronto il comfort-food è cartavetro.

Rispondi
avatar

Schigi

circa 9 anni fa - Link

http://www.tyrser.com/2011/12/30/previsioni-per-il-2012.htm ROTFL...sei la sorella di Tyrser, confessa!!

Rispondi
avatar

Jade

circa 9 anni fa - Link

abbastanza

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 9 anni fa - Link

Stile che adoro, certo non sono session beer ma per chiudere una serata non chiedo di meglio. Nelle fotine ci sono le mie due preferite (Thomas Hardy's e Old Foghorn), oltre alla già citata Bigfoot aggiungerei un altro paio di yankee, la Behemoth di Three Floyds e la Angel's Share di The Lost Valley.

Rispondi
avatar

Tyrser

circa 9 anni fa - Link

La Angel’s Share è di Lost ABBEY , birrificio di San Marcos, California. Uno dei migliori imho. Non facile da trovare....

Rispondi
avatar

INDASTRIA

circa 9 anni fa - Link

Angel's share Bourbon, veramente un dono per gli angeli.

Rispondi
avatar

Marco

circa 9 anni fa - Link

Io mi ricordo che quando ero giovine e collezionavo etichette di birra col mi babbo pur nella completa ignoranza del prodotto... la Thomas Hardy’s Ale fu l'unica birra che per due volte non riuscimmo a strozzare... Adesso che sono sommelier, ancor più appassionato di birra con almeno una infarinatura (almeno.... ;-) ) del prodotto, e con qualche migliaio di etichette nella collezione.... non so che darei per riassaggiarla...

Rispondi
avatar

terry

circa 9 anni fa - Link

Bell post! Io ho ottimi ricordi della xiaoyu nella versione xfumè: una delizia e anche la Geisha di Troll

Rispondi
avatar

David

circa 9 anni fa - Link

Tecnicamente, non sarà al 100% un barley wine, ma posso dire che la BB10 del birrificio Barley è guduriosa assai?

Rispondi
avatar

Tyrser

circa 9 anni fa - Link

Assolutamente sì

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 9 anni fa - Link

Conosco bene l'invernale torbata del Carrobiolo ma non sapevo che rientrasse nella categoria barleywine (che invece credo di non conoscere). La abbino con grande goduria al "Cusiè" di Beppino Occelli, formaggio affinato in orzo maltato e whisky. Bevuta da sola rappresenta un ottimo dopo cena, dato che, grazie al suo finale lunghissimo, ne basta un bicchierino. Nel caso il resto della bottiglia lo avanzo per altre gustose serate.

Rispondi
avatar

Marino

circa 9 anni fa - Link

Aggiungerei Mikkeller Big Worst, De Molen Bommen&Granaten, Nøgne Ø Sunturnbrew (malti torbati)e Andhrímnir di italiani invece oltre al già citato Carrobiolo (che è il migliore per me) è interessante quello di Elav Progressive Barley Wine poi aggiungerei Noa di Almond 22 e l'interessante Barley Bock di Menaresta dove ci sono anche le carrube!

Rispondi
avatar

Leonardo

circa 9 anni fa - Link

La butterò di fuori (non so se si può infilare tra i barleywine) ma fra le italiane mi piace segnalare pure La Turbata di un birraio fiorentino che si chiama Real Beer (di cui mi piace quasi tutta la gamma, devo dire). Ovviamente, dal nome, si capisce che viene fuori da malti torbati. :-)

Rispondi
avatar

SR

circa 9 anni fa - Link

purtroppo - notizia di servizio - ha da poco cessato di produrre

Rispondi
avatar

SR

circa 9 anni fa - Link

a me mi piace la Xtrem del Bi-Du bevi bene bevi sano bevi italiano (cit.)

Rispondi
avatar

Lido Vannucchi

circa 9 anni fa - Link

Scusate una riflessione ma ora questa moda dei Micro birrifici, molti di essi producono buone birre, ma alcuni non stanno Luppolando troppo, un uso smodato del Luppolo non fa effetto barrique, vino. ? a voi la risposta. ciao Lido

Rispondi
avatar

Tyrser

circa 9 anni fa - Link

Discorso ampio e complicato. Il luppolo è uno degli ingredienti fondamentali della birra ed è forse quello su cui si spinge di più alla ricerca dell'estremo e dell'esotico. Ne discuteremo presto!

Rispondi
avatar

SR

circa 9 anni fa - Link

non hai tutti i torti. secondo me il vero problema è che beve *solo* luppolatissimo (ovviamente un certo tipo di luppoli) e chi scarica carriole di luppolo nel bollitore tanto per scaricarle

Rispondi
avatar

Lido Vannucchi

circa 9 anni fa - Link

@sr. Cosa vuole dire bevi Italiano, malto, orzo, altri componenti, luppolo, coltivati in Italia, oppure importati e lavorati in Italia. La cosa e' ben differente. Ciao Lido

Rispondi
avatar

SR

circa 9 anni fa - Link

è una battuta che può capire solo chi conosce il mitico Lallo... tipo il Pion autore di questo articolo :)

Rispondi
avatar

salvatore

circa 6 anni fa - Link

Ma del birrificio carrobiolo non ce niente di buono infatti in zona e il peggiore meglio menaresta rurale e Lambrate x chi e della zona

Rispondi
avatar

Tyrser

circa 6 anni fa - Link

Salvatore, sono tue opinioni. I birrifici che citi sono validissimi, ma lo è certamente anche il Piccolo Opificio Brassicolo del Carrobiolo - Fermentum che si è meritato la chiocciola nella Guida Slow Food 2014 Se tu non ci trovi nulla di buono sono gusti tuoi personali, non generalizzare. Ti invito ad andare a trovare Pietro Fontana, il birraio, e ad assaggiare le birre insieme a lui, magari cambi idea. PS Nessuno dei birrifici che indichi produce, per ora, un barleywine.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.