Facciamo che dopo un Barolo Chinato del 1950 si torna tutti dal mare per lavorare

di Alessandro Morichetti

Una storia mista a leggenda narra che venne al mondo nel 1870, quando il farmacista Giuseppe Cappellano da Serralunga d’Alba lo vendeva nella sua bottega torinese come lenimento medicamentoso e antimalarico. Il Barolo Chinato è un vino aromatizzato fatto di Barolo a cui si aggiunge una soluzione idroalcolica con zucchero e spezie (tra cui la china calissaia che lo caratterizza). Più o meno ogni produttore ha la sua ricetta. Il Barolo Chinato dei Cappellano di oggi è una delizia allo stato puro e chi non lo conosce non sa cosa si perde. Dolce, speziatissimo, profondo, ogni volta è amore.

Augusto Cappellano è un tenero quarantenne e porta avanti l’azienda di famiglia, dopo la scomparsa del padre Teobaldo, indimenticato anarchico di Langa. Ci siamo emozionati insieme assaggiando una bottiglia degli anni Cinquanta (da stima della licenza fiscale Utif), aperta tre anni fa: colore arancione scarico e trasparente, tamarindo, ginger, Aperol e frutta secca al naso. Un viaggio nello spazio-tempo che stupisce. Il sorso è snello, poco dolce, l’acidità vibrante lo rende godibilissimo e persino sottile. Invitante e nitido su rimandi finali di noce. Racconta colline sopravvissute alla guerra, la saggezza contadina dei tonici-corroboranti, 13 “droghe” che hanno passato indenni i decenni. Emozioni.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

18 Commenti

avatar

Francesco Annibali

circa 8 anni fa - Link

Il più grande vino aromatizzato del quale abbia conoscenza, ogni volta che lo assaggio non credo al mio naso. Ma serve invecchiarlo? Le spezie non lo "ingessano"?

Rispondi
avatar

Paolo

circa 8 anni fa - Link

Si, imho serve invecchiarlo. Te lo sapranno spiegare quelli che han fatto le sQuole alte, ma i prodotti su base speziata (vale per gli alcolici, ma con le debite proporzioni con i dolci) nel tempo cambiano, migliorano. Paolo

Rispondi
avatar

Giovanni Arcari

circa 8 anni fa - Link

Anche per Augustus, ippi urra! :-)

Rispondi
avatar

anonimo

circa 8 anni fa - Link

buonissimo ma a piccolissime dosi. un "vino" davvero per pochi. addendum cit. "Augusto Cappellano è un tenero quarantenne.." Moricchia sta varcando la linea sottile della gaytudine.

Rispondi
avatar

Massimiliano Montes

circa 8 anni fa - Link

Confermo il tenero :-) Non ho varcato quella soglia, ma per quello che conosco Augusto è una splendida persona.

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 8 anni fa - Link

Per arrivare ad "aromatizzare" il Barolo bisogna proprio averne da buttare... un po' come usarlo per fare il brasato ...

Rispondi
avatar

Nicola

circa 8 anni fa - Link

Dovresti assaggiarlo.. cambieresti idea. Avercene da buttare così :)

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 8 anni fa - Link

Mah, per il momento rimango dell'idea che un buon Barolo vada chinato solamente quel tanto che basta a farlo scendere nel bicchiere

Rispondi
avatar

Angelo Di Costanzo

circa 8 anni fa - Link

Perchè sentori di Aperol (con tanto di A maiuscola)? Dire scorze d'arancia ed erbe officinali macerate è così passato di moda? :-)

Rispondi
avatar

Giorgio

circa 8 anni fa - Link

Non sono un amante del vino, ma amo i colori, i profumi, la cultura che questo ha diffuso nel mondo, soprattutto dalla mia zona

Rispondi
avatar

carolina

circa 8 anni fa - Link

cappellà, avanzo anche mi quest'asaggio di vecchiume zio ken!

Rispondi
avatar

Nicola & Barbara

circa 8 anni fa - Link

Noi c'eravamo.. e ci è pure toccato tornare a lavorare. Grazie Augusto!

Rispondi
avatar

EnotecaRomani

circa 8 anni fa - Link

Grandissimo il Chinato di Cappellano,come pochi ce ne sono,purtroppo !!!

Rispondi
avatar

salva

circa 8 anni fa - Link

.....e lo troviamo a via Pisa???

Rispondi
avatar

Luca Cravanzola

circa 8 anni fa - Link

Troppo buono!!!

Rispondi
avatar

Augusto

circa 8 anni fa - Link

Caro Morichetti, ti ringrazio per la tua piacevolissima visita, ed ancor più ti ringrazio per questo articolo. Mi preme però sottolineare alcuni punti. Ben comprendo il tuo disappunto e la stizza provocata dalla stima di una nostra commensale sulla tua età, valutandoti più vecchio di me (sebbene anagraficamente di gran lunga più giovane), ma ancora due anni attenderò prima di ragiungere i 40. E sebbene la bellezza del tuo articolo mi abbia profondamente emozionato, ci tengo ad evidenziarti la mia totale e comprovata eterosessualità: preferisco se rimaniamo amici. un caro saluto, Il tenero Augusto

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 8 anni fa - Link

Peccato, vi avevo già comprato gli anelli...

Rispondi
avatar

Massimiliano Montes

circa 8 anni fa - Link

Per avere un'idea della particolare sensibilità di Augusto, è sufficiente leggere le parole che usa per descrivere il papà: http://www.cappellano1870.it/Cappellano_Dr._Giuseppe/Baldo.html

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.