Bonarda Giada La Costaiola | Chi ha detto che i premi non servono?

di Fiorenzo Sartore

CostaiolaQuei saputelli di Intravino dicono che le medaglie ai concorsi enologici non fanno vendere più vino. Maddai, forse dipende dal tipo di medaglia, o da chi la conferisce. E tutti gli altri premi, poi, almeno quelli servono? Bicchieri stelle cavatappi e pacche sulle spalle faranno vendere di più? Io dico che (un po’) sì. Ieri leggevo dei Top Hundred di Paolo Massobrio e Marco Gatti. Tra i molti premiati, cribbio, la mia Bonarda di riferimento: Giada 2008, degiada La Costaiola. Insomma, ho voluto riaprirne una bottiglia subito. Ecco, visto che i premi servono?

Ovviamente spumeggia molto. Ammappala quanta spuma rossa. Poi, ogni volta che si olfaziona una Bonarda seria, si declinano i riconoscimenti di frutta rossa più mirabolanti e questa non fa eccezione: ma che ci sento? Cassis? More? Ciliegie sotto spirito? Questi ed altri. In bocca le bollicine spazzano perfettamente il palato – da provare assolutamente con del parmigiano stagionato – e ritorna quella frutta veramente goduriosa, lunga, intensa. Ottimo lavoro, almeno 82/100.

[Il sito di Costaiola è under construction. L’azienda si trova in Via Costaiola, 25 – 27050 Montebello della Battaglia (Pavia) – tel. 0383 83169]

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

1 Commento

avatar

Bacco

circa 11 anni fa - Link

se ti liberi un attimo, ti faccio fare un giretto in oltrepo come si deve...non che la "tua" bonarda non sia buona....ma c'è anche altro ;-)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.