Argento Vino

di Andrea Gori

Il bicchiere d’argento migliora o peggiora il vino? Di sicuro il metallo interagisce con il vino e ne cambia alcune caratteristiche. Parola del Rosso Leonardo Romanelli e del Nero Andrea Gori, ospiti a cena dell’argentiere fiorentino Brandimarte per saggiare una linea di bicchieri di argento extralusso. I due “tecnici”, indossato il tovagliolo d’ordinanza, hanno testato bollicine, Brunello e tutta una serie di altri vini, rigorosamente alla cieca e senza l’uso delle mani. C’è differenza tra argento e vetro? I primi risultati del rigorosissimo test ci dicono che l’argento è un materiale vivo, che modifica il vino e lo rende meno alcolico e morbido. Si accentuano per contro, acidità, tannino e sapidità e si abbassano le temperature (l’argento si fredda subito). Nel caso di vini un pò morbidi, troppo larghi e stucchevoli (gewurztraminer, bolgheri, merlot potenti) il risultato è addirittura straordinario: i vini migliorano e tanto!

Abbiamo trovato insomma il calice perfetto per un Masseto 2006, anche se, a conti fatti, il bicchiere costa quanto il vino (300 europei). Ne vale la pena? Beh, intanto il calice d’argento non si rompe come un cristallo qualunque, e poi vi riveliamo un segreto: anche il signor Riedel lo usava…

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

14 Commenti

avatar

Luca Ferraro

circa 10 anni fa - Link

Domanda: secondo voi la forma del bicchiere potrebbe aver influenzato l'assaggio tanto quanto il materiale? Luca

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 anni fa - Link

su questo siamo stati rigorosi ovvero abbiamo usato bicchieri della stessa forma ma in materiali diversi per entrambi gli assaggi!

Rispondi
avatar

Niki Marsél

circa 10 anni fa - Link

Ma ... l'analisi del colore? la saltiamo a piè pari?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 anni fa - Link

sui vini "chiari" come i bianchi e i pinot neri l'argento fa risaltare molto bene il colore e dona dei giochi di luce bellissimi. su quelli più scuri li incupisce...ma oggi come oggi l'analisi visiva non ha tutta questa importanza

Rispondi
avatar

Niki Marsél

circa 10 anni fa - Link

Siete molto simpaticamente sbarellati !

Rispondi
avatar

Fabien Butazzi

circa 10 anni fa - Link

domanda: e invece il tappo di vetro? l'ho visto pochi giorni fa e ne tessevano le lodi...

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 anni fa - Link

fa molto scena e ai clienti piace la novità ma ZERO garanzie di tenuta nel tempo, visto che non è il vetro che chiude ma il silicone che è alla base. Però sui vini da consumarsi entro un paio di anni fa la sua porca figura

Rispondi
avatar

Alberto G.

circa 10 anni fa - Link

Certo e' che alcuni i vini biodinamici e bio sono "troppo buoni" e forse hanno ampi margini di crescita visto che siamo quasi agli inizi del viaggio.Non penso vi siano molti di loro che vantino es.vigne vecchie e tante vendemmie alle spalle.Al di la' degli estremismi, sappiamo quanto buoni possano essere i"tradizionali". Aspettiamo un po anche per i biodinamici, di cui intanto si puo' parlare senz essere tacciati di lesa maesta'.Ciao magari ci si vede da Burde il 31.

Rispondi
avatar

Alberto G.

circa 10 anni fa - Link

Ragazzi scusatemi, questo era un commento ai vini biodnamici scrtitto sempre da Gori, non so come ho fatto. Ma gis' che ci sono dico che mi incuriosisce anche questo test sui bicchieri d'argento (a patto che li comprino gli altri).

Rispondi
avatar

Cristian

circa 10 anni fa - Link

Lo stesso grappolo d'uva spremuto in Sicilia,imbottigliato in due bottiglie identiche,una spedita a milano l'altra trattenuta in sicilia,aperte nello stesso momento e assaggiate,perche' il sapore cambia? anche se il trasporto viene effettutatio con criteri che garantiscano lo stesso criterio della cantina che custodisce quello che e' rimasto in Sicilia? perche? grazie cristian da MB

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 anni fa - Link

se è un vino "naturale" ovvio che il trasporto, anche se effettuato nel miglior modo possibile, altera il vino, spesso però in maniera impercettibile. Secondo me sono molto più sensibili invece le differenti condizioni climatiche e ambientali nel quale il vino viene degustato. E poi non dimenticare che sono sempre due persone diverse che lo assaggiano!

Rispondi
avatar

Salvatore

circa 10 anni fa - Link

Dove si possono trovare dei bicchieri da vino in argento ?

Rispondi
avatar

Bianca Guscelli

circa 8 anni fa - Link

Ciao Salvatore. I bicchieri si trovano da Brandimarte in Viale Ariosto a Firenze, ti aspettiamo!

Rispondi
avatar

Fabio

circa 2 anni fa - Link

Il bicchiere dovrebbe essere d'oro al massimo placcato 24carati allora sì che un buon rosso si apre prende il massimo dell ossigenazionazione l 'argento va bene per un vino bianco.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.