Anteprime Toscane 2010 | La Vernaccia di San Gimignano

di Andrea Gori

vernaccia

Finalmente le anteprime del vino toscano! 10 giorni per conoscere le annate che stanno arrivando sul mercato di Vernaccia di San Gimignano, Chianti Classico, Nobile di Montepulciano e Brunello di Montalcino. Così come a tavola, si inizia dal bianco e allora siamo andati a San Gimignano per scoprire l’annata 2009. Cosa vuol fare da grande la Vernaccia? Scopriamolo insieme in questa che sarà la prima delle degustazioni in programma.

Azienda Agricola Casale Falchini
Vigna a Solatio 2009 – Delicato lychees, penetrante iris, gelsomino, bella bocca pungente. 85
Abvinea Doni 2008 – Fruttato intenso di pesca, fragola e confettura d’albicocca. Bocca molto ricca, quasi candita. 87
Riserva 2007 – Naso salato di mare, marmellata di agrumi, miele appena e poi resina.Bocca bellissima. 90

Podere La Marronaia
Visila 2009 – Profumi di ciclamino, tiglio, fiori bianchi bellissimi, naso lieve e penetrante. Bocca minerale non freschissima, ma bel citrino. 85
Vernaccia Riserva 2008 – Naso tipico, bocca gessosa, iodata. 80

Cappella Sant’Andrea
Vernaccia 2009 – Citrino bello, floreale. La bocca è semplice ma con un bel finale di pompelmo. 80
Rialto 2008 – Nocciola, burro, frutta tropicale accennata. Bocca succosa, ancora acerba ma già interessante. 84

Zeta Project Mattia Barzaghi
Zeta 009 – Pesca piena ricchissima, con finale che sa di pera, vivo come non mai. 90
Impronta 2009 – Il solito breezer, immediato e godibile. 87
Cassandra 2009 – Ancora forte il legno, ma stoffa in abbondanza. Fresca e fruttata.
84

Ca’ del Vispo
Vernaccia 2009 – Citrino pompelmoso interessante. Bocca profonda, non molto minerale, carnoso. 79
Vigna in Fiore 2009 (da botte) – Bel corpo snello elegante, un po’ calda ma di ottima persistenza. 85

Tenute Niccolai
Vernaccia 2008 – Mughetto, talco e fiori gialli. In bocca è un po’ amarognola. 78
Santa Chiara 2009 – Versione in barrique della precedente. Il legno ne aumenta intensità e corpo. Nota sapida ben marcata. 83
Riserva 2006 – Legno un po’ in evidenza, bel corpo, albicocca amarognola, niente male e giovanissima. 84

Panizzi
Vernaccia 2009 – Profumi ancora un po’ chiusi, ma bocca di una sapidità coinvolgente. 85
Vigna Santa Margherita 2008 – Naso burroso, speziato e resinoso. Bocca d’arancio, e sapidità bellissima. 86
Riserva 2006 – Imbottigliato da poco ma si sente un fruttato caldo di mango e papaya incantevole. Bocca piena e calda, da seguire per un decennio. 90
Evoè 2007 – Camomilla e resina, confettura di arancia: sa di sole come poche altre! Bocca ricca ed equilibrata, gustosissima. 88

Signano
Vernaccia 2009 – Intensa e croccante, bocca semplice ma lieve. 81
Poggiarelli Selezione 2009 – al naso è ancora reticente, ma grandissima bocca succulenta di frutti tropicali, mora di gelso e pesca. 87

Vagnoni
Vernaccia 2009 – Quasi balsamica, al naso sa di cipria e floreale. Bocca sostanziosa e dinamica. 83
Riserva 2007 – Profumo lieve di burro, frutta candita e di erica. Bocca elegantissima, ma ancora in divenire. 85

San Quirico
Vernaccia 2009 – Naso caratteristico dei vini di San Quirico, bocca di sapidità estrema e poi giglio, pesca e noce moscata. 85
I campi santi 2006 – Salata al naso, molto floreale e fruttata, lychees. Bocca semplice ma avvolgente. 86

Lebbio
Vernaccia 2009 – Naso tranquillo ma bocca ricca quasi di fragola, con bel finale agrumato. 78
Tropie 2009 – Balsamico lieve di menta, bocca gessosa che perde un po’ di frutta. Conviene aspettare. 86

Guidi
Vernaccia 2009 – Si sente il tiglio e una leggera paprika, naso complessivamente lieve. Bocca molto equilibrata, con sapidità ben dosata. Pompelmo nel finale (etichetta stupenda e geniale). 85

Fontaleoni
Vernaccia 2009 – Naso di fiori di campo, tiglio, pepe rosa. Bocca ancora da comporsi, ma freschissima e persistente. 85
Vigna casanuova 2008 – Naso bellissimo, candito di agrumi e lamponi, e poi fieno e gelsomino. Grande bocca davvero completa. 93
Riserva 2007 – Naso gessoso, leggero zafferano. Bocca poco profonda, un po’ appiattita dal legno. 82

Mormoraia
Vernaccia 2009 – Incantevole e ricco il naso, sa di mughetto e tiglio, pesca bianca matura. Bocca perfetta in linea con il naso, citrina, sapida. 87
Riserva 2009 – Profumi di Albicocca e ananas e a seguire il miele d acacia. Bocca sontuosa di ananas e lychees. 90

Cesani
Vernaccia 2009 – Naso ancora un po’ chiuso, ma pompelmo puro in bocca, ricca quasi sontuosa. 85
Sanice 2008 – Sensazioni di cipria e rosa, agrumi e ananas. Bocca sapidissima, ricca e concentrata, deve ancora distendersi. 85

La Castellaccia
Vernaccia 2009 – Naso che sa di lychees e caramella ai frutti di bosco. Citrino, bocca vivace, bel finale. 85
Murice 2008 – Bella sapidità al naso e alla bocca, che ricorda la camomilla e il ginseng. Molto particolare. 87

La Lastra
Vernaccia 2009 – Piacevole, profuma di mela e pesca, bocca semplice. 78
Riserva 2008 – Menta leggera, acacia e un po’ di agrumi. Bocca appena sapida molto aranciata, notevole. 83

Guicciardini Strozzi
Titolato 2009 – Naso che sa di agrume citrino, bocca fresca e salda, solida. Grande rapporto qualità prezzo. 86
Cusona 2008 – Vernaccia nitida e corposa, naso di arancio candito e poi leggermente balsamico. Al solito particolare, non per tutti ma per me ottima. 89

Poggio Alloro
Vernaccia 2009 – Intenso floreale campo, bella nota citrina freschissima. 84
Mandorle 2008 – Naso salmastro e gessoso da idrocarburi e albicocca, fiori campo. Bocca stupenda in crescita, ma per ora durissima, da sensazioni forti. Da seguire e aspettare. 89

Campochiarenti
Vernaccia 2009 – Appena sapida con naso di acacia e tiglio, finale floreale. Bocca lieve, poco personale. 78
Campochiarenti 09 – Lychees e amarognolo leggero, con finale fruttato di mela golden. 84

Agricoltori del Geografico
Vernaccia 2009 – Naso di more e fieno, ananas e vena minerale che ritroviamo pari pari in bocca, con più corpo del solito. 84

Il Palagione
Hydra Vernaccia 2009 – Suadente al naso come l’onda in etichetta, note di zafferano e crema pasticcera, ginger e sapidità accentuata. Bocca particolare, con finale molto interessante. 85
Riserva Ori 2008 – Naso che profuma di lieviti dolci, burroso e tostato con pompelmo in sottofondo. Bocca piena, decisa ma elegante. 86

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

1 Commento

avatar

Simone e Zeta

circa 8 anni fa - Link

Mannaggia! Mi son perso il vino di Fontaleoni....la prossima volta urla!!!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.