A Milano vive un gruppo di fenicotteri rosa. Stella Retica è un Sassella di Arpepe che vola alto

A Milano vive un gruppo di fenicotteri rosa. Stella Retica è un Sassella di Arpepe che vola alto

di Graziano Nani

A Milano vive un gruppo di fenicotteri rosa. Potete incontrarli non lontano da Porta Venezia, nel giardino di Villa Invernizzi, proprio quella del signore dei formaggini. Dietro il loro splendido colore si nasconde un segreto: una dieta ferrea a base di gamberetti rosa. Senza questi, il loro piumaggio virerebbe subito verso un banale bianco.

Pensavo fosse lo stesso per la Stella Alpina, ero certo che senza le rocce delle Alpi non potesse essere lei, invece ho scoperto che si trova un po’ ovunque, dagli Appennini all’India, fino alla Mongolia. Io continuo a pensare che l’originale sia quella delle Alpi. La mia preferita in assoluto non si trova in alta quota, ma cresce spontanea su un’etichetta di Arpepe.

Stella Retica è un Sassella che fa sei giorni di macerazione prima di trascorrere due anni in botte grande. Il suo carattere riflette i vini di Valtellina in ogni minimo dettaglio, senza variazioni sul tema. A partire dal colore rubino molto scarico fino ad arrivare al naso di violetta e piccoli frutti. In bocca è tutto un rimbalzo tra frutta, spezie, sentori balsamici e riverberi ferruginosi, con un allungo formidabile giocato su note nere di liquirizia. Si accompagna bene ai piatti tipici della tradizione valtellinese, ma la sua versatilità lo rende adatto anche a esperimenti più audaci.

La prossima volta lo provo con un cocktail di gamberetti e formaggino Invernizzi.

 

Schermata 2017-05-01 alle 12.42.59

 

STELLA RETICA 2011
Provenienza: Valtellina Superiore DOCG
Produttore: Arpepe
Uve: 100% Nebbiolo Chiavennasca
Prezzo: 26 euro

[Illustrazione di Filip Morganti]

avatar

Graziano Nani

Frank Zappa con il Brunello, Hulk Hogan con il Sassella: per lui tutto c’entra con tutto, infatti qualcuno lo chiama il Brezsny del vino. Divaga anche su Gutin.it, il suo blog. Sommelier AIS, lavora a Milano ma la sua terra è la Valtellina: i vini del cuore per lui sono lì.

2 Commenti

avatar

Massimiliano

circa 3 anni fa - Link

Bevuto la scorsa settimana con un enorme piatto di pizzoccheri.. quello che si direbbe abbinamento di territorio, in ogni caso vino meraviglioso, espressione perfetta di un vino ben fatto con perfetta adesione territoriale

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 3 anni fa - Link

...molto bella la premessa e molto bella la descrizione. Sono , inoltre, felice . Felice perché annovero i vini di Ar.Pe.Pe fra i vini non solo "tecnici" , non solo "territoriali" né solo "buoni" , quanto veri e propri vini "poetici" , che danno un senso di piacere cerebrale oltreché fisico. In pochi al mondo hanno il potere di elevare il vino quasi ad un concetto spirituale all'interno di una categoria , e spero di non fare sorridere se li associo , per le loro caratteristiche , ai vini di Leroy oppure Soldera oppure ai poveri (nel senso di scomparsi troppo prematuramente) Bonneau e Arnoux . Un fil rouge che lega questi vini in una sorta di filosofia ed interpretazione quasi esoterica ...

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.